Panini DC Comics propone una ristampa dei fumetti di Fables, una serie diventata ormai classica, e che è partita nel 2002 nell’epoca di Vertigo: Il primo volume è intitolato Fables 1 – Fiabe in esilio.

Fables 1 – da Favolandia alla cruda New York

Il punto di partenza arriva in medias res, ovvero nel bel mezzo di ciò che i personaggi di Favolandia stanno già vivendo da un po’ di tempo: ciò che ha portato i protagonisti delle Favole a fuggire dal loro mondo viene spiegato a mano a mano durante la storia.

Ciò che il lettore si trova a vivere fin dall’inizio è una situazione che vede i personaggi delle favole che tutti conosciamo (da Biancaneve al Principe Azzurro) a doversi arrangiare in un ambiente ben diverso da quello delle fiabe, quali è New York.

Fables 1 – Fiabe in esilio inizia con un delitto, un giallo in cui Biancaneve e Luca Wolf devono indagare, ed in cui tutti i principali protagonisti di Favolandia sono coinvolti.

Si comprende subito che si tratta di un mondo ben diverso da quello delle Fiabe. Il principe azzurro accalappia giovani ragazze disposte a mantenerlo in cambio di un po’ di affetto e rapporti sessuali.

E Biancaneve è stata tradita proprio dal Principe Azzurro che è andato a letto con sua sorella. La prospettiva delle favole è totalmente ribaltata, ed anche i personaggi di Favolandia sono ulteriormente imbruttiti dal fatto di dover vivere a New York, lontani dalla propria terra.

Quello di Fables è un mondo duro, crudo, ma affascinante.  Bill Willingham è partito da uno spunto intrigante, rendendolo credibile, ed ancora più interessante.

Fables 1 – tra thriller e cortocircuiti narrativi

Questo primo volume di Fables è un giallo a tutti gli effetti, che riesce ad avere l’originalità della storia capace d’incrociare le favole con il thriller urbano, e che, allo stesso tempo, riesce a seguire degli schemi (quelli del giallo appunto).

Gli appassionati di postmodernismo e di cortocircuiti narrativi non possono che restare affascianti dal modo in cui Fables reinterpreta personaggi e situazioni classiche.

Ricordiamo che questo primo volume racconta storie del 2002, perciò i disegni di Lan Medina appaiono un po’ vintage per certi versi, ma riescono a far respirare bene atmosfere un po’ lontane, e che hanno un tratto efficace.

Da Biancaneve a Luca Wolf, fino al Principe Azzurro, i character sono ben delineati, sia a a livello narrativo che visivo, ed i disegni di Lan Medina non fanno che amplificare le suggestioni ambientali di una New York che sa di luogo a metà tra l’incubo ed il bosco “urbano” maledetto.

L’edizione di Panini DC Italia che ripropone gli archi narrativi di Fables in un volume brossurato, fatto di carta lucida di buona grammatura, e con cinque storie all’interno, non può che essere un’ottima occasione per approcciarsi ad una serie cult.

Fables è il tipo di fumetto ideale per i lettori alla ricerca di un racconto pieno di suggestioni, intrighi, tradimenti, personaggi crudi e vividi, ed allo stesso tempo desiderosi di esplorare da un punto di vista completamente diverso personaggi perfettamente inseriti nella cultura popolare.

Una serie da non perdere, da scoprire, e riscoprire, perché ciò che c’era una volta c’è ancora e rivive nel tempo.

Acquista QUI Fables. Fiabe in esilio (Vol. 1)

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui