Diablo II Resurrected è stato annunciato proprio alcuni giorni fa dopo alcune voci di corridoio che vedevano il suo ritorno. La serie di Diablo conta al momento tre capitoli principali, una serie di espansioni e un quarto capitolo attualmente in sviluppo agli studi di Blizzard. Ma dove e quando è nata esattamente questa serie e qual era l’idea dietro il suo sviluppo originario?

4Diablo – un titolo semplice ed efficace

diablo
Il primo Diablo ha ben 25 anni.
telegram_promo_mangaforever_3

Sebbene sia uscito il 31 dicembre 1996, in realtà i lavori al primissimo Diablo erano iniziati già nel 1993, ad opera di un gruppo chiamato “Condor Software“, che solo in seguito entrò in contatto con uno dei fondatori originari di Blizzard. Uno degli sviluppatori propose il progetto completamente funzionante e testato su DOS e l’interesse dell’azienda fu tale da prendere la decisione di pubblicarlo, proponendo poi dei miglioramenti per permettere la fruizione su Windows 95 invece che relegarlo al solo DOS.

Sapeva, inoltre, che l’interfaccia del gioco è ispirata al celebre X-Com? Chiaramente fu poi espansa e riveduta in modo da avere una propria identità anche in seguito all’intervento dei grafici Blizzard. Questo ci dà anche un’interessante visione di come il team originale, pur non essendo molto grande, aveva colpito un’azienda più importante che aveva voluto credere in loro.

Non a caso, alla sua uscita Diablo fu un successo notevole. Il gioco di per sé non utilizzava dei concept nuovi, utilizzando stilemi già visti come la generazione casuale dei dungeon o l’azione in tempo reale, ma rielaborava quei concetti in modo da renderli più accessibili, immediati ed intuitivi. Alla sua uscita il gioco fece incetta del plauso della critica per via proprio di quella immediatezza di cui sopra, che era il suo punto forte.

Questo non voleva però dire che fosse un gioco superficiale e dalle meccaniche semplicistiche. Al contrario, Diablo era molto profondo e sfaccettato per chi voleva esplorare a fondo le sue meccaniche e giocare al gioco del min\max. Anche il multigiocatore fu rivoluzionario. Ricordatevi che, parlando del ‘96, il gioco online non era così diffuso e scontato come ora.

La possibilità di affrontare in quattro le situazioni più complesse e i dungeon più lunghi non fecero che aprire una finestra sulle possibilità offerte da internet implementato ai videogiochi.

Indietro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui