Lo studio Vanillaware (Odin Sphere, Dragon’s Crown) e il distributore Atlus (Catherine, Persona 5) hanno unito le forze per consegnare agli utenti PS4 13 Sentinels – Aegis Rim, un titolo davvero eccezionale che unisce, un po’ come Persona 5 e Catherine, diversi generi videoludici, dando vita a una commistione intrigante e davvero soddisfacente, un vero e proprio must per i possessori della console di casa Sony. Se non la pensassi così, non lo avrei platinato!

13 Sentinels – Aegis Rim consta di due sezioni ben distinte e nettamente differenti, anche dal punto di vista strettamente visivo; per questa ragione, andrò ad analizzarle in maniera separata. Tuttavia, mi preme ora precisare che inizialmente le due parti che insieme formano la struttura completa del titolo si alterneranno in maniera automatica.

Tuttavia, entrambe le sezioni condividono alcune caratteristiche: caricamenti istantanei (letteralmente, perfino sulla mia PS4 Fat) e in qualsiasi momento potrete spingere il tasto Options per richiamare il menu rapido per salvare e caricare le vostre partite.

STORIA

Strutturalmente, la narrazione di 13 Sentinels – Aegis Rim è piuttosto complessa e incredibilmente ricca di colpi di scena che rendono la storia decisamente sui generis, anche se al suo interno è possibile riscontrare una vasta serie di riferimenti ad altri prodotti a tematica fantascientifica, alcuni dei quali sono menzionati in maniera esplicita, come romanzi (La Guerra dei Mondi) e film (2001: Odissea nello spazio, Man in Black). In realtà, ho riscontrato molti più richiami a molte più opere, ma preferisco non aggiungere altro, poiché anche solo menzionare alcune di queste sarebbe un enorme spoiler sulla trama di 13 Sentinels – Aegis Rim, per chi le conosce.

Ciò che posso dirvi è per lo meno l’incipit di questa storia che sono certa vi appassionerà e vi affascinerà incredibilmente, se, come me, siete degli appassionati di fantascienza!

Innanzitutto, il titolo del gioco fa riferimento al numero dei protagonisti delle vicende raccontate. Si tratta di 13 ragazzi che si ritrovano a dover affrontare una minaccia su scala planetaria: i Kaiju, mostri meccanici dalle dimensioni più disparate, stanno mettendo a ferro e fuoco il pianeta, e i 13 protagonisti sono chiamati alle armi per riuscire a sventare questa tremenda minaccia. Come? Grazie alle Sentinelle, dei robot mastodontici armati fino ai denti con arsenali differenti in base alla loro Generazione di appartenenza. Ma parlerò dei combattimenti nella sezione successiva.

Un altro dettaglio che posso svelarvi riguarda il fatto che non tutti i ragazzi si conoscono fin da principio, anche perché appartengono a linee temporali differenti: come è possibile che alcuni individui siano in grado di viaggiare nel tempo? Qual è lo scopo di questi viaggi? Tutto è davvero come sembra?

La sezione narrativa di 13 Sentinels – Aegis Rim ha una visuale a scorrimento laterale in 2.5D con fondali realizzati in stile acquerellato con preponderanza di colori caldi principalmente negli interni, mentre negli esterni la colorazione spinge generalmente più verso le tonalità fredde:

Il gameplay di questa sezione è piuttosto semplice, intuitivo e lineare; una volta sbloccato l’accesso ai diversi sottomenu del gioco (Avventura, Battaglie e Archivio), selezionate “Avventura”: qui potrete scegliere uno dei 13 personaggi disponibili per seguirne la storia, ma non sarete sempre liberi di fare ciò che vorrete: poiché le vicende di ognuno di loro si influenzano a vicenda e alcuni dettagli rilevanti della narrazione è necessario che restino celati, noterete che alcuni personaggi inizialmente saranno bloccati, ma anche proseguendo nel racconto di uno di loro sarà inevitabile giungere a un certo punto a un blocco.

Per superarlo, dovrete rispettare alcune condizioni, come la prosecuzione della narrazione di un altro personaggio o il superamento di una data battaglia. In questo modo, si stimolano i giocatori a esplorare entrambe le sezioni alternandole, piuttosto che dedicarsi interamente a una prima di passare all’altra; inoltre, è un modo per rendere evidente che anche se le sezioni sono separate, in realtà sono semplicemente le due facce della stessa medaglia.

Una volta iniziata una Avventura, potrete controllare il personaggio scelto in precedenza ascoltando i suoi pensieri con il tasto Triangolo e facendolo interagire con persone e oggetti presenti nello scenario con Croce.

Accedere all’Inventario Pensieri ha però anche altre funzioni: attraverso la riflessione su determinate parole chiave, i personaggi potranno arrivare a fare deduzioni che aggiungeranno all’Inventario Pensieri altri termini; inoltre, alcuni di questi potranno essere usati, con il tasto Croce, per avviare altre scene di dialogo indispensabili per proseguire nella narrazione. A tal proposito, vi do un consiglio: esaurite sempre le opzioni di dialogo!

Infine, noterete che alcune sezioni delle Avventure sono influenzate dalle vostre scelte: decidete cosa fare, seguite la narrazione e tornate indietro per esplorare nuove vie.

COMBAT SYSTEM

Esistono 4 Generazioni di Sentinelle in 13 Sentinels – Aegis Rim, ognuna delle quali è specializzata in un diverso stile di combattimento:

  1. Prima Generazione: sono le prime Sentinelle prodotte e sono specializzate nel combattimento a corto raggio;
  2. Seconda Generazione: essendo versatili, queste Sentinelle sono eccellenti come supporto, grazie anche al fatto che siano in grado di evocare sul campo di battaglia diverse unità di supporto;
  3. Terza Generazione: specializzate nel combattimento a lunga distanza grazie al lancio di razzi e missili;
  4. Quarta Generazione: Sentinelle volanti in grado di spostarsi in linea d’aria sul campo di battaglia senza essere costrette a seguire i percorsi delimitati dalle strade delle città, diversamente dalle Sentinelle che appartengono alle Generazioni precedenti.

Visivamente, graficamente e videoludicamente, la Modalità Battaglia è molto differente dall’Avventura: in questo caso, la visuale dei combattimenti è dall’alto e in 3D e, su uno scenario che riproduce un segmento di città, vedrete una sorta di schema reticolare composto dalle strade percorribili sulle quali potranno muoversi e combattere Sentinelle e Kaiju, riprodotti in miniatura:

Come potete vedere, in alto a destra è disponibile anche una minimappa, per aiutarvi a orientarvi nello scenario.

Nel sottomenu Battaglie potrete scegliere quale ondata di Kaiju affrontare e a quale livello di difficoltà, decidendo fra Facile, Normale ed Estremo, ma sapiate che non ci sono Trofei legati alla difficoltà per ottenere il tanto agognato Trofeo di Platino.

Dopo aver scelto quale ondata affrontare (anche in questo caso, come nella Modalità Avventura, incontrerete di quando in quando dei blocchi) dovrete costruire la vostra squadra di attacco, che potrà essere formata da un massimo di 6 elementi. Avrete anche modo di vedere quali tipi di Kaiju saranno presenti, di modo tale da poter scegliere le Generazioni di Sentinelle più adatte per ogni singolo scontro.

Tuttavia, non potrete giocare sempre usando la stessa squadra a causa del neuroblocco: combattere all’interno delle Sentinelle logora il sistema neurologico dei piloti, per cui dopo un paio di scontri consecutivi dovranno necessariamente prendersi una pausa, e non sarà quindi possibile selezionarli.

Naturalmente, avrete anche modo di potenziare Sentinelle e piloti grazie ai Metachip, che accumulerete sia vincendo gli scontri che proseguendo nella Modalità Avventura. Grazie ai Metachip potrete aggiungere nuove tecniche e potenziarle. Non solo.

Durante i combattimenti dovrete difendere un terminale chiamato Metasistema, che subirà, proprio come le Sentinelle, gli attacchi dei Kaiju; per farlo avrete a disposizione 2 minuti, ma niente paura, perché durante il vostro turno il tempo in game si fermerà, dandovi così modo di scegliere con calma la mossa migliore.

Ebbene, anche il Metasistema può essere implementato, fornendo diversi tipi di supporto alla squadra in campo. Solitamente, le missioni consistono nello sconfiggere tutti i Kaiju o uno specifico; in quest’ultimo caso, il mio consiglio è quello di concentrare fin da subito gli attacchi sul vostro obiettivo primario, senza però dimenticare di liberare un po’ il campo per difendere al meglio le vostre Sentinelle e il Metasistema.

Purtroppo, sulla mia Fat quando in campo c’erano tropi elementi il gioco ha subito dei bruschi rallentamenti, anche se non è mai andato in crash.

ARCHIVIO

La terza sezione di 13 Sentinels – Aegis Rim raccoglie tutte le informazioni che otterrete giocando nelle altre due, ma se vorrete sbloccarne tutte le voci dovrete superare ogni ondata di nemici con valutazione S (lo ribadisco, potrete anche farlo giocando a Facile) portando anche a termine gli Obiettivi: si tratta di restrizioni che riguardano, ad esempio, alcuni personaggi, che dovranno necessariamente prendere parte al combattimento, oppure un limite ai danni che potranno subire il Metasistema o la città, o ancora l’obbligatorietà di terminare con successo la battaglia senza Sentinelle distrutte.

Leggere le voci qui presenti sarà non solo interessante di per sé, ma potrà esservi molto utile per rimettere nel corretto ordine cronologico gli eventi e per comprendere al meglio quali siano i ruoli e i legami fra i 13 giovani protagonisti.

CONCLUSIONI

13 Sentinels – Aegis Rim è un titolo a dir poco impressionante sotto molteplici aspetti: visivamente appagante, il titolo è soddisfacente grazie a una narrazione ricchissima di colpi di scena del tutto inaspettati e orchestrati in maniera eccelsa, anche perché le informazioni vengono fornite in maniera molto graduale, per incuriosire i videogiocatori.

Le tematiche trattate, poi, spaziano dai rapporti umani alle relazioni sentimentali all’inclusività, dall’amicizia al dramma di un mondo sotto assedio, il tutto incorniciato all’interno di uno scenario fantascientifico eccezionale, che fonde magistralmente insieme elementi narrativi originali ad altri mutuati da opere celeberrime per gli appassionati del genere.

I combattimenti forse potrebbero risultare un po’ monotoni dopo qualche scontro, ma provate a cambiare livello di difficoltà per aggiungere un nuovo livello di sfida agli scontri!

Infine, la suddivisione in due sezioni nettamente distinte fra storia narrata e scontri diretti sul campo di battaglia è un ulteriore elemento di forza, che rende 13 Sentinels – Aegis Rim un videogioco originale e sempre stimolante. Se amate la fantascienza, le storie complesse, ben strutturate e mai incoerenti e gli scontri fra robot e mostri, 13 Sentinels – Aegis Rim farà decisamente al caso vostro, e saprà intrattenervi molto piacevolmente facendovi anche riflettere su tante tematiche differenti per circa 30 ore, che potrebbero estendersi in base al livello di difficoltà scelto per i combattimenti e al vostro desiderio di completamento al 100% (a onor del vero, per platinare il titolo non è nemmeno necessario completarlo al 100%!).

Appagante, affascinante, denso di significati profondi, 13 Sentinels – Aegis Rim si è già conquistato il 10° posto su Famitsu nella sezione “PS4 Must-Play Titles”, e non posso che essere d’accordo: forse non sarà un titolo celeberrimo, ma siamo di fronte a un videogioco di ottima fattura, un vero colosso che si staglia al di sopra dell’anonimato ergendosi a baluardo dell’originalità e, per parafrasare i Tool, ricercando la bellezza nella dissonanza.

Preordinate 13 Sentinels – Aegis Rim QUI!

telegra_promo_mangaforever_2
IN BREVE
Voto complessivo
9.6
Articolo precedentePanini Comics: le uscite di novembre 2020
Articolo successivoOne Piece: gratis il manga su Ace
Videogiocatrice accanita dai tempi di DOS, divoratrice di serie TV, film e anime per scelta, umanista per vocazione. Potrebbe imbastire interi dialoghi usando solo citazioni dei "Simpson".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui