Edizioni Star Comics chiude questo 2020, anno già di per sé “peculiare” e che verrà ricordato sicuramente anche negli annali dell’editoria a fumetti per le misure eccezionali messe in campo per fronteggiare situazioni socio-economiche inedite, ritornando di prepotenza a proporre produzioni spiccatamente Made in Italy e rivolgendosi nello specifico ad una fetta di pubblico che abbracci trasversalmente il manga, il graphic novel e un certo fumetto scevro da etichette e costrizioni muovendosi deciso alla ricerca di un nuovo, e giovane, pubblico di lettori.

In questa categoria rientra senz’altro Blue Nella Terra dei Sogni Vol. 1 – La Foresta Invadente ovvero il primo volume di una trilogia che segna l’esordio nel mondo del fumetti di Davide Tosello, già apprezzato designer di giochi da tavolo.

Blue Nella Terra dei Sogni Vol. 1 – La Foresta Invadente

La piccola Blue ha un ricordo indelebile di una tempesta che ha giurato di venirla a prendere un giorno proprio mentre giocava spensierata con suo padre e gli aeroplanini di carta che amava tanto fare.

Molti anni dopo, Blue si sveglia una mattina solo in una casa e dopo essersi goduta una ricca colazioni riceve un pacco. All’interno c’è un… pesce, anzi un balena in miniatura in una ampolla. Insieme al singolare “regalo” c’è anche un biglietto che però non riesce a leggere perché viene immediatamente catapultata in un mondo tanto strano quanto oscuro.

C’è sua madre tramutata in albero che le dice di fuggire e una foresta che sembra viva e vorrebbe catturarla. Per fortuna in suo aiuto c’è la piccola balena che sembra possedere dei poteri magici capaci di scacciare le tenebre.

Blue è disorientata e disperata, piange. È a questo punto che incontro il paffuto MJ deciso a diventare un giocatore di pallacanestro. MJ spiega a Blue che le lacrime sono preziose tanto che a Sad City sono merce di scambio per realizzare i propri sogni.

I due decidono di incamminarsi nella speranza di raggiungere la città ma il percorso sarà disseminato di una moltitudine di creature magiche che sembrano volerli mettere in serie difficoltà.

Onirica delicatezza

Le coordinate tematiche e stilistiche, a livello di scrittura, in cui si muove Davide Tosello in questo Blue Nella Terra dei Sogni Vol. 1 – La Foresta Invadente sono lapalissiane e costituiscono una miscela convincente anche grazie a punti di riferimento familiari per un pubblico vasto ed eterogeneo.

C’è l’animazione nipponica e quella Pixar, c’è l’influenza di fiabe come Alice Nel Paese delle Meraviglie e Il Gatto con gli Stivali ma anche l’audacia onirica e visionaria di Tim Burton.

Ma è soprattutto la dimensioni onirica, a metà fra il rimosso e il desiderio tipico dell’infanzia, ad essere il perno di quella che si configura tanto quanto una fiaba moderna quanto un racconto di formazione estremamente delicato.

Come primo capitolo di una trilogia è chiaro che l’autore debba muoversi su un terreno sicuro introducendo i protagonisti e non azzardando né soluzioni sconvolgenti né lanciandosi in plot twist troppo azzardati.

Tratto morbido e acquerello

Lo stile con cui l’autore illustra il volume ovviamente rispecchia quelle che sono le influenze citate poco fa. Il tratto è quindi morbido e tondeggiante con anatomie che si allontanano quanto basta dal realismo e in cui si avverte sia l’influenza di una certa animazione di stampo occidentale sia quella di autori italiani molto attivi sul mercato francese come Barbara Canepa o Federico Bertolucci e in parte, seppur minore, di un certo stile di derivazione disneyana sempre italiano.

La costruzione della tavola è ordinata in cui è invece evidente uno studio della formalità tipica del fumetto italiano. Le dimensioni orizzontali e verticali infatti vengono sempre gestite in una griglia che raramente si concede sia splash-page che inserti dei riquadri preferendo fare del ritmo e della chiarezza espositiva invece la sua cifra.

I colori sono degli acquerelli digitali che ben si sposano all’atmosfera onirica della storia non risultando mai invadenti e permettendo al disegnatore anche qualche “effetto speciale” che dona maggior dinamismo alle sequenze più concitate.

La cura editoriale

Ottimo il volume cartonato confezionato da Edizioni Star Comics che si segnala anche per una piccola ma interessante sezione di extra in cui spiccano le pagine dedicate allo studio dei personaggi, imprescindibili per giovani disegnatori.

Da segnalare anche il prezzo molto accessibile del volume, solo € 12.90.

Conclusioni

Blue Nella Terra dei Sogni Vol. 1 – La Foresta Invadente è un primo capitolo solidissimo e convincente ma non particolarmente originale. Tuttavia in un’opera in tre parti come quella pensata da Davide Tosello non sempre è importante quello che si racconta ma come lo si racconta.

In questo senso la lettura del volume funziona benissimo perché il mondo imbastito dall’autore e le vicende della piccola Blue catturano sin dalla primissima pagina.

telegra_promo_mangaforever_2
IN BREVE
Storia
7.5
Disegni
8.5
Cura Editoriale
8.0
Articolo precedenteFortnite – server sotto attacco?
Articolo successivoGoen, le uscite manga del 19 Settembre 2020

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui