Akira Hiramoto, mangaka molto celebre anche in Italia per la sua precedente opera Prison School, torna grazie a Edizioni Star Comics con un nuovo manga, RaW Hero.

La trama

In un mondo in cui una parte del genere umano ha ottenuto delle abilità speciali c’è chi sta dalla parte della giustizia, l’“eroe”, e chi compie dei crimini, il “mostro”.

Chiaki, giovane disoccupato, è alla ricerca di un lavoro che gli permetta di mantenere i fratelli minori. Un giorno, mentre si sta recando a un colloquio di lavoro cruciale per il destino della sua famiglia, vede un maniaco che molesta una ragazza. Spinto dal suo senso di giustizia, interviene per aiutarla.

Sarà proprio questo episodio che lo porterà a svolgere un certo “lavoro” a metà tra il bene e il male, la falsità e la verità, il dritto e il rovescio della medaglia…

Akira Hiramoto e la voglia di sconvolgere

Come avrete capito, in RaW Hero l’ambientazione cambia totalmente rispetto a Prison School, non avendo qui a che fare con una scuola, per quanto “particolare”, ma con un ragazzo, orfano di padre, che deve badare ai suoi due fratelli.

Una trama che, presentata così, potrebbe sembrare la classica storia strappalacrime di un manga anni Settanta. In realtà, conoscendo Akira Hiramoto, sapete che l’autore sconvolgerà le cose.

Il protagonista Chiaki, infatti, si troverà a vivere situazioni imbarazzanti e oltre il limite dell’assurdo per svolgere le proprie azioni nell’interesse del Governo.

RaW Hero, Akira Hiramoto e l’ecchi

E non potrebbe essere altrimenti, se consideriamo chi è il suo diretto superiore presso l’agenzia governativa presso cui lavora, Hyoichiro Tadano. Tadano è un uomo che sembra eccellere unicamente nell’inscenare siparietti piccanti con la sua “compagna di giochi”, una ragazza (molto) più giovane di lui.

Ebbene sì, anche in RaW Hero Akira Hiramoto non si smentisce e la componente ecchi ha un ruolo di primo piano, anche se non completamente asservita alla trama come era in  Prison School.

In questo caso il suo inserimento sembra voler confermare due tesi: la prima è attestare in un certo senso il marchio di fabbrica di questo autore. La seconda, più importante, volere usare l’ecchi per dissacrare ancora di più quel genere supereroistico che vede solitamente professionisti irreprensibili al centro dell’azione.

Tadano non è certo irreprensibile, nè per la sua condotta morale, nè per quella professionale. Del resto già nella prima missione commetterà un errore che potrebbe mettere in pericolo la vita stessa del suo nuovo subordinato.

C’è anche da dire che nei disegni Hiramoto non risparmia i dettagli piccanti, con inquadrature che lasciano poco spazio all’immaginazione. Una scelta che però potrebbe non essere condivisa da alcuni lettori (e lettrici), dato anche il momento sensibile che stiamo vivendo attualmente.

I personaggi e l’assurdo di RaW Hero

Venendo ai personaggi, sono tutti ben caratterizzati (per quanto alcuni siano assurdi nella caratterizzazione) e, anche se alcuni non sono molto presenti in scena, sono tuttavia già ben delineati e capiamo già molto del loro carattere.

Chinatsu, ad esempio, il fratello più piccolo, nonostante la giovane età e alcune frasi ingenue, è in realtà molto maturo e coscienzioso. E questo lo capiamo nonostante poche volte, in proporzione ad altri personaggi, appaia nel volume.

Molto ben caratterizzati, nel loro folklore, anche gli avversari di Chiaki, che lottano contro il Governo per rendere pubbliche le informazioni sulle abilità speciali di alcuni essere umani.

I disegni

Akira Hiramoto non si smentisce e ci regala dei disegni particolareggiati con ottimo uso delle ombreggiature (anche se alcune volte forse troppo particolareggiati).

Molto intrigante anche la scelta delle inquadrature utilizzate.

RaW Hero di Akira Hiramoto, in sintesi

Ciò che permea tutto il volume, dunque, è questo senso dell’assurdo che ci fa apparire tutto così lontano dalla realtà da strapparci una risata e farci chiedere dove siamo finiti.

Comprate il primo volume del nuovo manga di Akira Hiramoto RaW Hero: 1

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui