Quando le chiavi per guidare la macchina narrativa di Tex vengono affidate a Claudio Nizzi l’eredità di Gianluigi Bonelli si fa più viva e presente che mai.

Lo sceneggiatore che ha fatto la storia di Aquila della Notte dagli anni Ottanta in poi, dopo un periodo di pausa, è tornato qualche tempo fa a riprendere in mano le chiavi di quella prestigiosa vettura che da settant’anni rende la Sergio Bonelli Editore una delle più importanti realtà editoriali italiane.

Claudio Nizzi è tornato a scrivere una storia di ampio respiro di Tex, e lo ha fatto con un Color dal titolo Un Capestro per Kit Willer. La storia riesce a tirare fuori il meglio del rodatissimo canovaccio narrativo di Tex.

Abbiamo Kit Willer che si scontra con un giovane gradasso, tale Billy Corrigan, in un saloon di Holbrook. La colluttazione porterà entrambi a sparare, e Corrigan ad avere la peggio. Nascerà così una storia che porterà Kit Willer vicino all’impiccagione, e ad un processo, i cui esiti saranno più che incerti.

Claudio Nizzi scrive una storia texiana pura, nella quale vengono esaltate anche le classiche battute tra Aquila della Notte e Kit Carson. Ogni cosa è veramente al suo posto, e la storia scorre perfettamente. Nizzi ha anche la grande capacità di dare molto ritmo all’albo, alleggerendo i dialoghi e facendo scorrere la storia verso un finale ricco di suspense.

Se mai dovesse uscire un manuale del giovane apprendista sceneggiatore di Tex questo albo di Claudio Nizzi sarebbe l’ideale. Il veterano autore sa benissimo come dosare i vari elementi narrativi, creando una storia di pura azione (che richiama Un Dollaro d’Onore), e che sa svariare toccando verso il finale anche il genere procedural.

Color Tex 15, Mangaforever Color Tex 15, Mangaforever Color Tex 15, Mangaforever

Un  Capestro per Kit Willer è la storia che può racchiudere questa parte della stagione texiana: una lettura da portare sotto l’ombrellone per un po’ di svago estivo. Ma allo stesso tempo parliamo di un racconto senza tempo, che arricchisce il già ampio filone narrativo texiano.

Perché questa è una storia di padri e figli: Tex e Kit Willer, contro i Corrigan. Raramente negli ultimi tempi si era letta una storia di Tex capace di esaltare a tal punto le caratteristiche dei due Willer. Mentre Kit dimostra ancora la freschezza e l’ardore della sua gioventù, Tex è un uomo navigato, capace di affrontare in maniera risoluta anche le situazioni emotivamente più difficili.

Ad impreziosire questo albo ci sono i disegni di Rodolfo Torti, un artista legato ad un altro monumento bonelliano quali è Martin Mystère. Ed il tratto di  Torti aiuta molto a dare freschezza e dinamicità a questa storia.

I disegni di Torti, uniti ad i colori di Oscar Celestini, riescono a modernizzare molto il tratto classico di Tex, senza togliere nulla di ciò che è indispensabile per renderlo tale. Insomma, il Tex del futuro potrebbe benissimo avere lo stile di Torti.

I lettori più appassionati di Tex troveranno con Un Capestro per Kit Willer una lettura ideale per riassaporare la classicità del personaggio, resa fresca e dinamica da un tratto di disegno diverso dal solito, ma molto rispettoso nei confronti della tradizione del character. I neofiti invece potranno assaporare in 160 pagine la base di ciò che ha reso Tex una leggenda editoriale.

Insomma Un Capestro per Kit Willer è la lettura ideale per questo torrido periodo estivo, ma adattabile per ogni stagione. Un racconto di qualità che impreziosisce ancora di più la storia editoriale di Tex Willer.

COMMENTA IL POST