Mob Psycho 100 II – Episodio 7: Alle strette ~ La vera identità ~ | Recensione

Pubblicato il 20 Febbraio 2019 alle 16:00

Nella puntata precedente di questa entusiasmante seconda stagione di Mob Psycho 100, di cui potete trovare qui la mia recensione, avevamo lasciato il grande psichico Reigen alla sua primissima apparizione televisiva, nella quale avrebbe dovuto semplicemente svolgere la funzione di consulente durante un esorcismo che sta per avvenire in diretta. Ma questo evento sarà per Reigen il trampolino di lancio ideale per far decollare definitivamente la sua attività, oppure l’anticamera dell’Inferno?

Anche questa volta ci troviamo di fronte a un episodio puramente narrativo e di genere slice of life, che dimostra nuovamente quanto la caratterizzazione dei personaggi sia fondamentale per uno shonen di combattimento del tutto atipico. ONE si è davvero superato con questa serie, a tratti decisamente matura e incentrata sulla riflessione e sulla introspezione psicologica, a tratti violenta ed eccessiva, anche e soprattutto dal punto di vista visivo, con il risultato finale di un prodotto assolutamente unico, poliedrico e ricchissimo di sfaccettature.

Nel caso della puntata andata in onda in Giappone ieri, grande protagonista è stato il nostro Reigen, personaggio a dir poco ambiguo che ha messo su dal nulla e senza alcun motivo specifico una attività truffaldina in cui si finge in grado di esorcizzare gli spiriti maligni e che sfrutta per il proprio tornaconto personale in maniera indecorosa la buona fede di un ragazzino delle medie dotato, invece, di reali poteri psichici, grazie al quale Reigen può ora accettare molti più casi di esorcismo, perfino quelli che coinvolgono dei veri spiriti maligni.

Purtroppo per Reigen, però, il suo discepolo Shigeo ha scoperto che in realtà il suo mentore mira a tenerlo legato a sé, privandolo anche dei rapporti sociali necessari all’equilibrio mentale di un adolescente come lui, unicamente perché senza di lui la sua attività semplicemente andrebbe in bancarotta. Così, i rapporti fra i due si sono interrotti, almeno momentaneamente, e Reigen ha dato nuova vita alla sua attività, e la sua fama è cresciuta al punto che adesso ha perfino l’opportunità di provare a diventare una celebrità televisiva.

CON LA SOLA IMPOSIZIONE DELLE MANI!

Il nostro Mago Oronzo spiritista viene invitato in un programma televisivo nel quale dovrà essere interpellato come esperto del settore e opinionista durante un esorcismo che avverrà in diretta a opera di un suo collega più anziano, le cui intenzioni potrebbero però essere più pericolose di quanto l’egocentrico Reigen possa pensare.

Con una serie di intrighi e complotti, Reigen viene indotto ad accettare di effettuare l’esorcismo egli stesso: non può certo lasciarsi sfuggire un’occasione così ghiotta per mettersi in mostra sulla TV nazionale giapponese, e magari guadagnarsi altri clienti. Questa scelta si rivelerà però un’arma a doppio taglio, e rischierà di distruggere per sempre la reputazione del grande Maestro di Shigeo.

L’HO SEMPRE SAPUTO…

Dopo aver assistito alla parabola discendente di Reigen, nelle scene finali dell’episodio viene mostrato anche un suo incontro, per nulla fortuito, con il giovane Mob, che forse forse non è poi così stupido e ingenuo come sembra…

Tutto ciò che ho scritto fino ad ora a proposito di Reigen è e resta vero, ma c’è molto di più al di sotto della superficie: come dirà lo stesso Mob, in fondo Reigen è una brava persona. Certo, sfrutta Shigeo, lo paga letteralmente con gli spiccioli e gli impedisce di avere una vita privata e dei rapporti sociali al di fuori del mondo psichico e degli esorcismi, ma d’altro canto gli infonde anche una grande fiducia in se stesso, nei suoi incredibili poteri e nella sua capacità di controllarli senza necessariamente reprimere le proprie emozioni. È vero, Reigen non ha poteri psichici, o almeno non ne possiede di particolarmente sviluppati, ma è solo grazie ai suoi consigli che ora Shigeo ha imparato a usarli per aiutare le persone e gli spiriti stessi, comunicando con loro.

Reigen è dunque un personaggio molto più profondo, complesso e strutturato di quanto non possa sembrare a uno sguardo superficiale, e finalmente abbiamo potuto apprezzare le diverse sfaccettature del suo carattere negli ultimi episodi, che ne hanno messo in luce i punti di forza quanto quelli di debolezza. Per questo non stupisce che proprio a Reigen sarà dedicato un manga spin-off!

TAGS

Articoli Correlati

Il capitolo 368 di Berserk ha condiviso i primi spoiler del nuovo arco narrativo dedicato a Guts, che ovviamente riprenderà gli...

10/08/2022 •

20:00

Pokémon Journeys attualmente è impegnato con l’ultimo torneo di Ash ingaggiato nel corso delle ultime settimane, mentre...

10/08/2022 •

18:00

Di certo il medium comprensivo di manga e anime in questi anni sta avendo un’ascesa incredibile, e la sua scala globale...

10/08/2022 •

16:12