Zoro combatte contro Gyukimaru e Kamazo che non gli danno un attimo di tregua, mentre il suo Capitano cerca di scoprire il segreto dietro la tecnica che gli mostrò Reyleigh: forse, potrebbe essere l’unico modo per sconfiggere Kaido.

Intanto, gli uomini di Law vengono accusati di tradimento…

CON LA SOLA IMPOSIZIONE DELLE MANI

Nel corso della puntata precedente, di cui potete trovare qui la mia recensione, abbiamo potuto vedere come vanno le cose al nostro Luffy. L’aspirante futuro Re dei Pirati non è affatto preoccupato dalla serie di scontri che lo stanno vedendo protagonista nel Sumo Inferno orchestrato da Queen, anzi! Per Mugiwara questa è una occasione più che ghiotta da sfruttare al massimo per quello che è il suo fine ultimo nella saga corrente: sconfiggere una volta per tutte Kaido.

Se Cappello di Paglia si facesse mettere in difficoltà da pochi scagnozzi di basso rango, non avrebbe alcuna speranza contro uno dei Quattro Imperatori, ma il Sumo Inferno potrebbe fornirgli l’occasione giusta per potersi migliorare.

Il grande numero e le grandi dimensioni degli avversari di Luffy non lo impressionano affatto, anzi, il Capitano si sta proprio divertendo un mondo! A volte perfino si annoia! Non si può dire però lo stesso di Testa d’Alga.

Zoro combatte contro Gyukimaru e Kamazo, solo due avversari, ma senza tutte e tre le sue fedeli spade è in serissima difficoltà…

IL TRIANGOLO NO, NON LO AVEVO CONSIDERATO

(non volevo ripetere che Zoro combatte contro Gyukimaru e Kamazo)

Zoro si scontra con Kamazo e Gyukimaru

Zoro si sta scontrando con Kamazo e Gyukimaru allo stesso tempo, anche se non ne comprende bene il motivo: uno è mosso da pura follia omicida, mentre l’altro vuole solo difendere il patrimonio della sua terra. Ora, fra i due sono più comprensibili le motivazioni di Kamazo, legate alla sua follia.

Cosa però spinga Gyukimaru a non voler dare tregua a Zoro resta un po’ un mistero: perché non può attendere la fine dello scontro con Kamazo? Probabilmente, il compito che si è autoassegnato di recuperare armi rubate è per lui molto più importante di quanto non sembri.

Ciò che mette maggiormente in difficoltà Zoro non è tanto la potenza dei suoi avversari, quando un handicap per lui non indifferente: sta combattendo con cole due spade. Ma forse ha qualcosa in mente per poterne usare comunque tre, anche se gli manca la sua Shusui…

Intanto, Shinobu muove delle pesantissime accuse agli uomini di Law… Secondo lei, se gli scagnozzi di Orochi e Kaido hanno scoperto il loro piano segreto è perché Bepo e gli altri hanno spifferato.

Purtroppo, la diffidenza è comune quando non si conosce bene qualcuno, ma Law crede ciecamente nei suoi ragazzi: deve aver parlato qualcun altro. Già, ma chi? Il gruppo eterogeneo composto da ribelli del Paese di Wa, abitanti di Zo, Pirati Heart e Pirati di Cappello di Paglia rischia di sfaldarsi. L’unione è vitale per la buona riuscita del piano, anche se sembra quasi tutto ormai perduto…

ANTICIPAZIONI

Proseguono i combattimento nel Sumo Inferno, ma Zoro non combatte più contro Gyukimaru e Kamazo. Lo spadaccino però scopre l’identità della donna che sta cercando di salvare. Questo e altro nel prossimo episodio di One Piece, dal titolo Lo stupore di Zoro – Shock! La vera identità della misteriosa bellezza. Kaizoku ou ni ore wa naru!

Vi ricordo infine che da qualche tempo a questa parte tutti gli episodi della serie di animazione completa di One Piece è disponibile per la visione GRATUITA su Crunchyroll anche qui da noi in Italia, e potrete godervi ogni singolo episodio senza avere nemmeno la necessità di iscrivervi al celebre servizio di streaming.

Tuttavia, è comunque necessaria una precisazione: per quanto riguarda le ultime due puntate trasmesse ogni domenica in simulcast con il Giappone, queste saranno sempre disponibili per la visione su Crunchyroll unicamente se si dispone di un abbonamento al servizio.

Acquistate One Piece: Pirate Warriors 4 per PlayStation 4 QUI

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui