Riverdale 3×17 – The Raid | Recensione

Pubblicato il 28 Marzo 2019 alle 20:00

La Fattoria e il traffico di droga dei Gargoyles stringono Riverdale in una morsa letale.

L’episodio della scorsa settimana – la nostra recensione QUI – era stato l’annuale episodio musicale in cui gli studenti della Riverdale High avevano messo in scena il musical Heathens. Come ogni anno questo episodio mette sotto i riflettori la componente più teen della serie e nello specifico la scorsa settimana i ragazzi erano stati costretti a mettersi a nudo, sotto la spinta di Evelyn, rivelando così nuove relazioni ed equilibri.

L’episodio però aveva anche depauperato, forse definitivamente, Hiram del suo ruolo di villain in favore di Gladys – seppure leggermente in ombra – e riportando in primo piano la minaccia rappresentata dalla Fattoria sancendo così l’ideale orizzonte per questa ultima parte di stagione: due forze contrapposte che metteranno i protagonisti nel mezzo delle proverbiali incudine e martello.

Lo sfondo dell’episodio di questa settimana, intitolato The Raid, è quello che vede i genitori di Veronica in definitiva rotta di collisione e la Fattoria prendere sempre più piede in città con un numero crescente di adepti.

Betty continua la sua indagine nel tentativo di smascherare il culto e chiede a Cheryl di infiltrarsi per raccogliere prove mentre Jughead è impegnato, insieme ai suoi Serpents, in una guerra al nuovo spaccio in città che si traduce in una guerra fredda con la madre.

Intanto Hiram Lodge è pronto ad inaugurare la sua nuova prigione e Archie riceve la telefonata da Mad Dog, suo vecchio compagno in riformatorio, che lo avverte che i detenuti minori verranno trasferiti lì dove è già pronto ad essere rimesso in piedi il fight club. Il ragazzo chiede quindi aiuto a Veronica per fermare il trasferimento.

Mentre l’operazione di infiltrazione di Betty e Cheryl naufraga, Archie e Jug si alleano avendo localizzato con tutta probabilità il centro nevralgico dello spaccio.

The Raid è un solidissimo episodio di passaggio che conferma le sensazioni avute negli ultimi episodi ovvero uno scenario in cui la città è stretta da un lato nella morsa della Fattoria e dall’altro in quella dello spaccio di droga facente capo a Gladys Jones e attuato materialmente dai Gargoyles.

In questo senso la sceneggiatura è ben congegnata e riesce a far confluire organicamente sia i filoni narrativi principali che quelli secondari aprendo, soprattutto per questi ultimi, nuove ed inattese declinazioni. Il climax dell’episodio è giustamente l’assalto al centro di spaccio che paga dazio per struttura e scelte registiche ad uno dei migliori film d’azione degli ultimi 15 anni che dà anche il titolo allo stesso episodio.

Il ritmo dell’episodio si mantiene comunque alto sfruttando tutti i possibili risvolti dei filoni narrativi principali ed è proprio qui che forse mostra un po’ il suo limite. Soprattutto per quanto riguarda la Fattoria la serie sta trasciando, e rimandando, forse da un po’ troppo tempo un suo reale sviluppo frenandone la reale efficacia.

Da segnalare inoltre come questa settimana ritorni prepotente, sia per la Fattoria che per i Gargoyles, ad affacciarsi quella componente “mistica” che aveva in qualche modo dominato la prima parte di stagione e non del tutto convincente. Vedremo se in questa parte finale della terza stagione sarà sfruttato meglio.

Articoli Correlati

Le novità Netflix di Ottobre 2021 includono titoli come la seconda stagione di Locke & Key, il nuovo film anime di Seven...

30/09/2021 •

16:04

Shin Kamen Rider è il nuovo film live action che Hideaki Anno, autore di Evangelion, ha tratto dal franchise del maestro Shotaro...

30/09/2021 •

14:24

Le uscite Anime Factory di Ottobre 2021 vedono la pubblicazione di Godzilla La Trilogia in esclusiva sullo shop Fan Factory e i...

30/09/2021 •

13:36