Riverdale 3×16 – Big Fun | Recensione

0
E’ giunto il momento per l’annuale episodio musicale ispirato quest’anno al musical Heathers.

L’ottimo episodio della scorsa settimana – la nostra recensione QUI – aveva sancito l’ingresso nell’ultima parte di questa terza stagione di Riverdale con una puntata che, basandosi su un filotto di solidi episodi preparatori, aveva concretizzato il nuovo status quo per molti personaggi modificando radicalmente lo scenario della cittadina.

In questo senso Gladys Jones, la madre di Jughead, è stato il nuovo ingresso più “dirompente”. Non solo ha preso in mano le attività illegali a Riverdale – con Jug consapevole della situazione dopo la “soffiata” avuta da Betty tramite Veronica ancora in debito con la donna e stretta in una morsa che l’ha allontanata definitivamente da Reggie – ma si è anche candidata prepotentemente a villain principale della serie.

Archie si era lasciato alle spalle, speriamo, la cupezza delle ultime settimane sia grazie al nuovo intimo rapporto con Josie sia grazie alla fine della brutale quest messa in moto, tramite G&G, da Hiram Lodge che lo voleva bersaglio di un possibile omicidio. In tutto questo si era consumata la rottura definitiva fra Toni e Cheryl, ideale testa di ponte per introdurre l’episodio di questa settimana.

Questa settimana la serie si concede il suo annuale episodio musicale intitolato Big Fun, e ispirato al musical Heathers, e che vede i ragazzi intenti ad allestire il suddetto musical.

L’allestimento ovviamente non sarà dei più semplici: la strisciante tensione fra Toni e Cheryl sfocerà in alcuni asprissimi confronti mentre la presenza di Evelyn allerterà Betty sulla possibilità che il musical sia solo un mero strumento per reclutare nuovi adepti alla Fattoria.

Proprio la presenza della ragazza però costringe i membri del cast ad aprirsi – rivelando così nuove relazioni e vecchie tensioni – sullo sfondo delle rivelazioni che riguardano Veronica e dell’ascesa al potere di Gladys.

Con Big Fun, la serie depaupera forse definitivamente Hiram del suo ruolo di villain in favore di Gladys – seppure leggermente in ombra – e riportando in primo piano la minaccia rappresentata dalla Fattoria.

Come ogni anno l’episodio musical tende a catalizzare la componente più teen della serie, aspetto sempre usato con parsimonia e intelligenza, come accade questa settimana dove i ragazzi sono giocoforza costretti a mettersi a nudo rivelando i nuovi equilibri scaturiti dalle nuove relazioni intessute e dai nuovi attori comparsi sulla scena della cittadina.

La parte musicale è ovviamente molto preponderante ma mai fastidiosa grazie a brani molto hair rock ottantiani estremamente orecchiabili e che cavalcano un po’ il revival di quel decennio ancora imperante.

L’orizzonte per questa ultima parte di stagione sembra abbastanza chiaro con due forze contrapposte che metteranno i protagonisti fra una sorta di incudine e martello. Sarà interessante a questo punto scoprire quali saranno quegli elementi “sorpresa” che daranno il giusto pepe a questo già scoppiettante scenario e come verranno gestiti i risvolti sentimentali soprattutto di Archie e Veronica.

Nota di merito va dato anche al reparto costumi di questo episodio che tira fuori dal cilindro soluzioni davvero “stravaganti” per l’ambientazione anni ’80 dell’episodio osando in alcuni frangenti soprattutto per quanto riguarda i personaggi femminili.

Un altro solido episodio per Riverdale e un altro ottimo episodio musicale che si unisce a quegli delle passate stagioni.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui