La terra del futuro è stata devastata e la piccola Zoe deve affrontare una serie di drammatiche situazioni! Sono le premesse di A Sort of Fairytale, intrigante serie scritta da Paolo Maini e illustrata dalla bravissima Ludovica Ceregatti!

Le storie ambientate in un futuro post-apocalittico sono numerose ed è davvero difficile realizzarle evitando cliché e luoghi comuni. Ci hanno provato Paolo Maini e Ludovica Ceregatti con A Sort of Fairytale, intrigante serie targata Noise Press. Ci sono riusciti? Nel complesso sì, dal momento che è difficilmente classificabile in un genere narrativo preciso ed è anzi una curiosa commistione di fantasy, sci-fi e azione.

In realtà, l’inizio è fuorviante, dal momento che Maini utilizza nelle prime pagine gli stilemi delle favole (d’altronde, il termine ‘fairytale’ del titolo è significativo), scrivendo testi delicati la cui espressività si richiama a quella infantile. E l’infanzia gioca un ruolo importante nella trama, simboleggiata dalla piccola Zoe, una bambina dolce e sensibile costretta, suo malgrado, a vivere in un mondo ostile.

Si intuisce che la terra è stata devastata da una terribile catastrofe, probabilmente legata alle profezie del 2012. Molte persone sono morte e tra esse i genitori di Zoe. La bimba si rifugia in un universo fantastico che raffigura con i suoi disegni, una specie di via di fuga da una realtà orribile. Al principio della vicenda, la troviamo, insieme ad altre persone, in un pulmino. Si stanno dirigendo verso una località imprecisata e tutto sembra tranquillo.

Vengono però attaccati da una banda di predoni al soldo di un individuo sadico e pericoloso. Tutti muoiono, tranne Zoe che riesce a fuggire. Da questo momento, comunque, le sue vicissitudini prendono una piega imprevedibile. In questo mondo apocalittico, infatti, molti uomini sono stati mutati ed esistono per giunta strani animali. Uno di essi, un’enorme essere peloso, la localizza e la salva dai pericoli, instaurando con lei, a quanto è dato intuire, un profondo legame di amicizia. Va da sé, però, che le avventure di Zoe sono lungi dall’essersi concluse e i guai non mancheranno di certo.

Maini ha concepito una trama appassionante con atmosfere mutuate dalla fantascienza catastrofista, dalle favole e dai fumetti incentrati sui cosiddetti ‘funny animals’; il tutto viene però riletto in chiave personale. L’autore scrive testi e dialoghi intensi e alcune situazioni fanno pensare, facendo i debiti distinguo, a certe opere di Brian K. Vaughan. Del resto, A Sort of Fairytale presenta pure suggestioni tipiche dei comics americani e se fosse stato realizzato da autori statunitensi e magari pubblicato dalla Image o dalla Vertigo, sarebbe stato celebrato come non mai.

Maini, già messosi in luce con opere come Nerd Bash e Land of the Brave, giusto per citarne un paio, dà quindi un’ulteriore dimostrazione delle sue capacità. Senza però nulla togliere al suo talento, bisogna ammettere che il vero punto di forza di A Sort of Fairytale è rappresentato dagli splendidi disegni della bravissima Ludovica Ceregatti. Il suo non è uno stile naturalistico ma non rivela neanche influssi cartoon e non scade mai nel grottesco.

Caratterizza egregiamente ogni personaggio, a cominciare dalla deliziosa Zoe che evoca tenerezza e candore pressoché in ogni pagina; ed esprime visivamente le orribili pulsioni dei villain concentrandosi sulle smorfie dei volti, sugli sguardi intimidenti e sulla postura dei corpi, sovente sgraziati. Le creature mostruose immaginate da Maini, invece, risultano sconcertanti più che spaventose.

Il tratto di Ceregatti è elegante e fluido, impreziosito da sublimi contributi pittorici e da colori a volte vivaci a volte crepuscolari. E’ la stessa Ceregatti ad essersi occupata di quest’ultimo importante aspetto e a livello complessivo le sue tavole sono contrassegnate da una indiscutibile bellezza formale. Sono convinto che in futuro sentiremo ancora parlare di lei e sono altresì convinto che questa prima uscita di A Sort of Fairytale conquisterà tutti coloro che vorranno provarlo.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui