I Buoni Vicini – Libro I Famiglia – Holly Black, Ted Naifeh – Recensione

Pubblicato il 7 Marzo 2011 alle 15:00

I Buoni Vicini – Libro I Famiglia

Autori: Holly Black (testi), Ted Naifeh (disegni)
Casa Editrice: Rizzoli/Lizard
Provenienza: USA
Prezzo: € 13,50, 15 x 23, pp. 128,  b/n
Recensione


Il successo a livello globale della narrativa fantasy costituisce un rilevante fenomeno editoriale e comunicativo e, sin dai tempi di Tolkien e del suo ‘Signore degli Anelli’, questo genere di fiction continua ad intrigare un numero sempre crescente di lettori. Per ciò che mi concerne, credo che il fantasy sia eccessivamente legato a convenzioni tolkieniane, appunto; e, a parte qualche innovatore come Michael Moorcock, ritengo che sia ripetitivo, almeno sul versante meramente letterario.

Tuttavia, esistono sottocorrenti interessanti come l’urban fantasy, per esempio; e bisogna anche ammettere che le avventure sword & sorcery ben si adattano al medium fumetto e, a cominciare dal leggendario Conan The Barbarian, apprezzo molti comic-book caratterizzati da atmosfere in cui la magia fiabesca gioca un ruolo preponderante.

Ed è il caso di The Good Neighbours, scritto da Holly Black e disegnato da Ted Naifeh, tradotto in Italia da Rizzoli/Lizard. L’opera in questione, prevista in tre volumi, è intrigante, se non altro perché l’autrice è la stessa dell’acclamata saga ‘Spiderwick – Le Cronache’ ed è, in effetti, considerata una delle più importanti scrittrici fantasy odierne e perché il penciler è quel Ted Naifeh che ha incantato molti con la sua Courtney Crumrin.

In quest’opera, tipico esempio di urban fantasy, la Black racconta le vicende tormentate, ma appassionanti, di Rue, una tipica teenager che vive in un classico contesto statunitense. Ha un boyfriend, va a scuola e non sembra dissimile dalle coetanee. La sua situazione familiare è comunque poco idilliaca: la madre, infatti, è scomparsa, e il padre, forse, potrebbe esserne il responsabile. A complicarle l’esistenza si aggiungono due altri dettagli: una ragazza è stata assassinata e, anche in questo caso, non è detto che il padre di Rue non c’entri; e, soprattutto, Rue incomincia a vedere strane cose.

Percepisce, infatti, bizzarri esseri, provenienti da una mondo fatato e molte di queste creature si definiscono fate. E non sembrano avere buone intenzioni nei confronti di Rue e, più in generale, del genere umano. Perché ciò accade? Chi è realmente Rue? Come mai ha questa capacità? La spiegazione è legata al passato della sua famiglia e, in modo particolare, a sua madre.

La Black delinea una piacevole story-line, indubbiamente fantasy nei toni, ma non priva di elementi thriller e romance, mutuati dai teen drama, e con accenni alla sensibilità gotica ed emo e collegamenti alle arcaiche tradizioni irlandesi. I testi sono intensi ed introspettivi, senza mai essere verbosi, e la trama è, in fondo, una riflessione metaforica sulla contrapposizione tra il mondo giovanile e quello degli adulti. Di tanto in tanto, ci sono pure momenti onirici che rendono più suggestivo I Buoni Vicini e un azzeccato e interessante uso dei flashback.

Parlando, comunque, di atmosfere dark ed emo, bisogna ammettere che Ted Naifeh, dal punto di vista visivo, si rivela la scelta più adatta. I suoi disegni, infatti, sono ottimi e appropriati per un’avventura che spazia da fumosi rock club a scuole in stile Beverly Hills 90210 fino a giungere in mondi immaginifici e fiabeschi. Naifeh, inoltre, fa un sapiente uso dei giochi d’ombra e dei chiaroscuri, enfatizzati dal black & white da lui utilizzato. Nel complesso, dunque, questo primo volume de I Buoni Vicini promette bene e certamente piacerà agli amanti del fantasy e, più in generale, del buon fumetto. Da segnalare, inoltre, l’impeccabile cura editoriale della Rizzoli/Lizard.


Voto: 8

Articoli Correlati

Come è ormai noto i Marvel Studios con i primi Film e Serie TV della Fase 4 stanno progressivamente portando...

07/01/2022 •

00:11

La storica serie animata di MTV sta per trovare nuova vita: il revival di Beavis and Butt-Head infatti è in procinto di...

06/01/2022 •

12:59

Nel corso delle sequenze apparse nel presente del secondo episodio di The Book of Boba Fett è apparso brevemente un wookie nero...

06/01/2022 •

12:12