Prendi un liceale giapponese con un sogno, possibilmente quello di diventare il miglior giocatore di basket della nazione. Fffatto? Bene, ora prendi una liceale affascinante e timida, innamorata del suddetto giocatore. Fffatto? Ottimo, ora prendi tutto, cambiagli i connotati e trasformalo in una storia trash con un senso ma anche senza senso. Ecco a voi Senpai che c@zzo fai?!, un fumetto di due autori novelli, Gianfranco Geria (ai testi) e Riccardo Ciancone (ai disegni), pubblicato a metà del 2020 su Instagram e a breve disponibile in volume cartaceo.

Senpai che c@zzo fai?! – la trama

Il webcomic parte da un “tenero”(!) corteggiamento da parte di una liceale bionda e vestita alla marinara, che possiamo chiamare Ragazza Anime (cioè, non è che possiamo chiamare, è che si chiama davvero così…) nei confronti di Senpai (stessa cosa, anche lui si chiama così), un tetramino verde appassionato follemente di basket e che detesta con tutte le sue forze (fisiche, soprattutto) Ragazza Anime.

Tra i due è un folle corri-corri ad acchiapparsi ed evitarsi, come l’eterna lotta tra Roadrunner e Wile E. Coyote. Intorno a loro si sviluppano diversi personaggi, parodia di altrettanti personaggi esistiti e non esistenti, come lo Scara-Taffo, il tetramino Lenders, il preside Gelato (con i suoi divini fratelli che conosceremo più avanti), la figlia di Ragazza Anime, Feto-chan, e la perfida-sexy Casargya, una demone dalle fattezze metà umane metà caprine acerrima nemica di Ragazza Anime e alla costante ricerca dell’artefatto più potente del mondo.

Senpai che c@zzo fai?!, un webcomic fuori dalle righe | Recensione

Senpai che c@zzo fai?! – Uno sguardo approfondito

Quale potrebbe essere la ragione per dover leggere un fumetto come Senpai che c@zzo fai?! ? Questo webcomic ancora ongoing è una forte ironia e presa in giro al fumetto-universo italiano raccontato con valanghe di citazioni al fumetto giapponese e ai suoi stereotipi.

Qui e là puoi trovare un Mark Lenders giocatore di basket, acerrimo nemico di Senpai, contro il quale quest’ultimo sfoggia la mossa-segreta-che-porta-alla-morte-e-invece-guardanpo’-sopravvive-chi-se-l’aspettava; oppure puoi trovare un parto tipicamente namecciano o la lotta per la conquista del mondo… insomma, è un mix letale di aspetti standard che si trovano in tutti gli anime, dagli anni Ottanta a oggi.

La caratterizzazione di Senpai richiama il classico protagonista degli shonen sportivi, mentre Ragazza Anime è fastidiosa come Dee-Dee, la sorella maggiore di Dexter (ve lo ricordate Il laboratorio di Dexter?). Dall’altra parte, la crudele Casargya è l’unico personaggio che riesce a mantenere un filo narrativo in mezzo a scene di puro trash e dallo humor nero che più nero non si può.

Senpai che c@zzo fai?! – conclusioni

È fondamentalmente lo humor nero protagonista della storia: al suo interno, infatti, non mancano riferimenti al celebre servizio delle Iene fatto da Nadia Toffa, dove si paragonavano incautamente i manga al porno. Lo sceneggiatore Gianfranco Geria non lesina neanche nel puntare il dito contro temi di attualità nel campo del fumetto nostrano e metterlo alla berlina all’interno delle 96 pagine.

Formato quadrato, come una serie di post Instagram, il volumetto di Senpai che c@zzo fai?! si presenta come primo di una lunga serie. Il tratto di Riccardo Ciancone è limpido e senza fronzoli, caricaturale e comico quanto basta per una serie di questo calibro. I suoi colori sono uniformi e senza ombre, tranne in alcuni dettagli, come le scene clou.

Senpai che c@zzo fai?! ha tutte le carte per essere un fumetto dalla lunga serialità sia online che offline, soprattutto perché nel fumetto-universo internazionale c’è ancora tanto da dire, ridire e di cui… ridere.

PER PREORDINARE IL TUO VOLUME, CLICCA QUI.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui