Nel corso degli ultimi giorni, e in particolare ieri 21 marzo 2020, Shueisha ha finalmente rivelato le novità in merito ai 20 anni di Bleach, il manga scritto e disegnato da Tite Kubo dal 2001 al 2016 su Weekly Shonen Jump in occasione dell’evento “Bleach 20th Anniversary Project & Tite Kubo New Project Presentation”.

Tra le altri succulenti novità, finalmente, Shueisha ha rivelato che a data da destinarsi la serie animata ispirata al celebre manga shonen riprenderà adattando l’ultimo arco narrativo ancora in sospeso, ovvero l’arco narrativo de “La Guerra dei Mille Anni” (“Thousand Year Blood War”).

La serie anime era ferma dal 2012 e ora, con la sua ripresa, è pronta ad adattare gli ultimi 20 volumi del manga (55° al 74°).

Cavalcando l’onda dell’attesissimo annuncio, in questo speciale odierno facciamo un tuffo in quello che la serie ha rivelato dal punto di vista delle dovute morti e dei tristi sacrifici che Tite Kubo ha scritto prima del longevo arco narrativo conclusivo.

Fra i mille scontri presenti nella serie, sia la parte buona che cattiva dell’universo fantasy ha dovuto incontrare delle perdite che a lungo andare si sono rivelate essere memorabili e che hanno lasciato un vuoto nei lettori, ma anche un senso di rispetto per lo sviluppo finale del determinato personaggio.

Non solo buoni, quindi, anche i villain sono ricordati all’interno di Bleach per le morti che hanno elevato ancor di più la scrittura a loro dedicata.

Come anticipato, ancora, in questo articolo si vuole elevare l’attenzione su quei sacrifici e decessi avvenuti nella serie di Bleach e l’ordine imposto, specifichiamo, non ne indica assolutamente l’importanza.

Fatte le dovute premesse e precisazioni, adesso, buona lettura!

  • 9HISANA KUCHIKI

    telegram_promo_mangaforever_3

Le sorelle Hisana e Rukia nei primi tempi hanno solo conosciuto dolore e difficoltà da affrontare. Essendo orfane nei già poveri distretti di Rukongai, Hisana, disperata dalla sua misera vita, decide di abbandonare la sorellina per aggregarsi alla famiglia nobile del clan Kuchiki.

Il giovane leader del clan, Byakuya, la sposa e il loro matrimonio è stata una benedizione fino a che Hisana non è morta per una grave malattia cinque anni dopo. Byakuya non facilmente ha superato la perdita, ma in onore della coniuge defunta decide di dare ascolto al suo ultimo sogno: reclutare la sorellina Rukia nella famiglia Kuchiki e nel Gotei 13.