American Horror Story: 10 momenti memorabili in attesa della stagione 6

Pubblicato il 26 Agosto 2016 alle 13:00

10 momenti davvero spaventosi – oppure indimenticabili – che hanno reso lo show di Ryan Murphy un cult

Ogni volta che Ryan Murphy fa un nuovo serial fa il botto – Popular, Nip/Tuck, Glee, The New Normal, Scream Queens, American Crime Story sono tutti dei piccoli o grandi cult entrati di diritto nella storia della tv.

Sicuramente con American Horror Story ha avuto il merito di riportare per primo in tv gli show antologici – anche se non propriamente tali dato che cambiano trama e cast a stagione e non a episodio – assieme al genere horror/soprannaturale. Lui e Brad Falchuck hanno creato sicuramente un cult, che col passare delle annate ha sempre più fatto parlare di sé, in primis nomi come Jessica Lange e Kathy Bates.

In attesa della sesta – per la prima volta, misteriosissima, non si sa nulla della trama e giusto qualcosa sull’ambientazione rurale – stagione, in arrivo su FX il 14 Settembre 2016, ripercorriamo i primi cinque cicli di American Horror Story con le scene più memorabili e/o spaventose, due per ognuna delle cinque stagioni prodotte.

Buon spavento… ooops lettura a tutti!

1. Chi è l’Uomo di Lattice? (Murder House)

L’annosa domanda della stagione inaugurale, ovvero chi ha stuprato Vivien (Connie Britton) e si cela dietro la tuta di lattice in una scena di indimenticabile dello show, che ha presentato il perverso e l’horror che solo Murphy & Falchuck hanno saputo fare in cinque anni di AHS, ricordando l’atmosfera di American Beauty benché più viziosa e depravata (o ai limiti della blasfemia, vedi la posseduta suor Mary Eunice che seduce il monsignor Howard).

2. Tutti giù in cantina (Murder House)

Tate (Evan Peters) e Violet (Taissa Farmiga) vanno nella cantina della casa stregata nella prima stagione assieme a un’amica di lei, per scoprire segreti orripilanti sulla storia della stessa e su chi la abita ancora. Frammenti video molto brevi e giochi di luci, che rendono però ancora più inquietante ciò che si vedrebbe chiaramente in frame più lunghi e dilatati. Effetto horror assicurato.

3. Esperimenti poco convenzionali (Asylum)

Tra religione, follia criminale… e perfino gli alieni, c’è spazio nella stagione 2 anche per gli esperimenti ai limiti dell’ortodosso – e anche oltre, in realtà – di un dottore ex nazista (James Cromwell) che hanno per vittima la povera ninfomane Shelley (Chloe Sevigny): questo è l’agghiacciante risultato.

https://www.youtube.com/watch?v=daUCwaq9Nfk

4. Fuga dal Dr. Thredson (Asylum)

Una sequenza ricca di tensione per il destino di Lana (Sarah Paulson) in fuga dal Dr. Thredson (Zachary Quinto): ce la farà a sfuggirgli definitivamente? In ogni caso il loro è un gioco del gatto col topo dato che è fatta di reciproco sfruttamento e dominazione… e Lana si dimostrerà una spietata approfittatrice che avrà sempre l’ultima parola.

5. Senza il terzo occhio interiore (Coven)

C’è un doppio accecamento per Cordelia (Sarah Paulson), la strega veggente della terza stagione, prima per mano di una persona incappucciata (uno dei misteri del ciclo), poi per volontà propria, perché il dono faceva più male che bene alla Congrega.

American-Horror-Story-Coven-Queenie-Minotaur

6. Io, me e il Minotauro (Coven)

La bambola woodoo umana Queenie (Gabourey Sidibe) viene “sedotta e abbandonata” – versione horror, perversa e dolorosa – dal Minotauro, uno dei risultati delle torture senza fine di Madame Delphine (Kathy Bates).

7. Gods and Monsters by Elsa Mars (Freak Show)

Forse la più bella esibizione di Jessica Lange in tutto American Horror Story. La cover di Lana Del Rey così magnificamente eseguita, le parole così adatte alla storia, lo spirito di Edward Mondrake (Wes Bentley) che diventa il suo pubblico, per il canonico doppio episodio di Halloween più coinvolgente, secondo solo a quello della prima stagione.

American-Horror-Story-Freak-Show-Stanley

8. Tutti contro Stanley (Freak Show)

La vendetta finale di tutto il Freak Show contro Stanley (Denis O’Hare). Un classico del concetto alla base – dall’horror Freaks (1932) di Tod Browning a cui si ispira la stagione, a quell’episodio de La signora in giallo (“Lo gnomo d’argento”, 3×01-02), della “famiglia del circo” che sta unita contro il “mondo là fuori” e si sostiene sempre. Il team fa diventare Stanley un mix di tutti gli abomini come loro si sono sempre sentiti per tutta la vita, e lui ha così crudelmente esposto in un museo.

9. Il Demone della Dipendenza (Hotel)

Un demone che abita le stanze da letto dell’Hotel Cortez e segue la tossica Sally (Sarah Paulson) per ricordarle tutte le proprie dipendenze. La guest star Max Greenfield diventa la sua vittima più feroce, ovviamente a sfondo horror-sessuale.

American-Horror-Story-Hotel-Bed

10. Sorprese dentro il letto (Hotel)

I letti dell’Hotel Cortez non hanno proprio pace: oltre allo stesso Max Greenfield che ne sbuca fuori qualche episodio più avanti rispetto all’aggressione subita, c’è qualcun altro che disturba gli ospiti delle stanze dell’albergo, che sia dentro o sotto il letto. Una creatura che un tempo doveva essere un uomo. Senza dimenticare la vittima nascosta sotto il letto quando il detective Lowe (Wes Bentley) arriva all’Hotel nella misteriosa Camera 64.

TAGS

Articoli Correlati

Il capitolo 368 di Berserk ha condiviso i primi spoiler del nuovo arco narrativo dedicato a Guts, che ovviamente riprenderà gli...

10/08/2022 •

20:00

Pokémon Journeys attualmente è impegnato con l’ultimo torneo di Ash ingaggiato nel corso delle ultime settimane, mentre...

10/08/2022 •

18:00

Di certo il medium comprensivo di manga e anime in questi anni sta avendo un’ascesa incredibile, e la sua scala globale...

10/08/2022 •

16:12