One Piece: cosa può imparare la serie Netflix dagli spettacoli teatrali?

One Piece: cosa può imparare la serie Netflix dagli spettacoli teatrali?

Pubblicato il 3 Maggio 2022 alle 08:00

Nel corso degli anni, One Piece ha avuto molti spettacoli teatrali ed eventi dal vivo. Il primo importante è stato lanciato nel 2007 con il One Piece Premier Show, con una versione diversa nel 2010 e da allora ogni anno il “rito” è stato svolto.

Ci sono stati altri spettacoli dal vivo, tra cui la One Piece Live Attraction della Tokyo One Piece Tower e diversi eventi tenuti agli Universal Studios Japan. Pur avendo temi simili, molti di questi spettacoli raccontano storie originali basate sull’anime e sul manga One Piece, spesso con personaggi speciali esclusivi creati per l’occasione.

Uno dei dettagli più impressionanti in questi spettacoli è il modo in cui gestiscono i costumi. Gli spettacoli teatrali lavorano duramente per assicurarsi che i Pirati di Cappello di Paglia assomiglino alle loro controparti del manga e dell’anime.

Inoltre modificano e stilizzano i personaggi stessi per evitare elementi del costume che sembrerebbero strani nello spazio tridimensionale, cosa che viene spesso mostrata con Franky, Brook, e Tony Tony Chopper a causa delle loro insolite proporzioni.

Le storie originali scritte per gli spettacoli teatrali tendono ad essere più semplici rispetto alle trame del franchise principale ovviamente, ma questo in realtà lavora a favore dello spettacolo, in quanto permette loro di includere solo elementi che si adattano al formato live-action.

Naturalmente, non si possono fare battaglie navali su larga scala o avere set che rappresentano un sacco di luoghi diversi e visivamente unici nella maggior parte dei teatri. Così, gli spettacoli aggirano questo problema concentrandosi su trame che rimangono in pochi ambienti specifici — specialmente quelli che sono facili da rappresentare.

One Piece

Questo si riflette anche nei poteri dei personaggi. I creatori degli spettacoli teatrali sono ben consapevoli di quali abilità di Devil Fruit possono far apparire bene sul palcoscenico ed evitano di usare quelle che non sono in grado di far funzionare bene.

Così, Luffy raramente allunga i suoi arti in queste rappresentazioni. Se lo fa, vengono usati filmati pre-renderizzati o pupazzi d’ombra piuttosto che cercare di fare un costume con braccia estensibili, perché questo rischierebbe di rovinare tutto e rendere lo spettacolo una pagliacciata in sostanza.

Nonostante queste limitazioni, gli spettacoli teatrali sono molto amati dai fan perché catturano l’atmosfera della serie principale, indovinando perfettamente il tono e la caratterizzazione dei Pirati di Cappello di Paglia.

Mentre l’adattamento live-action di Netflix non sarà come gli spettacoli teatrali, questi ultimi hanno dimostrato che One Piece può funzionare in live-action se gestito correttamente. Infatti, presentano una struttura solida ed efficace da cui lo show di Netflix può solo imparare.

La lezione principale è quella di lavorare all’interno del mezzo per catturare il tono dello show originale e la personalità dei personaggi, evitando elementi irrealistici senza deviare dal nucleo emotivo centrale della storia originale.

Facendo questo, creeranno qualcosa che mantiene l’atmosfera di One Piece senza sembrare un’imitazione a buon mercato, rimanendo sul tema del live-action, che ha delle note positive e anche delle limitazioni che se sfruttate a dovere possono anche funzionare.

Articoli Correlati

Demon Slayer ci proietta nuovamente in un nuovo scontro. Questa volta tra i fan! L’utente di Reddit KnYChan2 ha condiviso...

13/05/2022 •

21:00

Nel capitolo precedente di Dragon Ball Super, i lettori hanno visto come Bardock ha sconfitto Gas della malvagia famiglia Heeter...

13/05/2022 •

20:00

Doctor Strange in the Multiverse of Madness presenta un colpo di scena finale (prima dei titoli di coda e delle scene extra) in...

13/05/2022 •

19:30