Neal Adams, storico artista della Silver Age, è morto a 80 anni

La leggenda del fumetto Neal Adams, storico artista della Silver Age, è morto a 80 anni

Pubblicato il 30 Aprile 2022 alle 09:45

Neal Adams, uno degli artisti di Batman più influenti nella storia del personaggio, è morto all’età di 80 anni. Secondo sua moglie, Marilyn Adams, il leggendario creatore di fumetti è morto giovedì a causa di una sepsi.

Più noto per il suo lavoro di illustratore negli anni ’60 e ’70 per la DC Comics, Adams era anche un combattente per i diritti di coloro che lavoravano nell’industria dei fumetti.

Insieme al suo frequente collaboratore Dennis O’Neil, Adams ha alterato la percezione del crociato incappucciato da spensierato avventuriero stravagante a un vigilante più oscuro, umorale e violento.

L’arte di Adams amplificava sia gli aspetti umani che quelli inumani di Batman, enfatizzando ogni muscolo e movimento atletico e facendo anche un ampio uso del mantello e del cappuccio del personaggio per proiettare un senso di drammaticità.

Una delle rappresentazioni più famose dell’artista del personaggio fu quando Batman combatté Ra’s al Ghul senza camicia, mantello o guanti. Ra’s al Ghul è un cattivo creato da Adams e O’Neil che è diventato uno dei membri più duraturi della mitologia di Batman.

L’immagine del petto nudo di Batman combinata con la sua iconica maschera è una grande rappresentazione di come Adams ha elevato la doppia natura del personaggio attraverso la sua arte.

Ora, secondo The Hollywood Reporter, Adams è morto giovedì di sepsi. Lascia la moglie Marilyn, i figli Josh, Jason e Joel, le due figlie Kris e Zeea e i nipoti. Dato lo status quasi leggendario di Adams, molti creatori di fumetti hanno anche parlato di quanto il lavoro di Adams li abbia ispirati.

Creatori come l’artista Marvel Bryan Hitch ha scritto di quanto fosse importante il suo lavoro per i creatori di fumetti che ricevono un giusto compenso.

Oltre a difendere le questioni sociali nei suoi fumetti, Adams si è battuto per i diritti dei creatori di fumetti. Ha aiutato a formare l’Academy of Comic Book Arts e la Comics Creators Guild, attraverso la quale ha spinto per la sindacalizzazione, un migliore compenso e una migliore rappresentanza dei lavoratori dell’industria.

Ha fatto pressioni per un adeguato accreditamento e pagamento dei creatori di Superman, Jerry Siegel e Joe Shuster, dopo aver sentito che non potevano partecipare a un musical di Broadway con il loro personaggio.

Ha anche condotto una campagna di successo per far sì che gli editori restituissero le pagine d’arte originali ai loro artisti, permettendo loro di avere un nuovo flusso di entrate vendendo il loro lavoro ai collezionisti.

Neil Adams è stato il destinatario di molti premi nel corso della sua carriera, essendo stato inserito nella Will Eisner Award’s Comic Book Hall of Fame nel 1998, nella Harvey Awards Jack Kirby Hall of Fame nel 1999, e nella Inkwell Awards’ Joe Sinnott Hall of Fame nel 2019.

Nella pubblicazione per il 50° anniversario della DC Comics, Fifty Who Made DC Great, Adams era tra quelli nominati.

Il lavoro di Adams ha ispirato generazioni di artisti, da Frank Miller ai suoi stessi figli, che hanno contribuito ai fumetti come artisti stessi. Grazie agli sforzi di Neil Adams, l’industria del fumetto ha visto vera ispirazione e giustizia.

La leggenda del fumetto Neal Adams, storico artista della Silver Age, è morto a 80 anni

Articoli Correlati

È tornato il Sottosopra e con esso Stranger Things 4, la prima parte della quarta stagione (qui la nostra recensione senza...

27/05/2022 •

17:11

Dragon Ball Super 84: la consapevolezza di Goku e l’incredibile Ultra Ego di Vegeta – Discussione Spoiler Dragon Ball...

27/05/2022 •

17:00

Pokémon: un fan condivide su Reddit un’illustrazione a tema Samurai, abbracciando un enorme roster di creature in stile...

27/05/2022 •

16:00