Dune di David Lynch: alla riscoperta del 4Kult di Eagle Pictures Home Video

Il primo adattamento del 1984 dal romanzo di Frank Herbert.

Pubblicato il 31 Dicembre 2021 alle 19:19

Titolo originale: Dune

Scritto e diretto da: David Lynch

Video: Ultra HD 4K Dolby Vision|2,35:1 Anamorfico 1080p

Audio: 2.0 DTS HD: Italiano – 5.1 DTS HD: Inglese

Sottotitoli: Italiano

Formato: Slipcover

Distribuzione: Eagle Pictures Home Video – 4Kult

Contenuti Speciali: –

Federico Vascotto
Federico Vascotto
2021-12-31T18:42:25+01:00
Federico Vascotto

Titolo originale: Dune Scritto e diretto da: David Lynch Video: Ultra HD 4K Dolby Vision|2,35:1 Anamorfico 1080p Audio: 2.0 DTS HD: Italiano – 5.1 DTS HD: Inglese Sottotitoli: Italiano Formato: Slipcover Distribuzione: Eagle Pictures Home Video – 4Kult Contenuti Speciali: –

Mentre è arrivato anche in home video il nuovo adattamento di Denis Villeneuve, Eagle Pictures Home Video propone in un’edizione (quasi) definitiva il 4Kult diretto da David Lynch del 1984, primo adattamento dell’omonimo romanzo di Frank Herbert.

Nell’anno 10191 l’umanità è diffusa tra le stelle e l’universo conosciuto è retto dal Landsraad, un sistema feudale in cui le grandi casate, che possiedono interi pianeti, sono in perenne lotta per il potere. Arrakis, conosciuto anche come Dune, è un pianeta arido e desertico, ma è anche l’unico in tutto l’universo in cui si trova il melange, la spezia capace di allungare la vita. Per il controllo del pianeta si scatena una lotta mortale tra la casa Atreides e la casa Harkonnen, quest’ultima appoggiata segretamente dall’imperatore dell’universo. Tradita e sconfitta, la casata Atreides viene dispersa, ma l’erede della casata Atreides, Paul, scampa alla strage e trova insperato aiuto nei Fremen, misteriosi abitanti di Dune. Alla guida di questi e con tutte le sue facoltà ampliate dalla spezia, Paul diviene il Kwisatz Haderach, l’essere supremo preannunciato dalle profezie, ed ottiene vendetta su tutti i suoi nemici.

Questo (s)cult, perché pochissimo apprezzato da critica e pubblico all’epoca, e che ha acquisito (solo in parte) una sua ragion d’essere con gli anni, divenendo un must del genere recuperando abbondanti guadagni proprio con l’home video, fu l’esordio della collaborazione con Kyle MacLachlan che sarà poi oltre che in Velluto blu (1986) nel cult seriale per eccellenza, Twin Peaks e che Lynch ritroverà 25 anni dopo nel revival omonimo. Nel cast anche alcuni attori italiani come Silvana Mangano e altri cult come Virginia Madsen e Linda Hunt, e ancora Francesca Annis, Leonardo Cimino, Brad Dourif, José Ferrer, Freddie Jones, Richard Jordan, Everett McGill, Kenneth McMillan, Jack Nance, Siân Phillips, Jürgen Prochnow.

Il film ricevette la candidatura all’Oscar del 1985 per il Miglior Sonoro. Grande attenzione fu data al comparto audio, oltre alle imponenti scenografie (anche se con un terribile effetto surreale-giocattolo, soprattutto ad anni di distanza, memorabili in questo senso i vermi giganti di Carlo Rambaldi e la fotografia di Freddie Francis) della pellicola, come la colonna sonora, composta dalla rock band dei Toto e di Brian Eno, con anche brani tratti da Beethoven, Mahler, Šostakovič e Cherubini, eseguiti dall’Orchestra Filarmonica di Vienna, diretta da Marty Paich, padre del tastierista del gruppo David Paich. Il mix di musica sinfonica classica e del rock moderno volevano rappresentare la fusione di antico/ancestrale e nuovo/futuristico nello spirito della storia distopica, anche grazie all’uso dei sintetizzatori. L’album, registrato nel dicembre del 1984, fu ristampato nel 1997 con l’inserimento di alcuni brani inediti.

Nei primi anni 2000, a quasi 20 anni dall’uscita del film, fu tratta dal romanzo originario la miniserie televisiva Dune il destino dell’universo (Frank Herbert’s Dune), a metà strada tra il remake del film di Lynch e una maggior fedeltà al romanzo originale, grazie anche alla durata di 273 minuti, ed ebbe un sequel nel 2003 con I figli di Dune.

Dune di David Lynch: uno (s)cult degli anni ’80

Dune di David Lynch

Un’edizione (quasi) definitiva per la totale assenza di contenuti extra ma impreziosita da una confezione con cover in cartoncino tipica della collana 4Kult di Eagle Pictures Home Video e all’interno una card da collezione a tiratura limitata. La confezione cattura l’atmosfera dello (s)cult anni ’80 Dune di David Lynch e offre un gran buon lavoro di rimasterizzazione in 4K nel nuovo disco dedicato. Insomma un must per i cultori della pellicola di genere sci-fi diventata cult postumo.

In Breve

Giudizio Globale

7.0

Edizione Home Video

8.0

Contenuti Speciali

5.0

Sommario

Un'edizione (quasi) definitiva per la totale assenza di extra ma impreziosita da una confezione con cover in cartoncino celebrativa e una cartolina all'interno per uno (s)cult degli anni '80.

6.5

Punteggio Totale

Articoli Correlati

Dune di Denis Villeneuve è nei cinema italiani dal 16 Settembre 2021, mentre in Giappone arriverà il 15 Ottobre 2021. Per...

29/09/2021 •

16:49

Scorrendo la lista delle uscite Panini Comics di Marzo 2022 bisogna sicuramente segnalare l’edizione definitiva di Rat-Man, la...

15/01/2022 •

16:27

La DC ha annunciato la pubblicazione di Flashpoint Beyond, undici anni dopo l’uscita di Flashpoint, la storia in cui Flash ha...

15/01/2022 •

14:27