La nuova serie Netflix Cursed (con protagonista la giovane Nimue) è stata subito accolta con entusiasmato dai fan, che hanno apprezzato la sua capacità di innovare il mito arturiano, prolifero e appassionante dal Medioevo a oggi.

QUI PER LA NOSTRA RECENSIONE

Tra le tante varianti (partendo dallo schema ben consolidato del canone arturiano) portate dalla serie, risaltano comunque i riferimenti ai testi “canonici” della leggenda arturiana, quel Lancelot – Graal (o Ciclo della Vulgata) andato a formarsi tra gli anni ’15 e ’35 del XIII secolo.

Scopriamo insieme le origini letterarie del mito e l’importanza della figura del cervo (sicuramente ben notata dai folkloristi!) partendo da una scena concreta della serie!

ATTENZIONE, POSSIBILI SPOILER: PER GODERE PIENAMENTE DELL’ARTICOLO È CONSIGLIATA LA PIACEVOLE VISIONE DELLA SERIE!

3IL CICLO IN BREVE

telegram_promo_mangaforever_3

Composto (tesi più accreditata presso gli studiosi) da testi di diversi autori organizzati poi da uno (o più) architetti, il Lancelot – Graal rappresenta la summa delle storie arturiane (scritte e circolanti già da secoli prima) narrando l’origine del Graal, il suo arrivo in Bretagna, la storia di Merlino e l’ascesa di Artù, gli exploit e gli amori dei cavalieri (tra cui spiccano prima Galvano e poi Lancillotto) fino al ritrovamento del Graal e l’implosione del regno.

Questa, in breve, la struttura del ciclo:

  1. Storia del Santo Graal (Estoire del Saint Graal)
  2. Merlino (Merlin)
  3. Seguito del Merlino (Suite Merlin)
  4. Lancillotto (Lancelot)
  5. Ricerca del Santo Graal (Queste del Saint Graal)
  6. Morte di re Artù (Mort le roi Artu)

Per scoprire i manoscritti, vi rimandiamo al sito del The Lancelot-Graal Project, ambizioso data-base dei manoscritti del Ciclo.

Tralasciando le tante questioni (tematiche e filologiche) dietro ai romanzi, poniamo l’attenzione sul nucleo centrale del Ciclo, ovvero il Seguito del Merlino e il Lancillotto, chiamando in causa specialmente episodi della Suite Merlin.

Per gli appassionati (e non), sarà presto disponibile per la prima volta una tradizione italiana del Ciclo della Vulgata, curata da esperti studiosi di materia arturiana ed edita da Einaudi.

Indietro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui