Quante volte è capitato che il buono pur di fare giustizia ricorra a soluzioni borderline? La nuova raccolta di storie di Julia dimostra proprio questo. La detective creata da Giancarlo Berardi in Ladro Scaccia Ladro si mette alla prova con ricatti, intrighi e traffici illeciti. Missioni non semplici da risolvere per le quali servirebbero soluzioni estreme, praticamente fuorilegge. E chi meglio di Tim O’Leary, il ladro gentiluomo, sarebbe in grado di dipanarsi in questi casi al limite?

Tre sono le storie presentate in questo volume nel quale Julia dovrà mettere in dubbio non solo il suo ruolo di donna della legge, ma anche quello di persona alla ricerca di un sentimento puro, sempre più difficile da raggiungere. Perché Tim O’Leary è proprio questo. Il personaggio creato sulle fattezze di Cary Grant è un uomo affascinante, con un vissuto particolare. Un ladro di alto livello pronto a mettersi al servizio della giustizia, qualora la situazione lo richiedesse.

In “Ladro Scaccia Ladro” Julia deve supportare un amico finito in una rete di spionaggio deviato. Tim sarà importantissimo per venire a capo dei vertici di questa rete per smantellarla. Mentre in “Il Settimo  Comandamento” Tim O’Leary riceverà uno sconto di pena (in stile Suicide Squad) per supportare Julia in un caso nel quale sono coinvolti dei ladri di antichi manufatti. Infine in “Due Ladri“, sarà lo stesso Tim a cercare il supporto di Julia, per un caso di furto e sequestro di persona nel quale sarebbe coinvolto lo stesso fratello del ladro professionista.

Julia, Mangaforever Julia, Mangaforever Julia, Mangaforever

Insomma, quanto basta per appassionare e stimolare i fan di Julia e di storie crime piuttosto classiche che, chiaramente, richiamano il seminale Caccia al Ladro di Alfred Hitchcock. Giancarlo Berardi e Maurizio Mantero alle sceneggiature riescono infatti a sviluppare trame classiche dal grande ritmo, che intrigano e divertono.

Mentre i disegni di Luigi Pittaluga e Federico Antinori richiamo lo stile Raymondiano che aderisce perfettamente al richiamo classicheggiante dei protagonisti (gli appassionati di Julia sapranno benissimo che la protagonista è ispirata a Haudrey Hepburn. Mentre, come accennato prima, Tim O’Leary si rifà al Cary Grant di Caccia al Ladro).

Insomma Ladro Scaccia Ladro è una raccolta interessante che ripropone vecchie storie di Julia, legate dal filo conduttore del personaggio di Tim O’Leary,  che stuzzicheranno i neofiti della detective, e divertiranno, rinfrescando la memoria dei fan più affezionati.

Le antologie bonelliane riescono sempre a trovare un ottimo filo conduttore da sviluppare per dare bene l’idea di cosa il volume voglia proporre al lettore. Perciò, anche se Ladro Scaccia Ladro, ripropone vecchie storie di Julia già pubblicate (elemento che chiaramente richiama principalmente coloro che non possiedono gli albi riproposti nel volume), la Sergio Bonelli Editore riesce sempre a trovare alcuni elementi intriganti ed inediti capaci di richiamare anche i collezionisti incalliti, o i filologi del personaggio.

Per tutti gli appassionati di fumetti crime Julia è una di quelle figure dalle quali non si può prescindere. Un’eroina dotata di profondità e di un contesto ambientale ricco di citazioni, rimandi, e che si nutre dell’essenza del genere. Per questo motivo da oltre vent’anni Julia è un punto fermo della scuderia bonelliana.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui