7 manga dal finale non all’altezza delle aspettative

Dopo aver dato uno sguardo agli anime dal finale non all’altezza delle aspettative, passiamo ai loro fratelli manga.

Anche se l’articolo era già in cantiere ringraziamo Musashi2099 per aver richiesto questa lista.

A differenza degli anime, dove effettivamente è più “facile” trovare finali non proprio carini, su questo aspetto i manga sono molto più attenti. Il rischio di cadere in pareri soggettivi è effettivamente alto, ma considerando nel complesso l’opera e come è stata portata avanti dall’inizio alla fine il giudizio è più oggettivo.

Tenendo a mente questo è stata portata avanti la scelta dei seguenti manga che hanno un finale non all’altezza delle aspettative o. comunque, poco soddisfacente.

7 – Usagi Drop

Usagi drop

9+1 tankobon è il modo corretto di vedere nell’insieme Bunny drop. Il finale vero e proprio è presente del nono volume poi, viste le reazioni non proprio positive, la mangaka Yumi Unita ha pubblicato il decimo. La storia è meravigliosa, ricca di sentimenti e realismo, può piacere anche ai fan dei soli battle shounen proprio per la sua genuità e tranquillità.

Una storia di vita come tante quasi fino alla fine quando le scelte fatte dall’autrice possono far discutere. Difficile dire se sia giusto o sbagliato, è una cosa soggettiva in base a come ognuno di noi concepisce il significato di amore. La sensazione che: tutto poteva e doveva risolversi in altro modo; è però forte… troppo forte. Si tratta di uno dei pochi casi in cui un finale “monco” sarebbe stato più accettabile. La mangaka ha voluto disegnare ciò che sentiva nel profondo, dopotutto questa è la sua opera, e va rispettata per questo.

8 Commenti

  1. Per quanto riguarda BLEACH, nonostante sia stato uno dei detrattori della serie, mi sento di dover spezzare una lancia a favore di Kubo: minacce di morte, costanti ricoveri in ospedale, rapporti ai minimi termini con Shonen Jump e il suo editore, nonché la rottura con i fan della saga (gli otaku di Bleach sono tra i peggiori che vi siano mai stati, certamente i più terrificanti tra i fan dei vecchi big three e sfido chiunque a negarlo) sono motivi più che sufficienti per giustificare un ultimo arco che nulla sembra avere a che fare con l’opera generale. Non a caso, Bleach non ha avuto neanche il finale animato nonostante siano passati ormai anni: questo a testimonianza di come Kubo si sia lasciato malissimo con tutto l’ambiente attorno alla sua opera, animatori compresi.

  2. :D bell’articolo.
    Dei citati ho letto solo Bleach, sul cui finale mi ritrovo su quanto scritto…carino ma…insomma…manca qualcosa al finale. Ma nonostante tutto stimo ancora sensei Kubo.
    Di quelli che invece mi hanno lasciato l’amaro in bocca recentemente posso citare:
    Devilman vs Hades (finale aperto del kaiser)
    Shin Mazinger Z contro il Generale Oscuro (il manga poteva benissimo finire nel penultimo capitolo, davvero bello…e invece NOOOOO facciamo un altro capitolo finale per rovinare il tutto no?!?!?)
    Shamo (diciamo che nella parte finale si vede la mancanza ai testi di Izo Hashimoto, coautore del manga; infatti, la parte finale imho fa abbastanza kakare, finale incluso)

    PS: grazie per la citazione sull’articolo

  3. Ma da dove arriva questo?
    Vampire Knight non è affatto concluso, anzi… La Hino ne ha appena iniziato il sequel (Vampire Knight Memories).

    Parlando di Bleach, a me il finale è piaciuto. Proprio perché mi aspettavo un finale roboante tipo fuoco d’artificio, il finale così calmo e placido mi ha sorpreso e l’ho apprezzato molto.

COMMENTA IL POST