Flatliners (2017) | Recensione Home Video

0
Il remake del classico diretto da Joel Schumacher del 1990 Flatliners, conosciuto in Italia con il titolo di Linea Mortale, ha da poco fatto il suo debutto in una edizione in Bluray molto ricca di interessanti contenuti extra.

Il regista danese Niels Arden Oplev, conosciuto anche per aver diretto alcuni episodi di serie televisive moderne molto conosciute, come Under the Dome e Mr. Robot, è anche il regista di questo interessante remake, che però non è una semplice “copia” dell’originale, quanto piuttosto una originale rivisitazione del tema.

Anche la composizione del cast di attori è differente, poiché mentre nel film originale, del quale potrete trovare qui la nostra recensione, i protagonisti cono quattro uomini e una sola donna (Kiefer Sutherland, Julia Roberts, Oliver Platt, William Baldwin e Kevin Bacon), qui le proporzioni sono diverse, poiché sono presenti tre donne e due uomini (Ellen Page, Diego Luna, Nina Dobrev, James Norton, Kiersey Clemons).

  • Un progetto ambizioso

Il ruolo di protagonista principale e di ideatrice dell’esperimento, appartenuto a Kiefer Sutherland nella versione originale del film (l’attore sarà comunque presente anche in questo remake, ovviamente rivestendo un ruolo differente), qui è ricoperto dalla talentuosa Ellen Page, già vincitrice di un Premio Oscar per la sua interpretazione in Juno e protagonista, insieme a Willem Dafoe anche del videogioco realizzato e prodotto da Quantic Dream Beyond: Two Souls.

La storia alla base di Flatliners è chiaramente molto simile all’originale, anche se resa in maniera moderna e attuale e con delle variazioni sul tema: Courtney Holmes è una giovane studentessa di medicina che vuole dimostrare scientificamente con degli esperimenti che esiste qualcosa dopo la morte, in modo da poterlo documentare in maniera incontrovertibile.

La ragazza coinvolge in questo bizzarro e pericolosissimo progetto anche quattro suoi colleghi universitari, disposti a morire per alcuni minuti, per poi essere riportati in vita dai colleghi, pur di verificare con i propri occhi e grazie al metodo sperimentale ideato da Galileo Galilei cosa c’è dopo la morte, ammesso che qualcosa ci sia:

Una volta tornato indietro, ogni ragazzo sperimenta degli effetti differenti, in una climax di eventi sempre più strani, inquietanti, misteriosi e inspiegabili. A rendere il tutto ancor più pericoloso, una sorta di competizione fra i ragazzi, disposti a restare morti per un lasso di tempo sempre maggiore, il che rende molto più complicato anche la “resurrezione”, senza contare i probabili danni cerebrali dovuti a una prolungata assenza di ossigeno.

  • Una ricca edizione

Nella versione in Bluray in esame, in una confezione molto scarna e sottile e per questo pratica da riporre, ma anche molto fragile, potrete trovare, oltre a una versione in alta definizione del film, anche una ricca serie di contenuti aggiuntivi, grazie ai quali approfondire la propria conoscenza dei retroscena del film e soddisfare la propria curiosità. I contenuti includono scene eliminate ed estese, trailer e approfondimenti sulla tematica centrale del film, la risposta alla domanda finale: esiste qualcosa dopo la morte?

  • Conclusioni

Flatliners è un buon remake, che sarà sicuramente apprezzato anche da chi già da tempo conosce Linea Mortale, oltre che da quegli spettatori che non hanno ancora avuto la possibilità di guardarlo, incuriosendoli proprio sulla visione della versione originale del film.

I tanti contenuti aggiuntivi presenti consentono inoltre di gettare uno sguardo sul processo creativo e sulle scelte stilistiche che hanno portato alla nascita di questo remake, nonché proprio le ragioni di questa scelta.

telegra_promo_mangaforever_2