I 9 migliori anime per i fan degli “Harem”

Pubblicato il 23 Gennaio 2018 alle 12:00

Harem non vuol dire anime pieni di fanservice con enormi seni ovunque e scene più meno sessualmente esplicite ogni 5 fotogrammi… almeno non sempre.

Per la precisione nelle serie di genere harem c’è un protagonista di sesso maschile e tre o più ragazze che si contendono le sue attenzioni e il suo “amore”. Vari anime appartenenti a questa categoria hanno un lato sessualmente esplicito, ma non è una costante fissa bensì una scelta artistica.

Le avventure che il gruppo affronta sono utili al protagonista per fare chiarezza sui suoi sentimenti, affinché possa capire quale delle sue spasimanti è quella che lui ama per davvero.

Insomma, le strade che può prendere un harem sono due: o quella romantica e sentimentale, degna di una storia d’amore; oppure quella lasciva e provocatoria delle Oppai a catinelle.

Percorrete quella che preferite!

9 – Monster Musume no iru Nichijou

Monster Musume no iru Nichijou

Mai dei mostri sono stati così meravigliosi. Sono sempre esistiti, ma fino a questo momento hanno vissuto nascosti agli occhi degli umani, fino a che il governo ha deciso di rivelare la loro esistenza permettendo i rapporti tra le due specie.

Bisogna favorire gli “scambi culturali” così hanno detto… decisione migliore non potevano prenderla. Bravo Governo.

8 – Maken ki

Maken ki

La trama ha delle enormi lacune, ma per fortuna sono coperte dalle gigantesche oppai delle protagoniste. Non c’è molto altro da aggiungere. I poteri magici e le armi sono una scusa come un altra per fare a brandelli i già succinti vestiti delle ragazze.

Il protagonista svampito e del tutto in balia delle sue spasimanti era il cliché che mancava allo stereotipo dell’anime ecchi.

7 – Haganai

Haganai

Conosciuto anche come Boku wa tomodachi ga sukunai (Io ho pochi amici) è una storia di amicizia e di difficoltà, il tutto condito con un buon numero di ragazze intriganti e un unico ragazzo che non si lamenta di avere su di sé tutte queste attenzioni.

Due stagioni per un anime che appartiene sì al genere harem, ma non è così banale e scontato come può sembrare ad una prima visione.

6 – Nisekoi

Nisekoi

Lui ha un medaglione che può essere aperto solo dalla chiave in possesso del suo vero amore. Le altre hanno invece una chiave pronta per essere usata… sì, sembra proprio che i ruoli si siano invertiti, ma non è una metafora, le cose stanno proprio così.

Tutte le ragazze hanno una chiave e sono certe di essere il vero amore di Raku, quando erano bambini si erano giurati amore per sempre, però per qualche strano motivo hanno dei vuoti di memoria e quello che sembra essere vero forse non lo è. Infilare dentro la chiave è più difficile di quanto si pensi.

A parte tutto l’anime è veramente romantico e non ha quasi nulla di ecchi.

5 – Date a Live

Date a live

Salvare l’umanità è una missione ingrata, ma qualcuno deve pur farlo. Quel qualcuno è Shido Itsuka che ha il potere di sigillare gli spiriti che minacciano di distruggere la terra. Gli Spiriti hanno sembianze di belle ragazze e per renderle innocue Shido deve convincerle ad uscire con lui, farle innamorare e baciarle.

Cosa manca? Beh il complesso della sorella. Onii-chan salvaci tu!!!

4 – To Love Ru

To love ru

To love ru non è il capostipite del genere Harem, ma sotto vari punti di vista può essere considerata come la serie che ha dato una spinta decisa al genere; aiutandolo a diventare sempre più popolare. Il bello della serie è che la storia si amalgama bene con tutte le ragazze che corrono dietro al protagonista.

L’anime non è recentissimo, ma nonostante tutto è ancora oggi apprezzato e stimato da moltissimi fan e tutto ciò che è merchandising, soprattutto a livello di action figure va a ruba.

3 – High school of the dead

High school of the dead

Se un domani dovesse arrivare l’apocalisse zombie High school of the dead insegna che a sopravvivere saranno o gli sfigati oppure le ragazze dai seni esageratamente grandi.

Un’accoppiata sicuramente interessante. Elemento leggermente insolito per un anime dalla forte impronta Harem è che non c’è un solo maschio che si contende le attenzioni di più donzelle, ma ben due. Una competizione agguerrita, però i due hanno fan diverse per cui non dovrebbero esserci problemi. Alla peggio il rivale potrebbe, per puro caso, finire in pasto agli zombie.

In guerra e in amore non ci sono regole.

2 – Monogatari

Monogatari

Ragazze, ragazze, ragazze e ancora ragazze. La quantità di donne attraenti che si incontrano seguendo le Monogatari, le avventure di questo anime, sono tante quanti gli interminabili screen pieni di testo. Ogni stagione ha la sua eroina principale, ognuna delle quali stravede, ovviamente, per il protagonista.

Quando si ha l’imbarazzo della scelta, ma la decisione è così ardua da restare a bocca asciutta. Oppure l’amore a prima vista per la stupenda Senjogahara vince su tutte le altre?

1 – High school DxD

A metà tra l’ecchi e l’hentai, High school DxD ha un sacco di primati. Oltre ad essere, forse l’anime non hentai con la più veloce apparizione di un seno scoperto, è anche un ottimo esempio di serie harem.

Ha tutto ciò che serve: un protagonista sfigatello e dai pensieri super lascivi, ma dal cuore d’oro, una sfilza infinita di ragazze molto prosperose e bellissime che fanno la fila per lui; e per finire una trama che, oppai a parte, si lascia guardare.

Per non parlare poi dell’umorismo. Issei ha il potere più sciocco e stupido del mondo, ma allo stesso tempo è quello che ogni maschietto vorrebbe, ed è pure super forte, abbatte letteralmente con un colpo ogni nemico del gentil sesso. Tre stagioni di puro piacere e una quarta in arrivo.

Articoli Correlati

I personaggi storici di Vinland Saga, una delle storie più appassionanti degli ultimi anni rispecchiano gran parte della...

07/08/2022 •

12:00

Per l’anime dedicato alle storie di Junji Ito manca ancora qualche mese (ottobre è la data di uscita), ma questo non...

06/08/2022 •

15:00

Demon Slayer è sicuramente uno dei manga Shonen più appassionanti e di successo degli ultimi anni. Lo dicono sicuramente in...

06/08/2022 •

12:00