Cell: 11 segreti oscuri che non conoscete

0
La Saga degli Androidi di Dragon Ball Z è indubbiamente una delle più affascinanti della serie. Per questo, dopo aver analizzato 10 segreti che li riguardano, vi proponiamo ora uno sguardo più ravvicinato al più spietato e potente cyborg creato dal Dottor Gero: il terrificante Cell.

Dragon Ball Z è senza ombra di dubbio un manga e un anime come nessun altro, nonché uno degli shonen di combattimento più importanti di tutti i tempi, che ha fatto scuola e che ha aperto la strada alla conoscenza del mondo fumettistico e dell’animazione giapponese anche qui da noi in Occidente.

In una serie basata su violente ed epiche battaglie intergalattiche per salvare la Terra, la razza umana o l’Universo, è molto importante che i protagonisti di queste storie siano interessanti, il che vale, ovviamente, non solo per gli eroi, ma anche per i villain.

Goku e i suoi tanti amici a supportarlo, personaggi dal carattere forte come Piccolo e Vegeta, infatti, non avrebbero molto senso di esistere senza le proprie controparti malvagie: in Dragon Ball Z troverete infatti pirati spaziali, demoni, geni del male e androidi psicopatici.

Fra tutti questi antagonisti, l’androide Cell non solo è uno dei più affascinanti, ma anche uno dei più letali. Grazie alle sue origini misteriose, la sua comparsa in Dragon Ball Z ha cambiato per sempre la storia di questo anime. Se ne siete affascinati anche voi, eccovi 10 segreti sul temibile Cell che forse ancora non conoscete.

10. Akira Toriyama ha odiato disegnarlo

Cell è uno dei villain più ricordati nella storia di Dragon Ball Z: il suo design, che ricorda il corpo di un insetto, spicca e definisce il personaggio tanto quanto la sua personalità, ed è difficile immaginarlo diversamente nella sua ultima trasformazione, Perfect Cell.

Tuttavia, al creatore, autore e disegnatore del manga, il Maestro Akira Toriyama, disegnare Cell non piaceva affatto. Infatti, mentre non ha avuto alcun problema nel disegnare le fattezze di personaggi come Goku, Freezer o chiunque altro, per Toriyama disegnare Cell è stata una vera e propria sfida.

Ma cosa c’era di così difficile in questo lavoro? Si tratta delle macchie. Darle per scontate come presenza sul corpo di Cell è piuttosto semplice, ma Toriyama ha dovuto disegnarle a mano una per una ogni volta che il personaggio compariva nelle pagine del suo manga: ci sono letteralmente centinaia di macchie sul corpo di Cell e il fatto che questo processo richiedesse moltissimo tempo è una delle teorie più accreditate che spiegano come mai questo personaggio non sia più comparso in seguito in qualche cameo.

telegram_promo_mangaforever_2