Cell: 11 segreti oscuri che non conoscete

Pubblicato il 15 Marzo 2018 alle 12:00

La Saga degli Androidi di Dragon Ball Z è indubbiamente una delle più affascinanti della serie. Per questo, dopo aver analizzato 10 segreti che li riguardano, vi proponiamo ora uno sguardo più ravvicinato al più spietato e potente cyborg creato dal Dottor Gero: il terrificante Cell.

Dragon Ball Z è senza ombra di dubbio un manga e un anime come nessun altro, nonché uno degli shonen di combattimento più importanti di tutti i tempi, che ha fatto scuola e che ha aperto la strada alla conoscenza del mondo fumettistico e dell’animazione giapponese anche qui da noi in Occidente.

In una serie basata su violente ed epiche battaglie intergalattiche per salvare la Terra, la razza umana o l’Universo, è molto importante che i protagonisti di queste storie siano interessanti, il che vale, ovviamente, non solo per gli eroi, ma anche per i villain.

Goku e i suoi tanti amici a supportarlo, personaggi dal carattere forte come Piccolo e Vegeta, infatti, non avrebbero molto senso di esistere senza le proprie controparti malvagie: in Dragon Ball Z troverete infatti pirati spaziali, demoni, geni del male e androidi psicopatici.

Fra tutti questi antagonisti, l’androide Cell non solo è uno dei più affascinanti, ma anche uno dei più letali. Grazie alle sue origini misteriose, la sua comparsa in Dragon Ball Z ha cambiato per sempre la storia di questo anime. Se ne siete affascinati anche voi, eccovi 10 segreti sul temibile Cell che forse ancora non conoscete.

10. Akira Toriyama ha odiato disegnarlo

Cell è uno dei villain più ricordati nella storia di Dragon Ball Z: il suo design, che ricorda il corpo di un insetto, spicca e definisce il personaggio tanto quanto la sua personalità, ed è difficile immaginarlo diversamente nella sua ultima trasformazione, Perfect Cell.

Tuttavia, al creatore, autore e disegnatore del manga, il Maestro Akira Toriyama, disegnare Cell non piaceva affatto. Infatti, mentre non ha avuto alcun problema nel disegnare le fattezze di personaggi come Goku, Freezer o chiunque altro, per Toriyama disegnare Cell è stata una vera e propria sfida.

Ma cosa c’era di così difficile in questo lavoro? Si tratta delle macchie. Darle per scontate come presenza sul corpo di Cell è piuttosto semplice, ma Toriyama ha dovuto disegnarle a mano una per una ogni volta che il personaggio compariva nelle pagine del suo manga: ci sono letteralmente centinaia di macchie sul corpo di Cell e il fatto che questo processo richiedesse moltissimo tempo è una delle teorie più accreditate che spiegano come mai questo personaggio non sia più comparso in seguito in qualche cameo.

9. Tormenta psicologicamente i suoi nemici

Non c’è altro modo per dirlo: Cell è un mostro terrificante. Anche quando le sue sembianze non ricordano più quelle di un insetto grottesco che è appena fuggito da un laboratorio scientifico, non è necessariamente e soltanto il suo enorme potere che lo rende così spaventoso.

Creato dal Dottor Gero impiegando il DNA di diversi eroi e villain di Dragon Ball Z, Cell ha una personalità anch’essa basata su un amalgama di questi personaggi: quando è minaccioso e sinistro, ricorda Freezer, Vegeta e anche il Grande Re Demone Piccolo (possedendo i geni di Piccolo, Cell ha anche il DNA di suo padre).

Ognuno dei tre personaggi citati era conosciuto principalmente per la predilezione per il tormento psicologico dei propri avversari, e in special modo Freezer ama dare false speranze alle sue vittime, come Cell ama giocare con i suoi nemici, sapendo perfettamente di essere lui a dominare il campo di battaglia, e adora spaventare a morte chiunque gli si pari davanti.

8. È uno dei supercattivi che Goku non ha mai sconfitto

I combattimenti presenti in Dragon Ball Z sono spesso caratterizzati da personaggi secondari che cercano di sopravvivere fino all’arrivo di Goku. Da questo momento in poi, ciò che segue, di solito, è una battaglia epica che scuote il pianeta fin nelle sue fondamenta.

Per questo è facile dimenticare che Goku non ha ucciso tutti i villain che si è ritrovato ad affrontare, e uno di questi è proprio Cell. Anzi, Goku in realtà non ha ucciso molti degli antagonisti principali in Dragon Ball Z, come Nappa o Kid Buu: anche se il nostro eroe ha di sicuro sconfitto la Squadra Ginyu e lo stesso Freezer (nel caso di quest’ultimo, sconfitto, ma non ucciso, poiché sappiamo bene che il colpo di grazia gli verrà inferto in seguito da Mirai Trunks), e in seguito anche Majin Buu, Goku non ha avuto alcun ruolo nell’uccisione di Cell.

Certamente questi due personaggi si sono scontrati fra di loro, ma Goku sapeva bene che non sarebbe riuscito a sconfiggere una simile mostruosità, per cui combatte unicamente per poter dare a suo figlio Gohan l’opportunità di osservare e di studiare da vicino le tecniche di combattimento impiegate da Cell e i suoi movimenti sul campo di battaglia.

Anche quando vediamo Goku aggirarsi nell’Aldilà in alcuni episodi filler, il Saiyan incontra Cell ancora una volta e, anche in questo caso, non ha l’occasione di sconfiggerlo, poiché sarà Paikuhan a farlo.

7. È morto tre volte

La morte è più che comune in Dragon Ball Z: infatti, si potrebbe dire che praticamente chiunque sia mai comparso nel manga e nell’anime sia morto almeno una volta, e anche se Goku e Crilin sono gli eroi deceduti più volte, anche Cell è morto più di una volta. Tre, per essere più precisi.

La forma di Cell che tutti ricordano meglio è quella Perfetta, poiché sappiamo bene quanto questa creatura sintetica sia potente nella sua trasformazione finale, ma vediamo insieme le sue molteplici morti.

Cell viene ucciso per la prima volta da Gohan, trasformato in Super Saiyan, grazie a una potentissima onda Kamehameha:

In seguito, al termine della battaglia fra Trunks e Cell, il ragazzo si reca al laboratorio del Dottor Gero insieme a Crilin; qui i due eroi trovano il terribile androide, ancora allo stadio di embrione. A uccidere Cell questa volta sarà Crilin:

Infine, Cell viene ucciso per l’ultima volta da Trunks: quando il ragazzo ritorna nel futuro della sua linea temporale, prima uccide gli androidi C17 e C18, per poi andare alla ricerca di Cell, mentre è ancora nella sua forma Imperfetta, e riesce a ucciderlo molto facilmente:

6. Ha ucciso Trunks due volte

Come abbiamo appena visto, Cell è morto tre volte, grazie alla possibilità di viaggiare nel tempo, che è lo stesso motivo per cui Trunks, il figlio del Principe dei Saiyan Vegeta e di Bulma, è morto per due volte. Entrambe per mano di Cell.

Grazie all’espediente del viaggio temporale, esistono ben tre diverse versioni di Cell.

Il Cell del futuro, ovvero quello che tutti conosciamo, proviene dal futuro di una linea temporale che il pubblico non aveva mai visto. Il Trunks di quel futuro, noto come Mirai Trunks o Trunks del Futuro, ha disattivato con successo gli androidi C17 e C18, ma Cell, dopo aver realizzato di non poterli assorbire per potersi trasformare nella sua forma perfetta, decide di viaggiare indietro nel tempo, in un momento in cui i due cyborg erano ancora vivi.

Cell riusce a uccidere questa versione di Trunks, perché non si è mai allenata nella Stanza dello Spirito e del Tempo, ruba la sua macchina del tempo e viaggia nella linea temporale principale di Dragon Ball Z :

Qui, uccide Trunks di nuovo, verso la fine del suo scontro con Gohan:

5. Ha terrorizzato diverse linee temporali

Cell è indubbiamente uno dei villain più potenti di tutta la saga di Dragon Ball Z, anche perché, insieme agli altri androidi creati dal Dottor Gero, è stato l’antagonista in moltissimi episodi.

Non importa quali letali tecniche i Guerrieri Z usassero contro di lui, Cell sembrava riuscire sempre a sopravvivere. Questo essere ha ucciso migliaia, se non milioni di persone, e arriva anche ad affermare di voler distruggere l’intero Sistema Solare.

Come se non bastasse, a tutta questa crudeltà si aggiunge il fatto che il potentissimo androide esiste in diverse linee temporali, perché un solo mondo non era abbastanza per questo mostro.

Nel futuro di una linea temporale differente, Trunks è riuscito ad uccidere gli androidi, e Cell continua a uccidere persone innocenti fino a che non realizza che non potrà mai più diventare un essere perfetto.

Per questo, uccide Trunks per potersi impossessare della sua macchina del tempo e tornare indietro, in un passato in cui C17 e C18 non sono ancora morti, in modo da poterli assorbire e ultimare così la sua trasformazione. È in questo momento che Cell fa la sua comparsa nella linea temporale principale di Dragon Ball Z, seminando morte e devastazione anche qui.

4. Ha ucciso Chi-Chi

Durante la saga di Cell nell’anime di Dragon Ball Z è presente una breve scena filler che solitamente viene chiamata “L’incubo di Gohan”, e si tratta in effetti di uno dei momenti più brutali nell’intera serie, al punto che la scena è stata anche pesantemente censurata.

Mentre Gohan dorme all’interno della Stanza dello Spirito e del Tempo, in un momento di pausa dal suo duro allenamento con suo padre Goku, il giovane mezzo Saiyan ha un incubo nel quale Cell riesce a entrare nella Stanza e a uccidere sia Piccolo che la madre di Gohan, Chi-Chi:

https://youtu.be/G3ajrpvCrCI

Ciò che non funziona in questa scena è però il fatto che, prima di questo incubo, Gohan non aveva mai visto Cell, per cui il fatto che sia riuscito a sognarlo senza conoscerne le fattezze resta una incongruenza irrisolta.

3. Ha rischiato di non esistere affatto

La cosiddetta “Saga di Cell” è uno degli archi narrativi più intensi e importanti di Dragon Ball Z, non solo perché ci presenta una grande varietà di personaggi, ma anche perché è proprio in questa saga che vengono introdotti per la prima volta dei nuovi livelli per il Super Saiyan.

Inoltre, perfino il piccolo Gohan arriva a trasformarsi in Super Saiyan di Secondo Livello, anche perché la potenza nascosta del giovanissimo mezzo Saiyan era stata resa comunque percepibile dal Maestro Toriyama durante il corso della storia, ed è proprio durante lo scontro con Cell che tutto questo potenziale si traduce in potenza reale.

Con alcuni dei momenti e delle battaglie più memorabili dell’intera serie, risulta davvero impossibile per i fan di Dragon Ball immaginarlo senza la Saga di Cell. Se non fosse che Cell, in origine, non faceva parte dei progetti di Akira Toriyama.

Come abbiamo già visto nel nostro articolo che riguarda alcuni segreti oscuri degli Androidi protagonisti della relativa saga in Dragon Ball Z, l’editore del Maestro, Kazuhiko Torishima, gli chiese di inserire nella storia come villain un paio di androidi. Tuttavia, Torishima non era soddisfatto di C19, né di C20, e non rimase neppure particolarmente colpito da C17 e da C18.

Per questi motivi, legati, dunque, alla insoddisfazione di Torishima, il Maestro Toriyama decise di introdurre nell’arco narrativo un nuovo androide super potente. Il resto è storia.

2. Voleva dominare come il Grande Re Demone Piccolo

Uno degli aspetti forse più affascinanti di un villain come Cell è l’origine dei suoi immensi poteri: grazie al lavoro del Dottor Gero, è stato infatti possibile dare vita a una creature incredibilmente potente, impiegando nel processo creativo i DNA dei combattenti più forti non solo della Terra, ma anche di quelli che sono venuti qui da noi “in visita”, incluso Freezer.

Cell, inoltre, proprio per via della sua composizione, non solo possiede le tecniche più letali dei combattenti più forti mai comparsi fino a quel momento sul nostro pianeta, ma ne eredita anche alcuni tratti caratteriali: ad esempio, Cell è uno spaccone come Vegeta, e gli piace molto combattere, come a Goku.

In una intervista, Akira Toriyama ha rivelato un aspetto non molto conosciuto del suo Cell. In apparenza, Cell avrebbe voluto dominare il mondo, almeno fino al momento in cui non ha realizzato che Gohan lo avrebbe potuto uccidere: questo desiderio gli è stato trasmesso direttamente dal Grande Re Demone Piccolo, il padre demoniaco di Piccolo. La presenza dei geni del Grande Re Demone Piccolo all’interno del corpo di Cell si spiega dunque con il fatto che il Dottor Gero abbia usato per la creazione del suo androide perfetto anche il patrimonio genetico di Piccolo.

Quando il Grande Re Demone Piccolo era ancora vivo, il suo scopo era quello di riuscire a dominare il pianeta grazie al terrore, e il piano di Cell, una volta sconfitti tutti i Guerrieri Z, sarebbe stato in pratica lo stesso.

1. È uno dei personaggi meno popolari di Dragon Ball Z

Ci sono molti, moltissimi personaggi in Dragon Ball Z, e alcuni di loro sono più popolari di altri: è per questo motivo che Toriyama ha scelto di mantenere nella storia il personaggio di Vegeta, nonostante non gli piacesse particolarmente. Il Principe dei Saiyan, infatti, è un personaggio molto amato dai fan di Dragon Ball, per cui la scelta di non escluderlo dalla narrazione è stata dettata dal suo successo fra il pubblico.

Durante tutto il corso di Dragon Ball Z, sono presentati ben 84 personaggi rilevanti proprio ai fini della storia, per cui, dovendone stilare una classifica, è inevitabile che alcuni di questi, per quanto in maniera inaspettata, possano finire fra gli ultimi posti.

La popolarità di Cell non è così scontata come magari si potrebbe credere, anche perché sono pochi i fan di Dragon Ball che hanno qualcosa di negativo da dire su questo villain, che è stato indubbiamente una aggiunta divertente e piacevole alla serie, anche perché ha aiutato il piccolo Gohan a raggiungere il Secondo Livello della trasformazione in Super Saiyan.

Nel 2004 è stata creata una classifica ufficiale dei personaggi preferiti dai fan che hanno dato il proprio voto, in occasione della pubblicazione del libro Dragon Ball Forever: su 20 personaggi presenti, Cell risulta solo al 14° posto.

I segreti più oscuri di Cell sono stati svelati, ma ne abbiamo inserito una extra, una piccola curiosità per tutti i fan di Dragon Ball appassionati anche di videogiochi: seguiteci nella prossima e ultima pagina!

Bonus: si è fuso con Freezer

La Fusione è senza ombra di dubbio uno degli aspetti più affascinanti e divertenti di Dragon Ball Z, che apre la via a una vastissima serie di trasformazioni, atte anche a far proseguire la narrazione della storia in manierà più fluida e appassionante. Alcune delle Fusioni preferite dai fan sono Gotenks, Vegetto e Gogeta.

La Fusione può inoltre essere ottenuta sia grazie ai Potara, degli speciali orecchini magici che fondono insieme chi li indossa…

…che grazie alla comica Fusion Dance:

Nei videogiochi ispirati a Dragon Ball, non solo è possibile far fondere fra loro personaggi che già lo hanno fatto nel manga e nell’anime, ma si è anche scelto di permettere ai giocatori di divertirsi sperimentando delle bizzarre Fusioni mai viste prima!

Nella serie originale, villain come Cell non hanno mai avuto l’occasione di sperimentare questa tecnica, ma grazie al videogioco Dragon Ball Fusions il nostro Androide ha avuto la sua opportunità: infatti, a un certo punto Cell si fonde con Freezer:

Si tratta di una Fusione insolita e divertente, e costituisce inoltre un ottimo fan service. Nel gioco sono disponibili anche tante altre fusioni insolite, per cui non rest che scoprirle tutte.

Fonte: CBR.

Articoli Correlati

Dopo l’annuncio di qualche settimana fa del Genshin Impact Anime, tratto dall’omonimo videogioco diventato di culto...

02/12/2022 •

18:15

La Lucasfilm ha finalmente diffuso il trailer di Indiana Jones e la Ruota del Destino, quinto capitolo delle avventure...

02/12/2022 •

17:00

Dopo un’attesa spasmodica è arrivato finalmente in sala in Italia One Piece Film: RED, 15° capitolo cinematografico del...

02/12/2022 •

14:00