Le 8 battle royale più spietate negli anime

Pubblicato il 4 Dicembre 2017 alle 14:00

Lasciate da parte speranze, pietà, umanità e ogni altro sentimento gentile. Non vi serviranno a niente se volete sopravvivere a questi giochi della morte.

Vengono definite battle royale quelle sfide tutti contro tutti dove solo uno tra i partecipanti può sopravvivere: il vincitore. In queste mini guerre ogni mezzo è lecito per uccidere il nemico, non importa chi esso sia. Normalmente hanno sfondi violenti e non sono adatti ad un pubblico debole di cuore, ma non sempre è così.

Tra gli anime di seguito presentati ci sono serie che hanno estremizzato il concetto di battle royale, spingendolo ai limiti leciti, ad altri nei quali hanno lasciato spazio alla trama e allo spirito di amicizia.

State pronti ad entrare in quelli che sono dei giochi di morte.

Non è detto che ne uscirete vivi.

8 – Btoom

Btoom

Quando il videogioco diventa realtà. Btoom è un gioco per console molto popolare, lo scopo è far esplodere l’avversario utilizzando come unica arma delle bombe. Online ha ottenuto un successo mondiale, con milioni di videogiocatori, ma cosa succede quando la finzione diventa realtà?

Lo scopriranno a sue spese Sakamoto Ryota e gli altri giocatori che, loro malgrado, sono stati venduti per partecipare ad un gioco mortale. Isolati dal mondo esterno in un’isola deserta, dovranno lottare gli uni contro gli altri per sopravvivere. Solo uno può sopravvivere e le armi per far cadere gli altri sono ovviamente delle bombe.

7 – Basilisk

Basilisk

Una guerra secolare ha sconvolto gli eterni rivali clan di Iga e Koga. Dopo 400 anni di lotte finalmente si è giunti ad un trattato di non aggressione, patto destinato ad essere spezzato dallo shogun Ieyasu. La pace è finita e i clan ninja rivali sono pronti a dichiararsi guerra di nuovo.

A nulla servono i tentativi degli eredi delle rispettive casate di riportare la pace. Gli anni di rancori e tradimenti sono stati troppi e sia gli Iga che i Koga vogliono vedere il sangue scorrere fino a che uno dei due clan sarà completamente sterminato.

6 – Mahou shoujo ikusei keikaku

Mahou shoujo ikusei keikaku

Maga non si diventa, si viene scelta. Una sola tra decine di migliaia di partecipanti ha il privilegio di diventare una Mahou Shoujo, una ragazza dai poteri magici incredibilmente forte e dalla bellezza mozzafiato. Solo poche elette possono aspirare a questo titolo, ma anche dopo averlo raggiunto mantenerlo non è facile.

Per mantenere alto il livello di energia magica bisogna tenere al minimo il numero di Mahou shoujo e per farlo alcune di quelle che hanno già questo titolo devono perderlo. Tra le maghe in carica partirà quindi un’orribile lotta per la sopravvivenza dove i poteri magici non sono l’unica cosa ad essere messa in gioco. Perdere significa morire.

5 – Danganronpa

Danganronpa

Makoto Naegi è il super ultra studente fortunato che è entrato nella prestigiosa scuola Hope’s Peak, dove studiano gli studenti migliori, coloro che sono destinati ad essere la speranza dell’umanità. L’accademia, in realtà, è una vera prigione governata da un sadico presidente dalla sembianze di un orso.

Makoto e gli altri membri della sua classe sono intrappolati e costretti a partecipare ad un gioco mortale: se vogliono tornare liberi devono uccidere un loro compagno di classe e farla franca; organizzare il crimine perfetto e non essere scoperti da nessuno. Solo così potranno scappare da quell’inferno, ma ognuno di loro oltre che potenziale assassino è anche una possibile vittima.

4 – Deadman Wonderland

Deadman wonderland

Deadman wonderland per i turisti interni altro non è che un parco divertimenti gestito da detenuti, per molti altri è una prigione da sfruttare per ricostruire Tokyo dopo il grande terremoto che l’ha quasi distrutta, mentre per i prigionieri è un inferno diviso a gironi.

Ganta è un ragazzo innocuo che finisce in Deadman Wonderlan perché accusato di aver ucciso tutti i suoi compagni di classe. Scoprirà sulla sua pelle la dura verità della prigione: un luogo di perdizione dove alcuni detenuti sono costretti a combattere l’uno contro l’altro in uno scontro all’ultimo sangue. Il perdente non muore, ma subisce una punizione ben peggiore.

3 – Fate/zero

Fate/Zero

La saga di Fate è nata come un vero e proprio survival game dove solo uno dei partecipanti può ottenere la vittoria. La guerra per conquistare il Graal vede coinvolte sette coppie di contendenti uno dei due è il master umano, l’altro è il servant, eroi passati che aiutano i propri padroni nella lotta contro gli altri concorrenti.

Il vincitore, si dice, può esprimere un qualsiasi desiderio voglia e vederlo esaudito. Ogni mezzo è lecito per ottenere la vittoria in quello che è uno scontro senza esclusione di colpi. Non ci sono colpi bassi, tutto è ammesso.

2 – Mirai Nikki

Mirai nikki

Chi sopravvive allo scontro diventerà il nuovo Dio, o meglio il successore del Deus Ex Machina, l’asociali Yukitero è, suo malgrado, uno dei dodici s/fortunati che può partecipare al gioco. Ognuno dei personaggi è in possesso di un cellulare in grado di prevedere il futuro: uccidere l’altro concorrente o distruggere il suo telefono equivale ad eliminarlo.

Tra chi combatte per sete di potere, desiderio di rivincita, per il proprio interesse o per semplice “amore” il survival game del futuro ha inizio e non ci sono luoghi sicuri. Ogni mossa possibile è prevista, ma forse non tutti sanno che il futuro può sempre cambiare, non è indelebile. Basta solo trovare il modo di riuscirci.

1 – Battle Royale

Non è un anime, purtroppo, ma uno dei più letali battle royale mai creati è proprio quello il cui romanzo porta il nome.

Originariamente un romanzo scritto nella fine degli anni ’90 da Koushun Takami, nel 2000 ne è stato fatto anche un film campione d’incassi. Infine dal 2000 al 2005, il romanzo è stato adattato a manga, dei disegni si è occupato Masayuki Takuchi e l’opera ha fatto un grande balzo di qualità. Con piccole licenze artistiche e di trama la psicologia dei personaggi è stata resa più profonda e le violente scene del manga hanno reso ancora più tetra la già avvincente storia di Battle Royale.

In uno stato totalitario localizzato nell’odierno Giappone vige il BR act. Ogni anno una classe di terza media viene scelta per partecipare ad una lotta all’ultimo sangue tra gli studenti dove solo uno può sopravvivere. Il vincitore del gioco di sopravvivenza è l’unico ad avere salva la vita.

21 ragazzi e 21 ragazze da compagni di classe si ritroveranno a combattere gli uni contro gli altri. Amicizie, simpatie, amori e rivalità avranno ancora un valore sapendo che solo uno tra tutti potrà vivere?

Fonte: Goboiano

Articoli Correlati

Con i tiri spettacolari di Captain Tsubasa (e non solo) è sicuramente uno degli spokon più influenti ed importanti di sempre,...

30/09/2022 •

20:00

Planet Manga annuncia direttamente dalla sua pagina Facebook ufficiale che Atsushi Ohkubo sarà presente al Lucca Comics &...

30/09/2022 •

19:00

Cyberpunk: Edgerunners ha conquistato il cuore del noto Game Designer Hideo Kojima, che durante le ultime settimane si è...

30/09/2022 •

18:00