Reboot e rilanci fanno scappare i lettori? E chi lavora come nelle fumetterie cosa pensa dei fumetti che vende? I premi delle fiere italiane interessano a qualcuno? La prima grande indagine di MangaForever!

MangaForever.net informa ogni giorno decine di migliaia di persone su tutto ciò che accade nel mondo del fumetto. Oggi che il fumetto è più che mai presente al cinema, in tv, sui giornali e soprattutto su internet, potrebbe sembrare che la Nona Arte viva un periodo di fioritura, che goda di una popolarità foriera di nuovi lettori e volumi di affari in ascesa. Ma è davvero così?

Vista la riservatezza che contraddistingue la maggioranza degli editori italiani e i distributori è difficile sapere con certezza lo stato di salute del mercato. Abbiamo quindi deciso di chiedere come stanno le cose ai proprietari, gli impiegati, i commessi delle fumetterie che ogni giorno sono in prima linea, tastano il polso di lettori e appassionati e possono con i loro consigli guidarne gli acquisti.

Ovviamente è chiaro che, diversamente a quanto succede ad esempio negli USA (ma anche lì le cose stanno cambiando), quello che accade nelle fumetterie non possa produrre un’istantanea precisa della scena del fumetto italiano; la maggior parte dei fumetti italiani più venduti e conosciuti, quelli Bonelli, nei negozi specializzati trovano pochissimo posto.

Spero però che risultati di questo sondaggio servano a dare un’idea più chiara sella situazione del settore in generale e su quella delle fumetterie in particolare a tutti i nostri lettori, addetti ai lavori e non.

SPECIFICHE DEL CAMPIONE

  • 31 fumetterie da 17 regioni italiane e una nella Svizzera italiana. Troverete il nome degli esercizi che hanno accettato di renderlo noto in fondo all’articolo. Se qualcun altro che non aveva ancora dato il permesso alla pubblicazione volesse farlo ora, mi contatti.
  • Tutte le fumetterie hanno risposto a tutte le 42 domande del sondaggio.

Informazioni generali

Età e sesso dei partecipanti:

Dei 31 rivenditori che hanno risposto al sondaggio ben 25 sono maschi (figura 1). Confrontando i dati viene fuori che le 6 donne appartengono tutte alla fascia d’età 25-40.

Le fumetterie:

Il campione è composto in larga maggioranza da fumetterie con una discreta storia alle spalle (fig. 3): solo 3 quelle in affari da meno di 5 anni, ben 21 quelle con attive da più di 10 anni.
Tra coloro che hanno risposto, solo 2 lavorano in una fumetteria che fa parte di una catena o di un franchise (fig. 4).

incassi
fig. 5

Veniamo ai dati più interessanti: l’ampia maggioranza (26 su 31) delle fumetterie intervistate deve la maggior parte degli incassi ai fumetti (fig. 5). Vedremo più avanti quali sono i fumetti che generano il maggior numero di introiti.

stato
Fig. 6

Prima istantanea del mercato (fig. 6). La quasi totalità delle fumetterie ha definito la loro situazione in modo quantomeno positivo: accettabile (12 su 31); buono (10); eccellente (8). Le 8 “eccellenti” sono distribuite da nord a sud.

Mercato e clientela:

Nelle domande che necessitavano di una cornice temporale ho deciso di focalizzare l’attenzione sugli ultimi 5 anni (il sondaggio è stato pensato a fine 2015, quindi 2010-2015). Questo periodo ha visto l’esplosione di popolarità dei cinecomics e delle serie tv tratte da fumetti (con conseguenti mutamenti nelle strategie editoriali degli editori USA), l’affermarsi in Italia di Zerocalcare e di altri autori nati sul web, una certa ventata di cambiamento anche nelle politiche Bonelli… La maggior esposizione del fumetto, protagonista di film, serie tv, avrà avuto influenza sul mercato?

Le case editrice USA stanno facendo a gara a inseguire nuovi clienti soprattutto tra le donne e i più giovani. Com’è la situazione nelle fumetterie italiane?

Le clienti (fig. 7) continuano a essere in minoranza (ma più vicine al 50% che al 10%); da qualche parte sotto al 50% dei clienti totali anche i minorenni (fig. 8). Niente male?

Fig. 9
Fig. 9

Per la grande maggioranza delle fumetterie (20 su 31) la situazione del mercato del fumetto in Italia è peggiorata negli ultimi 5 anni (fig 9). Attenzione: parliamo di mercato, quindi numeri, vendite e clienti. Della qualità dei fumetti pubblicati in Italia parleremo più avanti.

Ma se la situazione è peggiorata, la grande esposizione di cui parlavo prima avrà almeno portato un numero consistente di nuovi clienti alle fumetterie negli ultimi 5 anni?

nu-clienti
Fig. 10

Questa è stata una delle domande più polarizzanti. In lievissimo vantaggio (16 a 15) il sì (fig 10).

Girate pagina per scoprire le categorie di fumetti più vendute nelle fumetterie.

telegra_promo_mangaforever_2

3 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui