Era il 10 agosto del 1962 quando nelle edicole americane fece capolino il numero 15 di The Amazing Fantasy, un periodico a fumetti pubblicato dalla giovane Marvel Comics. Amazing Fantasy era una rivista antologica che presentava storie di genere horror e fantascientifico scritte da Stan Lee e disegnate da Jack Kirby e Steve Ditko.

Nel numero 15 fece la sua comparsa un personaggio strano, per l’epoca. Un adolescente, con i problemi che tutti i ragazzi di quell’età anno, ma che aveva qualcosa in più: la possibilità di scalare velocemente le pareti di un palazzo e volteggiare tra un grattacielo e l’altro come Tarzan, usando ragnatele sparate dai polsi al posto delle liane.

Spider-Man era stato disegnato da Steve Dikto, dopo alcune bozze proposte dal King of Comics Jack Kirby, che però non piacquero al Sorridente. Il successo fu immediato, tanto che Marvel decise di chiudere Amazing Fantasy e lanciare una testata dedicata al nuovo personaggio: The Amazing Spider-Man. Il resto è, come si suol dire, storia.

In 58 anni l’Arramapicamuri ha fronteggiato innumerevoli nemici, ha subito gravi lutti, si è sposato, ha rinunciato al costume, ha perso i poteri, è stato catapultato in altri Universi, ha combattuto al fianco di moltissimi supereroi e tutt’oggi ci fa compagnia con le sue storie, attualmente narrate da Nick Spencer sulla sua storica testata regolare, edita in Italia da Panini Comics.

Per festeggiare il suo compleanno, Mangaforever vi propone 5 bellissime storie classiche, in rigoroso ordine cronologico.

5Se è scritto nel destino (If This Be My Destiny…!)

Se è scritto nel destino
telegram_promo_mangaforever_3

Stan Lee (testi), Steve Ditko (disegni). Pubblicata nel 1965 su The Amazing Spider-Man #31–#32-#33. Ultima pubblicazione italiana: Super Eroi Classic #43 (RCS Quotidiani, 2018).

Una delle storie più amate della run Lee-Dikto. Se è scritto nel destino è una storia in 3 capitoli dove il Doctor Octopus viene scoperto da Spider-Man mentre ruba alcune apparecchiature high-tech. Ma Doc Ock è anche colui che ha l’unica cura per zia May, gravemente malata a causa di una trasfusione con sangue radioattivo dello stesso Peter.

La storia è famosa soprattutto per la sequenza memorabile in cui un esausto Spider-Man è intrappolato sotto diverse tonnellate di macchinari pesanti, raccoglie le ultime forze per emergere dalle macerie e salvare zia May. Se è scritto nel destino è anche stata tra le prime “saghe” di Spider-Man, organizzata in puntate e consentendo così agli autori di creare una storia più profonda e coinvolgente di quanto non avessero mai fatto prima.

Acquista il volume “La storia della mia vita. Spider-Man”

Indietro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui