One Piece Against the Machine

Pubblicato il 16 Aprile 2019 alle 09:00

Come abbiamo potuto vedere nell’ultimo episodio di One Piece, del quale potete trovare qui la mia recensione, è stato dedicato grande spazio alla presentazione dell’Armata Rivoluzionaria e dei suoi obiettivi principali in generale e dei suoi quattro Comandanti nel dettaglio: quali sono gli ideali a cui si ispirano? Qual è il suo scopo principale? E perché hanno deciso di incontrarsi in un luogo segreto proprio adesso?

Sappiamo già a grandi linee chi siano e cosa vogliano in egenrale tutti coloro che fanno parte dell’Armata Rivoluzionaria: in breve, si tratta di uomini e di donne che si sono posti l’obiettivo di correre in soccorso di tutti gli oppressi che da soli non hanno il potere di ribellarsi ai soprusi che subiscono, e non importa se tali abusi siano perpetrati da membri del Governo Mondiale, dalla Marina o da dei semplici pirati: i Rivoluzionari non sono infatti guidati solo da ideali per così dire politici, quanto piuttosto dal genuino desiderio di restituire a chi l’ha perso il bene più grande: la libertà.

Il mondo di One Piece è piuttosto complesso e variegato, nulla è solo bianco o nero, ma in questa sede mi limiterò a una breve analisi dei due schieramenti opposti che stanno per venire a confronto: il Governo Mondiale insieme alla sua Marina da una parte e i nostri ragazzi dell’Armata Rivoluzionaria dall’altra.

3. EVIL EMPIRE

Non si conoscono molte informazioni che riguardino i Draghi Celesti a causa di quei famosi 100 anni di storia ancora avvolti nel mistero, ma sappiamo che in quel periodo deve essere successo qualcosa che ha portato i Draghi Celesti al vertice del mondo di One Piece; questi individui si sono autoproclamati esseri divini, un po’ come poteva avvenire nell’Antico Egitto, per intenderci. Ciò che avvenne in questo “secolo buio” è però riportato sui Poignee Griffe, misteriose e gigantesche pietre decifrabili solo dagli abitanti dell’Isola di Ohara, prontamente rasa al suolo: quale terribile segreto avranno da nascondere i Draghi Celesti? Per fortuna, una abitante di quell’isola si è salvata dalla pulizia etnica di cui furono invece vittime tutti gli altri residenti di Ohara: la nostra bellissima e intelligentissima Nico Robin, l’unico essere umano rimasto al mondo in grado di decifrare i criptici Poignee Griffe.

Già da questo è possibile comprendere non solo che, molto probabilmente, i Draghi Celesti sono saliti al potere in maniera illegittima, ma anche che questi regnanti non si pongono il benché minimo problema nel’opprimere e nell’uccidere chi si opponga a loro e chiunque si possa avvicinare alla scoperta di qualunque cosa non vogliono in alcun modo che venga alla luce.

Ma l’oligarcico e autoritario Governo Mondiale, rappresentato dal Maestro Oda come una dittatura opprimente, non è il solo nemico della libertà degli abitanti di questo tormentato mondo immerso nelle acque del mare: a difendere formalmente la giustizia, ma molto spesso nella realtà il potere precostituito, c’è il braccio armato dei Draghi Celesti: la temibilissima Marina.

VOLTATE PAGINA PER PROSEGUIRE LA LETTURA DI QUESTO ARTICOLO!

Articoli Correlati

La chiusura del maestoso ciclo mutante di Jonathan Hickman, che saluterà i fan subito dopo il crossover Inferno, consentirà...

06/01/2022 •

08:42

Da oggi 5 gennaio 2022 il primo film fumettistico in sala dell’anno è The King’s Man – Le origini (qui la...

05/01/2022 •

20:23

Dopo una lunghissima e trepidante attesa, finalmente il 15 Dicembre scorso in Italia ha debuttato Spider-Man: No Way Home,...

05/01/2022 •

15:00