I difensori degli oppressi, meglio conosciuti nel mondo di One Piece come i coraggiosi membri dell’Armata Rivoluzionaria, stanno per riunirsi in un luogo segreto per poter elaborare il loro a dir poco ambizioso piano di assalto al dispotico regno assolutistico dei Draghi Celesti di Marijoa.

I difensori degli oppressi, meglio conosciuti nel mondo di One Piece come i coraggiosi membri dell’Armata Rivoluzionaria, stanno per riunirsi in un luogo segreto per poter mettere a punto una buona strategia che permetta loro finalmente di al dispotico regno assolutistico dei Draghi Celesti di Marijoa.

Gli uomini e donne che hanno scelto di unirsi all’Armata Rivoluzionaria lottano da sempre per difendere i diritti di tutti coloro che sono oppressi da quella che potrebbe essere tranquillamente definita come una dittatura oligarchica, ovvero il dispotico e indiscusso regno dei Draghi Celesti, i quali vivono nel loro personale Empireo, Marijoa. Ma i nostri combattono anche per proteggere chi viene vessato non direttamente dal Governo Centrale, o comunque non solo da esso, ma pure dalla Marina, che sovente si prodiga più per difendere questo status quo che per proteggere i più deboli.

VIVA LA REVOLUCION!

Non mi dilungherò in questa sede nella descrizione degli ideali che muovono l’Armata e non vi svelerò di certo quale sia il piano che hanno in mente queste ambiziosi ragazzi, per non togliervi il gusto di scoprirlo da soli con i vostri occhi, ma posso dirvi che grazie a questo appassionante, emozionante e dinamico episodio avrete modo finalmente di conoscere un po’ meglio chi ne fa parte e quali siano le loro intenzioni, ora che il Reverie è sempre più vicino.

Come già sappiamo, i Rivoluzionari lottano da sempre contro il sistema di Governo Mondiale che vige nel mondo di One Piece e che influenza, spessissimo in maniera più che negativa, le vite di moltissime popolazioni, in special modo di quelle fasce della popolazione più deboli, alternativamente in balia dei soprusi del Governo e della sua Marina da una parte e dagli assalti di pirati assettai di ricchezze dall’altro. In questo mondo, le uniche voci fuori dal coro e che non sopportano questi abusi appartengono all’Armata dei Rivoluzionari e a quei pochi pirati come i nostri Mugiwara che non si tirano mai indietro, quando si tratta di aiutare chi è in difficoltà.

CRIMINALI CRESCIUTI IN SENO ALLA MARINA

Verrebbe quasi da chiedersi cosa abbia sbagliato Monkey D. Garp nell’educazione di suo figlio Dragon prima e di suo nipote Rufy poi: come ben sappiamo, Garp è un Vice Ammiraglio della Marina, mentre i suoi familiari più stretti sono rispettivamente il Comandante Supremo dell’Armata Rivoluzionaria e un pirata la cui testa vale adesso ben 1.500.000.000 di Berry; se poi consideriamo che Garp si era anche incaricato di crescere Portgas D. Ace, figlio di Gol D. Roger e a sua volta Comandante della Seconda Flotta di Barbabianca, al tempo uno dei Quattro Imperatori, allora questo “fallimento” diviene ancor più clamoroso.

Per quanto Rufy possa avere degli obiettivi differenti da quelli che si sono prefissati i membri dell’Armata guidata da suo padre, a volte questi obiettivi coincidono, ovvero quando si tratta, come ho accennato anche in precedenza, di proteggere gli oppressi e gli indifesi. E se conosciamo bene Rufy, in questo ultimo episodio avrete anche l’occasione di conoscere un po’ meglio chi siano coloro che fanno parte dei Rivoluzionari e quale sia il loro piano attuale, a dir poco ambizioso e audace: riusciranno questi coraggiosi difensori dei diritti umani a portarlo a termine? E come hanno intenzione di farlo?

ANTICIPAZIONI

Dopo aver visto in azione l’Armata dei Rivoluzionari, l’obiettivo si sposterà su Sakazuki (o Akainu, se preferite) l’attuale Grand’Ammiraglio della Marina, preoccupato per la repentina ascesa di Rufy, che ha imparato a conoscere personalmente già a Marineford, nel prossimo episodio di One Piece, dal titolo È tempo di agire – L’irrefrenabile Grand’Ammiraglio della Marina, Sakazuki. Kaizoku ou ni ore wa naru!

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui