7 famosi mangaka che hanno iniziato disegnando hentai

Pubblicato il 7 Aprile 2019 alle 21:00

Al grido di “Hentai is art” possiamo cominciare.

Che l’universo fatto di immagini e rappresentazioni zozze ha un mercato vastissimo non è di certo una novità. Come non è una novità nemmeno l’elevato numero di manga a sfondo sessuale che popolano le librerie giapponesi e non solo.

Uno dei lati interessanti di questo mondo è che molti tra i mangaka più conosciuti, famosi e popolari in tutto il mondo hanno iniziato la loro carriera di artisti proprio disegnando hentai. Il fatto ancora più interessante è un altro. Nonostante le opere di questi artisti siano state definite come capolavori, più di un mangaka ha deciso di abbandonare il mondo “luminoso” dei manga e dedicarsi di più a quello “oscuro”.

Infine, ammettiamolo, dal tratto e dalle forme date alle eroine di alcuni artisti un paio di sospetti sono venuti a chiunque.

7 – Rei Hiroe / Black Lagoon

Rei Hiroe

Di manga e anime famosi di solito esiste la versione originale e, nei meandri più oscuri della rete, la versione per adulti, realizzata dai fan, in cui i protagonisti dell’opera danno libero sfogo ai propri istinti. Nel caso di Black Lagoon non è servita la penna degli appassionati per realizzare la versione Hot.

Ci ha pensato lo stesso autore Rei Hiroe che sotto lo pseudonimo di Tex-Mex ha disegnato e messo in commercio una versione senza veli di Rei e degli altri protagonisti di Black Lagoon. In realtà per il mangaka non era il primo lavoro nel settore. Tex-Mex è conosciuto per aver realizzato diverse doujin con protagonisti personaggi famosi di altri anime e videogame.

6 – Kohta Hirano / Hellsing

Kohta Hirano

Prima di disegnare l’ormai celebre e famoso Hellsing l’autore ha dato vita come freelance a vari prodotti hard, Angel Dust è uno tra questi.

La cosa curiosa è che molti dei personaggi che compaiono in Hellsing originariamente erano protagonisti dei suoi prodotti hentai.

5 – Masamune Shirow / Ghost in the shell

Masamune Shirow

La vera origine di Masamune Shirow come artista è stata nel mondo hentai. Fin qui nulla di strano, poi si è dedicato alla realizzazione di manga sci-fi creando uno dei grandi classici della fantascienza ossia Ghost in the Shell.

Ecco allora che dopo aver raggiunto fama, successo, titoli e onore cosa ha fatto? E’ tornato a dedicarsi alla realizzazione di manga hentai. Lavoro che svolge anche oggi firmandosi con il suo vero nome.

4 – Shun Saeki / Food wars

Shun “Tosh” Saeki

Guardando i disegni del maestro Shun Saeki, padre della serie a tema culinario Food Wars, pensare che avesse avuto un passato da artista hentai sembra più che accettabile. Le sue formose eroine, così come l’associazione, spesso ardita, di figure letteralmente denunade grazie all’orgasmo culinario provocato dall’assaggio di un buon piatto sono al limite dell’accettabile.

Forse non tutti sanno che nel suo passato, sotto lo pseudonimo di Tosh si nascconde la realizzazione di una vasta quantità di serie hentai. Ora tutto è più chiaro, ammettiamolo.

3 – Akira Akatsuki / Medaka box

Akira Akatsuki

In tema di ragazza formose e provocanti anche il maestro Akira Akatsuki può dire il suo. Anche se il lato ecchi nella sua opera principale e più conosciuta, Medaka Box, non sono eccessivi le misure del seno della protagonista sono più che esplicite.

Anche lui deve il suo tratto abbondante al suo passato come artista di manga hentai, elemento che è rimasto un tratto distintivo del suo stile.

2 – Ito Ogure / Air gear

Ito “Oh Great!” Ogure

Ito Okure, conosciuto nell’ambiente ecchi come Oh Great, ha sempre portato avanti in parallelo questi due generi e stili. Nasce principalmente come artista hentai, ma con il tempo è riuscito a dare vita anche ad opere più serie e avventurose.

Nonostante il successo di certe sue opere ha comunque continuato a disegnare manga hentai con lo stesso impegno di sempre. Una forte nota ecchi, soprattutto in Tenjou Tenge, è presente.

1 – Shouji Sato / Highschool of the death

Shouji Sato

Famoso sia nel mondo hentai sotto il nome fittizio Inazume, che in quello dei manga, Shouji Sato è apprezzato soprattutto per il suo stile di disegno preciso, dettagliato e pulito.

Le sue opere più famose, come Triage X che High school of the dead, hanno avuto un’ottima accoglienza. Le sue esperienze come disegnatore di manga hentai gli hanno permesso di affinare la sua tecnica nel corso degli anni.

Fonte: Goboiano

Articoli Correlati

Tra le uscite J-POP Manga del 7 dicembre 2022 troviamo  il sesto volume dell’appassionante saga natalizia di Hikaru Nakamura:...

05/12/2022 •

18:00

Tra le uscite manga Star Comics del 7 dicembre 2022 si segnala il terzo volume di Soloist in a Cage e il secondo di Scum’s...

05/12/2022 •

17:00

One Piece prosegue nei progetti dell’anno a gonfie vele e tutti gli appassionati sono sempre più curiosi di scoprire cosa...

05/12/2022 •

15:27