A Beautiful Day di Lynne Ramsay | Recensione in anteprima

Pubblicato il 2 Maggio 2018 alle 20:00

Il nuovo film di Lynne Ramsay arriva nei cinema italiani dal 3 maggio.

Mi fa sempre tanto ridere quando il titolo originale di un film in Italia viene modificato, e non tradotto. Ti fa rimanere simpaticamente interdetto e più fissi la locandina, più ti domandi se sia il caso di ridere, piangere, o continuare a chiedersi perché. Perché il titolo del nuovo film di Lynne Ramsay, You Were Never Really Here, in italiano diventa A Beautiful Day? Perché, se proprio non ci si è voluto prendere la briga di tradurlo, perché in nome del dio del cinema, mi chiedo, perché non si è sentita la necessità di lasciarlo tale e quale a prima? Forse che il quinto lungometraggio di questa bravissima regista scozzese sia talmente complesso e scombussolante da aver condotto alla pazzia perfino i distributori nostrani, che dopo la visione si sono fatti crescere barba e capelli e hanno iniziato ad andarsene in giro come senza tetto armati di martello a cambiare i titoli ai film in uscita nelle sale italiane?

Sono domande esistenziali che tutti noi amanti e studiosi di cinema che non abbiamo niente di meglio da fare durante le nostre giornate grigie e tristi fatte di schermi di computer e tastiere e schermi cinematografici in sale cinematografiche buie e spente continueremo a porci per il resto della nostra squallida vita. Che per fortuna non arriva ad essere squallida quanto quella del protagonista del film, lo squallido e tormentato Joe.

(Tra l’altro, a guardar bene il film, di bello nella giornata di Joe non c’è proprio niente, e anzi ci si chiede più volte se davvero sia possibile che non sia mai stato qui, come sibila il bellissimo e poetico titolo originale e come più volte viene da pensare durante i deliri psicotici e visuali orchestrati dalla Ramsay, con i quali la regista di Glasgow ci cala nella mente disturbata del protagonista… ma comunque, come si dice, ormai è acqua passata).

Vincitore del (diciamolo alla francese, perché tanto il livello di serietà di questa recensione è già stato drasticamente abbassato dal preambolo dei paragrafi precedenti) prix du scénario (migliore sceneggiatura) e del prix d’interprétation masculine (a Joaquin Phoenix) al Festival di Cannes 2017, A Beautiful Day (o You Were Never Really Here che dir si voglia) è il sensazionale, sconvolgente e spiazzante ritorno al cinema di Lynne Ramsay, che dopo il drammatico thriller psicologico da brividi We Need to Talk About Kevin del 2011 era sparita da tutti i radar cinefili conosciuti al mondo. E dopo aver debuttato l’anno scorso a Cannes, con una standing ovation di quasi dieci minuti (posso dirlo con un pizzico di orgoglio: io c’ero) arriva quasi esattamente un anno dopo anche e finalmente in Italia.

Sulla trama c’è poco da dire (Phoenix è un veterano della guerra in Iraq ed ex agente FBI che oggi soffre gravemente di disturbo da stress post-traumatico, a tempo perso fa il sicario che viene pagato per uccidere trafficanti di esseri umani e dovrà salvare la figlia minorenne di un senatore venduta come schiava sessuale) ma sul film si potrebbe parlare per ore: la regia contemplativa, scandita da un montaggio che si insinua sulle note di una colonna sonora stridente e metallica, cuoce a fuoco e protagonista e spettatore, immergendolo in una brodaglia densa e dal retrogusto amarissimo, quasi indigesto.

Questo mondo notturno, crudele, questa New York che rimanda a quella vista nel Good Time dei Safdie Brothers (sempre a Cannes) dove tutto è malato, tutto è marcio, e soprattutto dove gli uomini di potere rapiscono e si scambiano le figlie dell’America per violentarle su letti eleganti (una fortissima metafora sociale che non scende a compromessi) anche alla luce del giorno, completamente indisturbati, assolutamente intoccabili, come se le leggi degli uomini (quelle stesse leggi che loro, in quanto personificazione delle istituzioni, rappresentano o dovrebbero rappresentare) per loro non contassero.

Citando Taxi Driver e Il Grande Sonno, la Ramsay ci accompagna in un neo-noir psichedelico, conflittuale ed esistenziale, molto più interessato ad analizzare e mostrare le devianze di una psiche irrimediabilmente compromessa (e di una società altrettanto devastata) che a intrattenere il pubblico della domenica. Dall’interpretazione di Joaquin Phoenix (che io considero il miglior attore della sua generazione e uno dei più grandi di sempre) alle sequenze oniriche sconcertanti (ce ne sono almeno un paio che ti fanno balzare sulla sedia, ed è davvero difficile che nel 2018 un film riesca a produrre questo effetto dato che tutto sembra già visto) e incommensurabilmente poetiche, A Beautiful Day è una visione tragica e allucinata sulla sofferenza della mente e dell’anima che vi lascerà allibiti come uno schiaffo in faccia senza preavviso e privi di fiato come una ginocchiata nelle costole di un aggressore che non avete sentito arrivare.

Articoli Correlati

Tutte le uscite Panini DC Italia del 20 gennaio 2022, direttamente dal sito Panini; scopriamo insieme le novità della casa...

16/01/2022 •

14:00

La notizia che emerge dell’ultimo Connect pubblicato dalla DC Comics è che la serie Wonder Girl di Joelle Jones chiude con...

15/01/2022 •

17:45

Scorrendo la lista delle uscite Panini Comics di Marzo 2022 bisogna sicuramente segnalare l’edizione definitiva di Rat-Man, la...

15/01/2022 •

16:27