Nel 2016 l’Universo Cinematografico DC si è arricchito di due tasselli, Batman v Superman Suicide Squad. Se il primo ha diviso la critica e il pubblico, il secondo è stato bocciato più o meno all’unanimità. Eppure, il progetto della Warner guarda al 2017 con ottimismo, rinfrancato da 5 punti di forza sbocciati proprio nell’anno appena trascorso.

Il 2017 sarà un anno cruciale per il DC Cinematic Universe, e ingranare la marcia adesso per la Warner è d’obbligo.

Wonder Woman di Patty Jenkins racconterà la storia di Diana Prince prima degli eventi di Batman v Superman (molto prima, a dire il vero) e mi aspetto anche che in qualche modo si ricollegherà a Justice League di Zack Snyder, che uscirà pochi mesi dopo e sarà ambientato dopo l’evasione di Harley Quinn, provocata da Joker, vista alla fine di Suicide Squad. 

Nonostante un buon successo al botteghino (con tre film già archiviati l’incasso totale è superiore ai 2 miliardi di dollari, quando i primi tre film del Marvel Universe non erano arrivati a tanto) la Warner probabilmente si aspettava qualcosa in più, soprattutto da BvS, che ha solo sfiorato il superamento del miliardo di dollari. Però il 2016 non è assolutamente un anno da buttare per il DC Cinematic Universe. E adesso vi diciamo il perché.

1. Wonder Woman

Un po’ come l’introduzione di Spider-Man in Civil War, anche la Wonder Woman di Gal Gadot ha fatto faville in Batman v Superman, tanto da essere considerata all’unanimità come uno dei punti di forza del film.

Scopriremo molto di più della sua storia in Wonder Woman, il film a lei dedicato che uscirà a giugno, e la rivedremo aiutare Bruce Wayne a trovare gli altri metaumani in Justice League (dove credo, e spero, che il rapporto fra Bruce e Diana verrà moooolto approfondito: se volete sapere perché la Warner dovrebbe puntare sulla coppia Batman/Wonder Woman, leggete questo articolo di qualche tempo fa).

E comunque, l’ingresso in scena di Wonder Woman durante la battaglia finale con Doomsday, accompagnata dalla sua spada, dallo scudo e soprattutto dalla colonna sonora quasi-heavy-metal di Hans Zimmer, è stato uno dei migliori momenti nel 2016 supereroistico.