L’immortale Wonder Woman sfila per noi in una passerella lunga più di mezzo secolo. Com’è cambiata Wonder Woman nel corso del tempo? Scopriamo insieme i 10 look più iconici dell’amazzone.

L’arte è da sempre uno specchio delle tendenze, degli usi e dei costumi della società. Anche il mondo dei fumetti non sfugge a tale relazione, specie quando trova terreno fertile in personaggi in grado di attraversare il tempo come Diana Prince, meglio conosciuta con l’appellativo di Wonder Woman.

La sua icona si è rinnovata innumerevoli volte attingendo al cinema, alla tv, alla letteratura e riuscendo a perpetuarsi nelle decadi con la stessa immortale grazia che le è attribuita nelle storie. Vediamo in dieci passaggi, la sua meravigliosa evoluzione stilistica.

1 – Wonder Woman ’41

1
Wonder Woman ’41

Nel 1941 il suo creatore William Moulton Marston insieme al disegnatore H.G. Peter, la dota di una mise in cui emergono i colori e i simboli americani seguendo il trend allora in voga che voleva eroi dal forte taglio patriottico. Al corpetto indossato, su cui campeggia un’aquila, segue un gonnellone ascellare a stelle, concluso da due stivali rossi con tacco. I famosi bracciali della sottomissione sono poco più che delle polsiere e il diadema è simile a un frontino.

Per tutta la Golden Age, il vestiario rimarrà sostanzialmente invariato salvo qualche piccola modifica (la gonna verrà sostituita da dei pantaloncini, gli stivali da dei sandali).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui