I 7 motivi per cui non vedere la saga di Star Wars

18
Nooooooooooooooo (Cit)!!!

Star Wars. Guerre Stellari. Un fenomeno di massa che dal 1977 non smette di appassionare grandi e piccini di tutto il mondo pronti per l’arrivo del settimo episodio diretto da J.J. Abrams in uscita il 16 Dicembre che si prospetta essere il più grande successo cinematografico di sempre, con buona pace per James Cameron e i suoi Avatar e Titanic.

Insomma più felici di così si muore…

Star Wars però non è così bello e perfetto come in molti lo dipingono, anzi presenta difetti e incongruenze che un occhio maturo e attento sicuramente noterà.

Siamo onesti tutti coloro che andranno al cinema a vedere l’ultimo incredibile capitolo di Star Wars sono mossi da quel piccolo bambino/a che venne letteralmente rapito dall’universo di Lucas, coloratissimo pieno di pericoli e avventure a dir poco stellari che ci facevano sognare e divertire come non mai.

L’acquisizione di Lucas da parte della Disney ha però risvegliato un interesse globale per questa saga cinematografica che ha conquistato con successo anche la letteratura, i fumetti, i videogiochi e la musica oltrechè l’arte.

Insomma tutti sembrano aver visto il futuro e questo futuro si chiama Star Wars!

Le mie sono solo opinioni di conseguenza non è la verità assoluta scesa dal cielo, meglio ricordarlo non si mai!

 

7 Il Cinema dopo Star Wars

Luke-nooo

Il primo Guerre Stellari esce nel 1977 ed è un successo stratosferico.

telegram_promo_mangaforever_2

George Lucas fonde sapientemente mitologia e cultura classica (antica Grecia e Roma) con prospettive orientali (Giappone e Cina) creando un’avventura di stampo classico che ha saputo conquistare grandi e piccini adesso tutti proiettati nello spazio.

Dal punto di vista cinematografico Star Wars è un perfetto miscuglio fra Sergio Leone e Akira Kurosawa.

Gli anni ’70 sono turbolenti e rivoluzionari e in netto contrasto con l’età dell’oro del cinema (gli anni ’50 e ’60). Il cinema d’autore era ormai agli sgoccioli nonostante alcuni cineasti internazionali continuassero a produrre capolavori.

Dagli anni 80 in poi visto il grande successo dei cosiddetti pop-corn movie tra cui ovviamente Guerre Stellari, il cinema diventerà solo una questione di soldi. Un’industria dell’intrattenimento  piena di effetti speciali e frasi fatte che quando produce esige un guadagno.

Guerre Stellari ha cambiato tutto e il cinema non è più stato lo stesso.

18 Commenti

    • sono d’accordissimo…ogni opera che ha avuto successo mondiale (durato decenni) ha un fandom esagerato. Vogliamo parlare di Harry potter, de “il signore degli anelli” o del più recente “hungher games”? c’è gente che andrà vestita da Katnees, in giro, perchè “ama troppo la saga”. Questo non significa che la gente non sappia distinguere la finzione dalla realtà. non sarei d’accordo neanche con gli altri punti dell’articolo, ma ci mettere secoli a spiegarlo XD

  1. “oh mio dio delle persone sono felici perche esce un film che a me no interessa e siccome non faccio parte di quella felicita devo insultarli a morte”
    parli di moeygrabber ma per sorbirmi sto articolo ho dovuto refresciatre 7 volte,
    venendo sottoposto a pubblicita infinite…

  2. I motivi 7-6-4 non sono dei motivi per non guardare il film. Sono delle critiche a cio che lo circonda ma col film centrano poco. Poi non é facile unire Leone e Kurosawa. E se farlo diventa una cosa sbagliata dovrebbe essere criticato anche Kill bill no?!
    Poi Star Wars va ambientato. Era il 1977, normale che non ci si puo aspettare tutta questa complessità se lo scopo è fare una storia lineare. E poi non tutti sono David Lynch. Va aprezzata l’idea e il coraggio di Lucas di portare un prodotto cosi dal piccolo schermo al grande. Parola di uno che confonde ancora Bobba Fett col Pokemon, non sono un fanatico.

  3. Star Wars. Guerre Stellari. Un fenomeno di massa che dal 1974
    (…)
    Il primo Guerre Stellari esce nel 1974

    NO. Il primo Guerre Stellari esce nel 1977.
    Bastava controllare su Wikipedia, eh! -_-
    (Non commento il resto dell’articolo, perché poi ho smesso di leggerlo)

  4. Io sono un fan di Star Wars ma cercherò di essere obbiettivo. Innanzitutto hai perso credibilità sbagliando la data di uscita del primo film, ma fa niente, ho continuato a leggere. Alcuni dei motivi non sono buoni per non guardare un film.
    Quando critichi George Lucas non fai una critica coerente con il titolo. È come se tu ipoteticamente ti rifiutassi di guardare un quadro perché l’autore l’aveva dipinto per fare soldi. Avresti dovuto concentrarti sull’opera in sé.
    La trama è appositamente semplice, lo scopo era di creare una sorta di fiaba epica ambientata nello spazio. Hai mai visto una fiaba o un poema epico con una trama complessa?
    Ci sono delle incongruenze, è vero, ma in qualsiasi storia ne trovi. La trilogia originale ha i suoi difetti ma si tratta comunque di film superiori alla media di ciò che si trova in giro di questi tempi. Lucas ha fatto delle scelte che non condivido, almeno non in pieno, ma comunque sono film che a me appassionano, forse perché fin da piccolo ho guardato e riguardato le cassette.
    Ci sono un sacco di piccoli dettagli che hai menzionato che potrei analizzare ma non voglio perdere tutto questo tempo a discutere di un film.
    In ogni caso la struttura disneyana, che è effettivamente visibile nella trilogia nuova, specie nel secondo e nel terzo episodio, è stata più che altro modellata dalla prima trilogia, non il contrario.
    Poi se parliamo della mancanza di violenza, avrei un appunto da farti, che rende non valida la tua critica.
    Nel teatro greco le scene di violenza non venivano rappresentate, nemmeno in quello romano. Eppure sono dei classici e dei capolavori. Quindi non è sensata come critica all’efficacia del racconto.
    Comunque la tua è un’opinione che, seppur non condivido, rispetto. Per te forse non sarà nulla di speciale ma per me invece Star Wars ha un significato superiore all’opera. Ho dei ricordi legati ad esso che me lo rendono più caro. Non voglio sapere perché è stato girato, io guardo il prodotto finale, che è una saga che conta molto per me, nient’altro.
    Comunque se non andrai a vedere il film, meglio. Ci sarà un posto in più al cinema per me che non ho avuto il tempo di prenotare ;)

  5. Star Wars non è altro che una fiaba con il solito eroe bello e proletario, la solita bella, i soliti cattivi capaci solo di farsi ammazzare con armature che non tengono la botta, il cattivone qui particolarmente teutonico e fascista , il tutto incidentalmente ambientato nello spazio,(dove si sentono i rumori).Per la fantascienza questo è più che altro umiliante.
    Semplicemente, dal punto di vista cinematografico l’intera saga merita poco; ha avuto troppo.

  6. se l’autore tanto moralmente superiore a noi poveri ignoranti succubi delle politiche commerciali e di marketing mantenesse almeno una parvenza di dignità evitando la squallida tecnica di suddivisione (artificiosa) di una sua superiore ed illuminante tesi solo per poter contare maggiori introiti pubblicitari dalla lettura, sicuramente ne guadagnerebbe in credibilità.

  7. Quando leggo recensioni o commenti di persone che criticano ciò che la massa apprezza mi vien sempre da pensare il perché quella persona non sia riuscita a far di meglio…Si possono aggiungere altri 1000 punti a questo articolo del perché NON apprezzare star wars, ma intanto è un dato di fatto che Lucas ha creato qualcosa che a 40 anni di distanza riesce ancora ad emozionare MILIONI di persone in tutto il mondo, caro Riccardo Maggi lei cosa ha creato?
    Infine mi vorrei soffermare sul concetto di “opera d’arte”.Cosa è per lei l’arte?Per me qualunque cosa riesca a suscitare emozioni e Lucas, anche guadagnandoci naturalmente, lo ha fatto per generazioni. Se a lei non ha suscitato tali emozioni forse avrebbe fatto meglio a scrivere di pittura o musica o di qualunque cosa la emozioni…

  8. Premetto che non sono un fan di Star Wars. Tuttavia nutro simpatia per la saga e guardo volentieri le pellicole. Detto ciò, mi appresto a dire la mia.
    StarWars non è un capolavoro del cinema, come molti nei commenti hanno sottolineato, ma di certo è una saga iconica del cinema. Le icone cinematografiche, come le loro controparti religiose, attraggono un gran numero di fedeli (o fan) che in breve creano una comunità molto attiva ( Fandom). A mio avviso, sono proprio queste comunità la ragione del decadimento qualitativo di grandi brand cinematografici e non ( videogiochi, libri, musica…). I fan ( abbrevizione di “fanatic” in inglese) sono miniere d’oro per il mercato, pronti ad acquistare qualsiasi cosa li possa rendere ancor più vicini all’universo da loro tanto amato. Il messaggio che l’opera tenta di trasmettere è messo da parte mentre il merchandising alimenta un’idolatria falsa e sempre più esasperata. L’opera diventa una mucca da mungere, i manager fanno i gran soldoni con le vendite di ciarpame e i vitellini (i fan) succhiano, contenti, la condensa che trasuda dal secchio arrugginito.
    Lucas ha venduto la sua società alla Disney ad un prezzo ridicolo ( 4 Miliardi contro le decine del suo valore reale) e aveva assicurato che la Saga di StarWars non avrebbe avuto seguito, salvo essere poi smentito dal nuovo proprietario. Onestamente, si sente davvero il bisogno di tre sequel in ritardo di 32 anni? O forse si vuole ravvivare la fiamma nei cuori dei meno giovani e infervorare i nuovi arrivati?
    Con questo non voglio dire che il film sarà brutto, spero di no, dato che lo guarderò sicuramente. Ho solo una preoccupazione:
    Come sarà il panorama cinematografico (o videoludico, degli anime e dei manga, ecc…) tra un decennio se si resta su questa rotta?
    Un po’ lo si può intuire anche dalle notizie riportate su MangaForever.
    PS: Se ti piace StarWars (o qualsiasi altra cosa) ma non ti rivedi nella mia definizione di fan, allora vuol dire che non sei un fan (o per intero fanatic), bensì un amatore, un estimatore o un cultore di tale opera, termini che fanno giustizia alle tue qualità di giudizio.

  9. rispondo alla 6 affermazione con: Nessuno sapeva come mai Palpatine era il signore oscuro grazie al tempio jedi che è stato costruito sotto un vecchio tempio sith cosi che il grande sith e riuscito a farla franca qui hai dimostrato la tua incoerenza e ignoranza sul mondo di guerre stellari ma quando dici che nessuno a parte i cativi è una grossa cretinata potrei farti l’esempio di: Kenobi,solo,anakin e luke.
    E guerre stellari non è lo scontro fra cattivi e buoni infatti per l’intera galassia palpatine era un eroe che ha combattuto i jedi che sono degli estremisti usando la scusa che i cavalieri usano dei ragazzi appena quattordicenni.
    (non sono un fan e riconosco gli errori della saga di Lucas)
    P.S. La guerra dei cloni viene citata nel “la nuova speranza”.

  10. rispondo alla 6 affermazione con: Nessuno sapeva come mai Palpatine era il signore oscuro grazie al tempio jedi che è stato costruito sotto un vecchio tempio sith cosi che il grande sith e riuscito a farla franca qui hai dimostrato la tua incoerenza e ignoranza sul mondo di guerre stellari ma quando dici che nessuno a parte i cativi è una grossa cretinata potrei farti l’esempio di: Kenobi,solo,anakin e luke.
    E guerre stellari non è lo scontro fra cattivi e buoni infatti per l’intera galassia palpatine era un eroe che ha combattuto i jedi che sono degli estremisti usando la scusa che i cavalieri usano dei ragazzi appena quattordicenni.
    (non sono un fan e riconosco gli errori della saga di Lucas)
    P.S. La guerra dei cloni viene citata nel “la nuova speranza”.

  11. Riccardo, anche se a distanza di 3 anni, dopo gli articoli su Disney, anime e Star Wars sei diventato un mio nuovo mito! I tuoi articoli sono troppo forti, sembra di sentir parlare un bambino che fa finta di essere maturo ed esperto conoscitore dell’argomento trattato! Come ti avevo già detto, spero che da 3 anni in qua tu sia maturato, benchè io sia conscio che articoli “casinari” come i tuoi attirano molte visualizzazioni. Adesso cerco gli altri tuoi articoli e magari ti regalo qualche visualizzazione, così ti becchi qualche spicciolo in più e io mi faccio due risate.

  12. Semplicemente non vado matto per la fantascenza, infatti non mi piace neanche stargate che è stato un’altro film che ha avuto successo. E poi il piccoletto verde che parla per prerifasi non lo sopporto proprio, le tre dita migliori per me che sono nato nel 78 sono quelle di Bero e Bera =-)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui