I 5 manga più traumatici secondo i lettori

Pubblicato il 31 Agosto 2015 alle 14:00

Un sondaggio giapponese incorona i manga che più hanno scioccato i lettori. E ci dice che forse una volta gli autori avevano più coraggio.

Il sito nipponico di classifiche Goo Ranking ha promosso tra i suoi utenti un sondaggio per individuare il manga la cui lettura li ha traumatizzati maggiormente. Hanno risposto in 500, un campione indubbiamente piccolo, ma il risultato è stato piuttosto interessante. La Top 5 è dominata da classici (il più ‘giovane’ è del 1993), con titoli più recenti che si sono attestati tra il 10° e il 6° posto: Spiral del maestro dell’horror Junji Ito 8°, il devastante shoujo sul bullismo di Keiko Suenobu Life al 7° e il crudo manga sociale L’Usuraio di Shohei Manabe al 6°. Tra i nomi conosciuti in Italia da segnalare anche Gantz (12°), Narutaru (14°) e Monster (19°).

Tornando alla Top 5, purtroppo non tutti i manga che la compongono sono stati pubblicati in Italia. Si tratta comunque di titoli molto noti, e visto che continuano a rovinare il sonno dei lettori nipponici da generazioni non disperiamo di vederli arrivare anche qui da noi.

5° POSTO – DEVILMAN

Devilman traumatici

Non c’è bisogno di presentazioni per il manga di Go Nagai, che ha raccolto il 5,2% dei voti. Violenza senza limiti, disperazione e ben poca luce in fondo al tunnel i suoi pregi (dal punto di vista di questa classifica). La storia di Akira Fudo, che diventa tutt’uno con il demone Amon e con il nome di Devilman cerca di proteggere l’umanità delle schiere di Satana è durata in forma cartacea dal 1972 al 1973, e negli anni ha ispirato serie animate (in Italia la messa in onda vene bloccata per le proteste delle associazioni dei genitori), lungometraggi live action e altri manga che ne hanno ripreso le vicende e i personaggi.

In Italia oi suoi 5 volumi sono stati portati da diverse case editrici, ultima delle quali J-POP (2013).

4° POSTO – LA FENICE

La Fenice traumatici

Anche il Dio del Manga Osamu Tezuka entra in questa classifica con la sua travagliata opera Tori no Hi, che lo ha impegnato per più di 20 anni (1967-1988, ma i primissimi capitoli sono addirittura del 1954) ed è comunque rimasta incompiuta. In effetti è però difficile dire se ci sarebbe mai potuta essere essere una conclusione per questo manga dall’essenza filosofica/spirituale diviso in libri ognuno ambientato in epoche (dalla preistoria a diversi millenni nel futuro) e pianeti differenti ma tutti con al centro il tema della morte e della resurrezione, della fine e dell’inizio, incarnato dalla Fenice del titolo.

Nel nostro Paese è stato pubblicato da Hazard Edizioni, in 16 volumi, tra il 2005 e il 2011.

3° POSTO – HELL TEACHER NUBE

hell teacher nube traumatici

Sul gradino più basso del podio si piazza lo sbarbatello della Top 5, scritto da Sho Makura e disegnato da Takeshi Okano,  pubblicato su Shonen Jump tra il 1993 e il 1998. Teoricamente sarebbe una commedia a tinte soprannaturali, il cui protagonista 25enne Meisuke Nueno (alias Nube) alterna la sua vita da maestro delle elementari a quella da esorcista e cacciatore di demoni grazie alla sua mano destra, che ospita un demone che obbedisce ai suoi comandi. La serie però è nota per la vivezza con cui rappresenta le violenze e gli attacchi dei demoni, e dei combattimenti di cui Nube è protagonista.

Né il manga né l’anime che ha ispirato non sono mai arrivati in Italia.

2° POSTO – DRIFTING CLASSROOM

drifting classroom traumaticii

Un survival manga con protagonisti bambini trai i 10 e i 13 ani d’età, un Signore delle Mosche fantascientifico in cui ai giovanissimi personaggi non viene risparmiata nessuna tragedia o crudeltà. La storia inizia quando l’intero edificio che ospita una scuola, con tutti gli studenti e gli insegnanti, viene misteriosamente trasportato dal centro di Kobe a una landa desolata infestata da creature mostruose e altri pericoli. Il 10enne Sho e i suoi compagni dovranno cercare di sopravvivere, organizzarsi in una rudimentale società (e gli adulti saranno tutt’altro che d’aiuto) e capire dove si trovano: su un altro pianeta? In un futuro postapocalittico? Probabilmente il capolavoro del poliedrico mangaka veterano Kazuo Umezu.

Anche questa serie, del 1972, non è stata mai pubblicata in Italia.

1° POSTO – GEN DI HIROSHIMA

hadashi no gen di hiroshima home

Nel 1973 erano in corso 4 dei 5 manga di questa classifica. Un anno d’oro per i manga traumatici.
Il primo posto va a Gen di Hiroshima di Keiji Nakazawa, che contrariamente a tutti gli altri appartenenti alla Top 5 non ha nulla di soprannaturale: ogni tragedia, crudeltà e scioccante sofferenza è qui interamente attribuibile alla cara vecchia razza umana, e forse per questo la lettura ha traumatizzato il 19,6% dei votanti.
Il protagonista Gen, 6 anni, abita ad Hiroshima a cavallo dello sgancio della bomba atomica il 6 Agosto 1945. Prima della distruzione della città la sua famiglia è ostracizzata dagli altri abitanti per la loro riluttanza a seguire gli ordini spietati degli ufficiali imperiali mentre dopo, ormai orfano, Gen vive nella città in macerie in condizioni disumane mentre gli americani occupano il Giappone.

A tutt’oggi Gen di Hiroshima è un’opera controversa in Giappone, con esponenti della destra nazionalista che ne contestano la presenza nelle scuole per la rappresentazione delle atrocità delle truppe giapponesi e per i contenuti violenti e poco politicamente corretti.

In Italia i 10 tankobon di Gen sono in corso di pubblicazione, raccolti in 3 volumoni, da 001 Edizioni/Hikari.

Fonte: Goo Ranking

TAGS

Articoli Correlati

One Piece è ormai entrato nel vivo del suo arco narrativo finale, annunciato dallo stesso autore nel corso del mese di luglio....

11/08/2022 •

20:00

Dopo la conclusione della prima seconda parte della quarta e ultima stagione dell’anime de L’Attacco dei Giganti non...

11/08/2022 •

18:00

Dragon Ball Super durante lo scontro tra Goku e Gas ha introdotto tutti gli appassionati alla scoperta della nuova evoluzione...

11/08/2022 •

16:00