Un sondaggio giapponese incorona i manga che più hanno scioccato i lettori. E ci dice che forse una volta gli autori avevano più coraggio.

Il sito nipponico di classifiche Goo Ranking ha promosso tra i suoi utenti un sondaggio per individuare il manga la cui lettura li ha traumatizzati maggiormente. Hanno risposto in 500, un campione indubbiamente piccolo, ma il risultato è stato piuttosto interessante. La Top 5 è dominata da classici (il più ‘giovane’ è del 1993), con titoli più recenti che si sono attestati tra il 10° e il 6° posto: Spiral del maestro dell’horror Junji Ito 8°, il devastante shoujo sul bullismo di Keiko Suenobu Life al 7° e il crudo manga sociale L’Usuraio di Shohei Manabe al 6°. Tra i nomi conosciuti in Italia da segnalare anche Gantz (12°), Narutaru (14°) e Monster (19°).

Tornando alla Top 5, purtroppo non tutti i manga che la compongono sono stati pubblicati in Italia. Si tratta comunque di titoli molto noti, e visto che continuano a rovinare il sonno dei lettori nipponici da generazioni non disperiamo di vederli arrivare anche qui da noi.

5° POSTO – DEVILMAN

Devilman traumatici

Non c’è bisogno di presentazioni per il manga di Go Nagai, che ha raccolto il 5,2% dei voti. Violenza senza limiti, disperazione e ben poca luce in fondo al tunnel i suoi pregi (dal punto di vista di questa classifica). La storia di Akira Fudo, che diventa tutt’uno con il demone Amon e con il nome di Devilman cerca di proteggere l’umanità delle schiere di Satana è durata in forma cartacea dal 1972 al 1973, e negli anni ha ispirato serie animate (in Italia la messa in onda vene bloccata per le proteste delle associazioni dei genitori), lungometraggi live action e altri manga che ne hanno ripreso le vicende e i personaggi.

In Italia oi suoi 5 volumi sono stati portati da diverse case editrici, ultima delle quali J-POP (2013).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui