One Piece: 6 cose che non sapete sui Frutti del Diavolo

Pubblicato il 30 Luglio 2020 alle 17:00

Ci sono nuove serie di animazione che sono entrate in scena negli ultimi anni e che sono state in grado di sostituirne alcuni fra le più popolari del passato. Nonostante questo, però, One Piece è un anime che è stato in grado di sopravvivere e perseverare nel corso degli anni. Ora, con quasi 1.000 episodi al suo attivo (qui trovate la mia recensione dell’ultimo episodio), One Piece è ancora uno degli anime più popolari del genere shonen.

C’è molto da amare nella maestosa opera di Eiichiro Oda, e i potenti Frutti del Diavolo sono decisamente in cima alla lista. Per questo, potete soddisfare la vostra curiosità con la seguente raccolta di curiosità su questi frutti ancora oggi in gran parte misteriosi.

LE ABILITÀ DEI FRUTTI DEL DIAVOLO NON SI ATTIVANO AUTOMATICAMENTE

Così hai mangiato un Frutto del Diavolo e credi di essere diventato più forte. Errore madornale.

Fondamentali per acquisire e padroneggiare i reali poteri di un Frutto del Diavolo sono la comprensione di tali abilità, un duro addestramento e anni di perfezionamento. Tuttavia, alcuni utilizzatori possono padroneggiare al meglio la abilità conferite loro dai Frutti del Diavolo dopo poche ore, mentre a Luffy ci sono voluti anni per capire come usare la sua abilità.

Ricordate il modo in cui lo prendeva in giro Ace quando erano bambini? L’uomo dal Pugno di Fuoco dubitava che il potere del suo fratellino potesse essere utile in qualche modo, poiché Luffy inizialmente era solo in grado di allungarsi e non riusciva a imprimere alcuna forza nei suoi colpi.

Tuttavia, una comprensione più profonda dei propri poteri, insieme a un buon allenamento e al perfezionamento, può anche permettere di manifestare tali poteri in una grande varietà di modi.

Pensate di nuovo a Luffy: da essere deboluccio e incapace di combattere ora può trasformarsi in una sorta di mongolfiera umana ed è in grado di modulare i propri poteri in modo da essere incredibilmente più veloce (Gear Second), fisicamente più imponente grazie all’aumento di dimensioni del proprio pugno (Gear Third) e decisamente più forte (Gear Fourth).

I POTERI DEI FRUTTI DEL DIAVOLO POSSONO ESSERE AMPLIFICATI DALLE DROGHE

Abbiamo appena visto che prima di poter padroneggiare appieno i poteri derivanti dall’ingestione di un Frutto del Diavolo è spesso necessario allenarsi duramente e a lungo.

Queste abilità possono evolversi e perfezionarsi nel tempo, ma è anche possibile… barare! Grazie a Chopper sappiamo che possono essere anche migliorate con le droghe. Per questo scopo, Chopper crea e usa le “Rumble Ball”.

Le Rumble Ball di Chopper possono renderlo più grande, forte e rapido nei movimenti. Trattandosi si una branca della scienza di One Piece molto intrigante, sarebbe affascinante scoprire quali effetti potrebbe avere un farmaco simile combinato con altri Frutti.

ESISTONO OLTRE 100 FRUTTI DEL DIAVOLO CANONICI

Frutti del Diavolo

All’inizio di One Piece, Luffy sembra quasi una rarità nel suo mondo per via delle bizzarre abilità di cui entra in possesso una volta mangiato il Gomu Gomu no Mi. Tuttavia, man mano che ci si addentra ulteriormente nella narrazione diventa sempre più chiaro che gli utilizzatori di Frutti del Diavolo sono piuttosto diffusi, sembrerebbe ancor più fra i vilain.

In oltre 900 episodi della serie, abbiamo visto fino a questo momento oltre 130 Frutti del Diavolo canonici tra i tre tipi esistenti: Rogia, Paramisha e Zoan. Se poi a questi aggiungiamo anche quelli non canonici, il numero sale a oltre 180. Se ci pensate, è una quantità scioccante, sopratutto se tenete presente che non esistono due Frutti identici. Questo ci dimostra ancora una volta quanto la grandissima fantasia di Eiichiro Oda venga messa a dura prova da questa sua creazione.

I FRUTTI NON CANONICI DEVONO COMUNQUE ESSERE APPROVATI DA EIICHIRO ODA

Come già saprete di certo, per evitare che l’anime di One Piece si allinei con il manga è necessario che la serie animata proceda più a rilento rispetto al suo corrispettivo cartaceo. Per questo, l’anime di One Piece contiene al suo interno una grande quantità di materiale di riempimento. Sarebbe irragionevole dunque se i Frutti del Diavolo non si mostrassero mai durante questi episodi.

Questi vengono mostrati a Eiichiro Oda, prima di inserirli negli episodi. Oda ha diritto di veto su qualsiasi design di Frutti del Diavolo che vede, nel caso in cui abbia intenzione di utilizzare quelle idee in un arco narrativo futuro. Quindi, in un modo strano, sono canonici in un certo senso.

I FRUTTI DEL DIAVOLO NON SI RISVEGLIANO TUTTI ALLO STESSO MODO

Eiichiro Oda non ha ancora chiarito nei dettagli come funzioni esattamente il Risveglio, ma possiamo parlarne brevemente basandoci sulle conoscenze attualmente in nostro possesso.

I Frutti si risvegliano in modo differente non solo in base alla loro categoria di appartenenza (Rogia, Paramisha o Zoan), ma esistono singoli Frutti che si risvegliano in modo unico.

Ad esempio, i poteri di tipo Zoan risvegliati migliorano le abilità esistenti, mentre i poteri risvegliati di un Paramisha si manifestano in modo diverso, permettendo anche di trasmutare l’ambiente circostante, come fanno Do Flamingo e Katakuri. Questo aggiunge ancora più mistero ai Frutti del Diavolo, poiché alcune abilità si risvegliano in modi del tutto inaspettati.

ALCUNI FRUTTI DEL DIAVOLO OFFRONO SPECIALI ABILITÀ POTENTISSIME

La maggior parte dei Frutti del Diavolo conferisce all’utilizzatore una forza incredibile, ma ne esistono anche alcuni, incredibilmente rari, che conferiscono un potere ancora maggiore. Ne ho parlato già in questo articolo.

Questi particolari Frutti del Diavolo sono considerati leggendari. Alcuni di essi consentono agli utenti capacità incredibili. Eccone alcuni esempi:

  • Volo: Ryu Ryu no Mi, Modello Pteranodonte, Zoan Ancestrale mangiato da King “La Conflagrazione” dei Pirati di Kaido delle 100 Bestie.
  • Invincibilità: Tori Tori no Mi, Modello Fenice, Zoan Ancestrale, mangiato da Marco, ex Comandante della Prima Flotta di Barbabianca.
  • Forza e resistenza estreme: Hito Hito no Mi, Modello Daibutsu, Zoan Ancestrale mangiato da Sengoku “Il Buddha”, ex Grand’Ammiraglio della Marina.
  • Capacità di conferire la vita eterna: Ope Ope no Mi, Paramisha mangiato da Trafalgar D. Water Law, pirata della Generazione Peggiore e Capitano dei Pirati Heart.

Nonostante in generale i Frutti del Diavolo più potenti siano i Rogia, quelli con caratteristiche più fuori dal comune non appartengono a questa categoria. Luffy e i suoi compagni sono stati in grado di contrastare alcuni di questi, ma non è certo una impresa facile.

Un altro dettaglio che rende questi particolari Frutti così speciali è la loro ricercatezza: se già uno regolare spingerà le persone a fare cose folli pur di ottenerlo, per il possesso di questi Frutti così rari potrebbero anche scatenarsi delle guerre.

Acquistate la riproduzione ufficiale del Frutto Gomu Gomu di Luffy QUI!

Articoli Correlati

Il mangaka Yoshihiro Togashi, celebre per Hunter x Hunter, terrà una mostra d’arte alla Mori Arts Center Gallery di Tokyo...

05/07/2022 •

11:05

Bandai Namco ha rilasciato una “app didattica” progettata per insegnare ai giocatori come giocare al prossimo gioco...

05/07/2022 •

09:36

I manga Shonen sono manga indirizzati principalmente a un pubblico di ragazzini e rappresentano la fetta più importante di...

04/07/2022 •

22:00