L’episodio della scorsa settimana – la nostra recensione QUI – aveva giustamente sfruttato l’inerzia del settimo, e finora migliore, episodio di questa seconda stagione mostrando non solo come le conseguenze del brutale attacco a Beth erano riverberate su tutta la famiglia Dutton e non solo ma anche rendendo più che mai chiara come nella scacchiera degli avvenimenti da un lato c’erano gli spietati fratelli Beck e dall’altro John Dutton con due alleati d’eccezione e soprattutto temporanei come Thomas Rainwater e Dan Jenkins già sui acerrimi nemici.

Il tutto si era concretizzato in una “sfida” pubblica fra John Dutton e Malcolm Beck con quest’ultimo con già in mente un nuovo e terribile piano per colpire i Dutton.

L’episodio di questa settimana, il penultimo, intitolato Enemies by Monday si concentra subito su due sottotrame che sembravano ormai concluse.

Jimmy scopre infatti che il nonno è morto con tutta probabilità per le conseguenze di una aggressione. Il ragazzo aveva subito imputato la cosa ai suoi vecchi compagni di vendita a cui evidentemente non erano bastati i soldi che aveva faticosamente guadagnato. Si prospetta quindi l’ennesima spedizione punitiva.

Monica intanto quasi arrestata per una falsa accusa di taccheggio in una boutique. Dovrà intervenire Beth, con i suoi modi diretti, per risolvere la faccenda. Fra le due c’è quindi un breve ma significativo momento di confronto sul futuro del ranch, della famiglia Dutton e di Kayce.

Proprio quando il terreno sembra essere pronto per lo “scontro” fra i Dutton e i Beck – con tanto di confronto “definitivo” fra John e Dan Jenkins – il piano ordito da Malcolm viene messo drammaticamente in atto e a farne le spese sarà il più indifeso dei Dutton.

Enemies by Monday utilizza una struttura già utilizzata in più di una occasione nella serie: distrarre lo spettatore e distrarlo con situazioni tanto inaspettate quanto “coinvolgenti”.

E’ il caso della sottotrama di Jimmy che improvvisamente non solo diventa spietata ma si ramifica fornendo nuovi spunti narrativi che potrebbero essere ripresi in qualsiasi momento nel corso della prossima, già confermata, stagione.

Mentre il punto forte della serie è sempre in primissimo piano seppur con una declinazione inusuale da un lato il confronto fra Beth e Monica – seppur arrivato anche questo dopo una situazione brutale –  e dall’altro quello candido, e che ricorda le dinamiche viste in Hell or High Water tanto per rimanere vicini alla lirica di Taylor Sheridan – fra John e Dan Jenkins che culmina con il perentorio “at least you’re the devil I know” che sintetizza la necessità della dualità fra protagonista ed antagonista ma inquadrata in una schema di regole ben codificato.

Quindi proprio quando lo spettatore è giustamente distratto e coinvolto piombano, seppur metaforicamente, sulla scena i veri antagonisti i Beck che sgambettano in maniera devastante i Dutton colpendoli dove fa più male.

Come penultimo episodio questo Enemies by Monday è decisamente insolito quindi ma non per questo meno efficace. Ora rimane la curiosità per un season finale che lascerebbe intendere un cliffhanger che traghetti nella terza stagione… non ci resta che attendere solo 7 giorni.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui