Rio 2031: inizia l’universo TIMED di Shockdom | Recensione

0
Il nuovo universo di supereroi di Shockdom, TIMED, inizia con Rio 2031, un fumetto che approfondisce fin da subito i poteri e i limiti dei supereroi “teorizzati” da Lucio Staiano e mettendo in conflitto le due fazioni che controllano questo futuro così vicino al nostro: TheNation e NewState, i due Stati Diffusi guidati dalle multinazionali

TIMED è il progetto di Lucio Staiano, fondatore di Shockdom, che nasce dalla volontà di creare un nuovo universo supereroistico, ambientato in un futuro non troppo distante dal nostro. I fumetti ambientati in questo universo (fumettistico, ma non solo: è infatti già partito il crowdfunding per un’app di realtà aumentata) non sono spillati americani, ma edizioni cartonate e di grande formato. Inoltre offrono storie autoconclusive e a sé stanti, ognuno con il proprio team di autori, con stili e narrazioni anche molto diversi tra di loro.

Basti pensare ai primi tre titoli del progetto TIMED: Rio 2031, per appunto, che presenta il nuovo universo cartaceo con una storia prettamente supereroistica; Vite di Carta dei fratelli Rincione, molto più “esistenzialista”; e Il Canto delle Onde, caratterizzato dal tratto delicato di Loputyn. Sono tre fumetti completamente diversi tra di loro e questa recensione è dedicata al fumetto che meglio introduce l’universo TIMED. Gli autori sono Giuseppe Andreozzi, già sceneggiatore di Mors Tua (per Douglas Edizioni) e di Black Screen (sempre per Shockdom) e Gabriel Picolo, giovanissimo artista brasiliano con un largo seguito sui social.

Detto ciò: qual è la base di TIMED, che accomuna tutti i fumetti che vi appartengono?
Come già accennato, l’universo TIMED è ambientato in un futuro vicino al nostro ed è caratterizzato da una diversa geopolitica a causa della formazione di una nuova forma di Stato: quella dello Stato Diffuso, governato da una multinazionale. Attualmente il mondo di TIMED è diviso da una guerra tra i due Stati Diffusi di NewState (con base a New York) e TheNation (con base a Stoccolma). Ad avere un ruolo determinante nella guerra sono i cosiddetti TIMED, persone dotate di poteri particolari che, però, sono destinate a morire quando i loro doni si esauriscono.

Il contesto politico di TIMED deve essere scontato per il lettore, ad inizio lettura, e per questo viene introdotto fin dalle primissime pagine con una breve spiegazione (non solo in Rio 2031, ma in tutti i volumi targati TIMED). Non è un caso che Rio 2031 sia stato proprio il fumetto di lancio del progetto: infatti racconta direttamente uno scontro tra NewState e TheNation nella neutrale città di Rio de Janeiro, mentre invece Vite di Carta  e Il Canto delle Onde sono più marginali da questo punto di vista.

“Alla fine non è stata la tecnologia, ma il potenziale umano, a farci compiere il vero balzo in avanti”: questa frase, all’interno del fumetto, presenta le reclute TIMED dei servizi segreti dei due Stati Diffusi. Sono tutti ragazzi molto giovani, provenienti da tutte le parti del mondo: il keniota Mercury e l’indiana Diana, il tedesco Apollo e il greco Ares, per citarne alcuni (il lettore, nel corso della storia, incontrerà ben otto TIMED).

Il punto di riferimento degli autori è sicuramente la seconda generazione di X-Men, formata da membri di diversa nazionalità. Anche il resto della storia è molto classica, senza picchi particolarmente originali, ma è comunque ben costruita. Questa sceneggiatura, di stampo americano, ben si sposa con i disegni dinamici di Picolo e, anche se dal gruppo non spicca nessun personaggio in particolare, serve allo scopo: presentare al pubblico di lettori l’universo TIMED.

telegra_promo_mangaforever_2