Carlo Magno – Historica Biografie 4 | Recensione

Pubblicato il 18 Ottobre 2017 alle 17:00

Chi era Carlo Magno? Un uomo ambizioso ansioso di lasciare la sua impronta nella storia o uno strenuo difensore della cristianità? Scopritelo in questo volume di Historica Biografie scritto da Bruneau e Delmas e disegnato da Gwendal Lemercier!

Mondadori Comics pubblica da tempo la splendida collana Historica che ha suscitato l’entusiasmo di lettori e critici, e di recente le ha affiancato Historica Biografie che si concentra, appunto, sulle biografie di personaggi storici narrate in forma di fumetto. Gli autori coinvolti si sono rivolti a docenti universitari specializzati in un determinato periodo o in un personaggio specifico ed è il caso di questo quarto volume della serie. Come è facile intuire dal titolo, ha a che fare con Carlo Magno, una delle figure più discusse, controverse ma anche affascinanti di sempre.

Gli autori sono Clotilde Bruneau e Vincent Delmas, nomi ben noti agli estimatori della bd, che si sono avvalsi della consulenza di Geneviève Buhrer-Thierry, professoressa di Storia Medioevale all’università Paris-Est-Marne-la-Vallée, nonché condirettrice della prestigiosa rivista Médiévales. Si sono però concentrati solo su alcuni specifici avvenimenti della vita di Carlo Magno, quelli che lo portano a diventare imperatore del Sacro Romano Impero.

Questo è l’aspetto peculiare dell’opera ma può risultare anche un difetto. Per esigenze di spazio, infatti, molti dettagli sono stati trascurati e messi ai margini della narrazione e ciò vale pure per svariati protagonisti delle vicende. Il risultato complessivo è affascinante ma la narrazione risulta a tratti troppo schematica ed esile e si ha spesso la sensazione che manchi qualcosa. In pratica, non sempre si riesce a comprendere davvero i motivi che spingono Carlo Magno a compiere determinate scelte, a parte quella di diffondere, se non addirittura di imporre, la religione cristiana, con il pretesto della difesa del papato.

In definitiva, l’aspetto forse più riuscito dell’opera è la descrizione del carattere del protagonista, un uomo coraggioso, caparbio, pronto a prendere decisioni difficili, se non crudeli, pur di mantenere ben salda la sua visione del mondo. Da questo punto di vista, Bruneau e Delmas hanno fatto un buon lavoro ma permane una sensazione di parziale insoddisfazione, poiché sarebbe stato il caso di approfondire tante cose, e nell’ambito di un singolo volume ciò non era ovviamente possibile.

I dialoghi sono curati e la parte testuale è piuttosto densa, cosa consueta nell’ambito del fumetto francofono, e tale dettaglio potrà far storcere il naso a coloro che sono abituati a un ritmo narrativo più veloce. I disegni sono affidati a Gwendal Lemercier, con gli story-board di Robin Recht.

L’impostazione è naturalistica e non potrebbe essere diversamente per un lavoro che fa del rigore storico l’elemento essenziale e, sebbene a tratti siano un po’ standardizzati, sono in ogni caso accurati e l’attenzione nella raffigurazione dei paesaggi, delle architetture, degli abiti e in generale dell’ambientazione d’epoca è innegabile.

Vanno segnalati infine i colori foschi di Pierluigi Casolino, adatti alla cupezza di una vicenda drammatica come questa. In definitiva, abbiamo a che fare con un’opera di buon livello ma lievemente compromessa dalle mancanze da me rilevate.

Articoli Correlati

Il manga di Dragon Ball Super si sta preparando per l’uscita del suo prossimo grande capitolo, e gli spoiler del capitolo...

18/02/2024 •

13:00

One Piece è ora al lavoro sulla seconda stagione della sua serie live-action con Netflix, e dovrà eliminare Koby se vuole...

18/02/2024 •

11:30

La coppia più intensamente mal assortita dei fumetti e della cultura pop, il migliore in quello che fa e il mercenario...

18/02/2024 •

10:30