Adolescenza, violenza, memoria e morte sono i temi di Sputa tre volte, graphic novel con la quale il fumettista Davide Reviati ci fa tornare alla mente i ragazzi di borgata di Pier Paolo Pasolini.

Spesso i nostri ricordi più belli sono legati al periodo adolescenziale; chi più, chi meno ha vissuto quel lasso di tempo come unico e vivo.

Compra Sputa tre volte con sconto

Marchiato a fuoco nelle nostre menti, in quegli anni così fulgidi ci si sentiva capaci di tutto e niente, si potevano risolvere i problemi (chiamarli tali è forse troppo) con un semplice schiocco delle dita, si era pieni di vita perché il futuro era dalla nostra parte.

È proprio il tema dell’adolescenza uno dei capisaldi intorno al quale il fumettista Davide Reviati costruisce il suo ultimo romanzo grafico dal titolo: Sputa tre volte.

A sei anni di distanza da Morti di sonno, l’autore ritorna sui temi a lui più cari; non solo adolescenza (come detto sopra), ma anche il tema della morte, della paura e del diverso sono al centro di questo fumetto di quasi seicento pagine.

È la storia di Guido, Moreno chiamato “Grisù”, Katango e tanti altri cresciuti in una periferia che è quasi campagna. Frequentano con scarsi risultati l’Istituto Tecnico Industriale e riempiono le loro giornate tra bar e biliardo, scorribande in auto e fumate in riva al fiume.

A rendere ancor più vive le loro giornate è una famiglia di nomadi slavi: gli Stancic, “zingari ladri e senza Dio” disprezzati da tutta la gente del luogo. Tra di loro c’è Loretta, ragazza introversa e piena di rabbia che ai loro occhi sembra quasi una strega.

Davide Reviati consegna non una semplice storia per immagini, ma riesce a stendere un vero e proprio romanzo di formazione.

Il suo è un lavoro ben fatto proprio perché è stato in grado di inserire tutti quei temi che, almeno in parte, possono far costruire un parallelismo con i due romanzi chiave di Pier Paolo Pasolini: “Racconti di vita” e “Una vita violenta”.

Facile è infatti ricollegare Guido e compagni a quei ragazzi di borgata tanto cari allo scrittore bolognese. Così come nei libri di Pasolini, anche Reviati descrive una classe sociale medio-bassa, dove la cultura non riusciva ad attecchire e il gusto del bello era un concetto estraneo a molti.

Quasi un fumetto neorealista quello che lo scrittore concepisce, denso di vita vera e vissuta con autenticità. Cinematograficamente parlando, Sputa tre volte può ricondurre il lettore alla pellicola “Stand by me – Ricordo di un’estate”, in quel film come in questo fumetto sono i ragazzi i veri e soli protagonisti; innocenti nella loro fanciullezza diventato le colonne intorno al quale si realizza la storia.

Nel film di Rob Reiner (ricordiamo tratto da un racconto di Stephen King) e nel fumetto di Davide Reviati esce fuori a chiare lettere l’importanza e la forza dei legami d’amicizia che si creano tra adolescenti. Legami che proseguono fino all’età adulta i quali faranno parte di noi per sempre; non è poi un caso che siano amicizie solo al maschile.

Più che un semplice romanzo grafico, Sputa tre volte – edito per la Coconino Press – diventa quasi una luce da seguire; una guida da tenere accanto al comodino quando ci si dimentica della realtà.

Reviati rappresenta uno degli esempi più nitidi dell’importanza che riveste oggi il fumetto italiano.

Compra Sputa tre volte con sconto

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui