Anche il franchise di Hunger Games opta per la divisione in due parti del capitolo finale. La scelta avrà pagato?

Non sono un grande estimatore delle divisioni. Già con Harry Potter l’esperimento era stato discutibile, lo stesso si è rivelato per Hunger Games. Il canto della rivolta parte 1 era palesemente un film “mozzato”, lento e volutamente diluito. La seconda parte avrebbe dovuto essere il clou della saga e così è stata.

LA STORIA

Katniss si sta riprendendo dall’attacco di Peeta che sembra aver subito il lavaggio del cervello a Capitol City. Intanto i ribelli tentano l’avanzata verso Capitol City, passando prima per il distretto 2. Il triangolo amoroso tra Katniss, Peeta e Gale continua senza sosta, con la ragazza divisa tra l’amore (?) per Gale e l’affetto per Peeta.

La presidente Coin e Plutarch continuano ad escogitare una strategia per sconfiggere il presidente Snow. Katniss, come sempre, non si attiene agli ordini e si autoinveste della missione di assassinare il leader di Capitol City.

hungergamesmockingjay-banner

COMMENTO

La prima parte sarà senza spoiler, un commento più generale mentre nell’altra pagina troverete un commento più dettagliato.

Era difficile fare peggio della parte 1, un film noioso e privo di mordente. Non per nulla il terzo film del franchise era stato l’unico a ricevere una critica decisamente negativa da parte dei fan. Due ore in cui sostanzialmente accadevano poche cose, se non nulla. La parte 2 risolleva la storia e torna al livello dei primi due capitoli. Una storia raccontata senza sbavature e troppi tempi morti.

L’azione è ben bilanciata e le parti più riflessive non stancano, non annoiano praticamente mai. Gli effetti speciali sono sensazionali e la “cavalcata” dei protagonisti all’interno di Capitol City è decisamente spettacolare.

Girate pagina per il commento con Spoiler, se volete sapere qualche curiosità, invece, cliccate QUI

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui