Arriva un nuovo volume della collana Erotica dedicato alla splendida e disinibita Valentina! Cosa succede quando il suo amato Philip Rembrandt diventa il protagonista dell’Odissea? Non si tratta però di un’Odissea qualunque, come è lecito aspettarsi dal maestro Guido Crepax!

guido crepax erotica 15

Coloro che stanno seguendo la collana Erotica di Mondadori Comics dedicata alle opere del maestro Guido Crepax hanno compreso che l’ispirazione del padre di Valentina era decisamente poliedrica. L’ennesima dimostrazione di ciò è data dall’opera inclusa nel quindicesimo volume della serie. Anche stavolta la storia è incentrata sulla splendida fotografa ma un ruolo predominante lo assume il compagno Philip Rembrandt. Con i due capitoli intitolati ‘Alfabeto Muto’ e ‘Nessuno’, Crepax in un certo senso ritorna alle origini, al periodo in cui Philip era il protagonista assoluto delle storie con l’identità del giustiziere Neutron.

Ma i tempi sono cambiati e Neutron non ha più i suoi poteri e non è in grado di agire da giustiziere. In lui non c’è nulla di eroico e finisce in balia di strani individui, come vedremo. Valentina, benché sia sempre attraente, è ormai una donna matura e si sente vecchia. Il figlio Mattia è cresciuto e il tempo è passato. Di ritorno da un viaggio in America, Philip porta con sé alcuni misteriosi personaggi, ospitandoli a casa sua. Ben presto Valentina comprende che costoro celano inquietanti segreti e potrebbero avere pessime intenzioni nei loro confronti. Crepax gioca dunque con elementi thriller, creando un’atmosfera carica di suspense.

i cosiddetti americani sono in realtà esseri definiti Sotterranei che per una serie di ragioni hanno preso di mira proprio Philip. Ed è qui che Crepax rivela sua versatilità, trasformando la trama in una specie di versione surreale e onirica dell’Odissea. Come nel poema omerico, quindi, Philip è un Ulisse tormentato che, prima di tornare dalla sua Penelope e cioè Valentina, è costretto a vivere incredibili esperienze. Crepax ci dona versioni personali della maga Circe, dei ciclopi e di tutti gli straordinari personaggi cantati dal poeta cieco.

La narrazione ha una doppia ambientazione temporale: una collocata nel passato e un’altra in un presente trasfigurato in senso metaforico. Con il pretesto di una vicenda fantastica, infatti, Crepax allude al clima di tensione della fine degli anni settanta e i Sotterranei rappresentano i terroristi che spaventavano l’opinione pubblica dell’epoca. Tra le righe, critica pure l’atteggiamento compiacente dell’ambiente intellettuale che tollerò le attività eversive dei brigatisti. Ma non mancano suggestioni più personali legate al background dell’autore.

I riferimenti al jazz e in generale all’immaginario statunitense sono ricorrenti e Crepax inserisce nella story-line altri celebri character della saga di Valentina come, per esempio, l’androgina e disinibita Effi e il musicista Bruno. Entrambi, in assenza di Philip, si contendono le attenzioni dell’avvenente signora Rosselli che, dal canto suo, si diverte equamente con loro. I testi sono profondi e introspettivi e i dialoghi a volte ricordano quelli di certi film di Antonioni.

I disegni sono ottimi, come è lecito attendersi da Crepax. L’artista costruisce in maniera inventiva la pagina, specialmente nelle sequenze visionarie, rivelando l’influsso dell’architettura e del design. In altri momenti ricorre a una struttura più tradizionale con efficaci primi piani di matrice cinematografica. Il risultato complessivo è di innegabile raffinatezza. Erotica, quindi, si conferma come una collana di gran pregio e il volume piacerà agli estimatori dell’erotismo grafico e narrativo.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui