Lunga è la strada che dalla Francia porta al cuore caldo del Sud Italia. Ma basterà per ricucire una ferita che sanguina da dieci anni e che ha il sapore di una guerra mai consumata?

COME-PRIMA

Giovanni non vede il fratello maggiore da quando era un ragazzino. Fabio se n’è andato dal loro paese natio spinto dal vento dell’ambizione e dell’avventura, deciso a non sprecare la propria vita tra poche case di pescatori e a conquistarsi un posto nel mondo.

Per questo gli infervorati richiami alle armi del Duce di quell’Italia sull’orlo della guerra hanno avuto un tale successo sul suo animo incandescente e inquieto. Ma la sua scelta di partire non fu priva di conseguenze: rinnegato dal padre antifascista, disprezzato dai suoi compaesani, Fabio tagliò tutti i ponti, deciso a non far mai più ritorno in quella che considerava una terra di zotici. Ma la vita, con una puntualità quasi beffarda, spesso costringe a rimangiarsi la parola data.

Quando infatti Giovanni compare ai piedi del ring su cui boxa il fratello, con in mano l’urna del padre deceduto e una Cinquecento sgangherata parcheggiata lungo la strada, una tempesta si scatena dentro il cuore di Fabio, apparentemente così sicuro di se stesso. Spronato più dai debitori incombenti che dalla pietà filiale, Fabio accetta di salire in macchina e partire assieme, verso il luogo tanto detestato che un tempo chiamava casa.

Quello che ha inizio è un viaggio con i colori del sogno, un riallacciarsi di vecchi legami che si credevano sgretolati, ma che erano sempre lì, silenziosi e forti, e una marea di ricordi, che avanza e si ritira, solo per poi riavanzare più di prima.

come prima2

Gira pagina e continua a leggere

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui