DC World n. 15 – All Star Western n. 7, recensione RW Lion Comics

Pubblicato il 6 Gennaio 2015 alle 10:30

Jonah Hex è intrappolato nel ventunesimo secolo! Riuscirà a cavarsela? Se è già difficile avere a che fare con il Cavaliere Oscuro cosa succederà quando il cacciatore di taglie incontrerà John Constantine? Ce lo spiegano Grey e Palmiotti nel nuovo volume di All Star Western!

all_star_western_jonah_hex_7

Se in precedenza Jimmy Palmiotti e Justin Grey hanno narrato avventure dello spietato cacciatore di taglie Jonah Hex insistendo con le tipiche atmosfere western, nell’attuale serie del reboot le cose sono diverse. Non mancano i cliché delle storie ambientate nel west ma sin dal principio sono apparsi elementi horror e gotici che rendono All Star Western assimilabile al genere weird. Inoltre, gli autori hanno inserito parecchi collegamenti con il DCU, concentrandosi in particolare sulla Gotham City che tutti i fan di Batman conoscono.

A un certo punto, però, Jonah ha incontrato il viaggiatore del tempo Booster Gold e, come sanno coloro che hanno letto i tp precedenti, è finito nella Gotham City del presente. Un cacciatore di taglie in pieno ventunesimo secolo è senz’altro spiazzante e le story-line hanno ora assunto un tono sci-fi contaminato da un’attitudine pulp. E in questo volume che include i nn. 23-25 del comic-book originale tutto si complica.

Jonah è stato rinchiuso nel manicomio Arkham gestito da un discendente del fondatore Amadeus ma per una serie di circostanze riesce a fuggire ed è costretto a confrontarsi con un mondo per lui incomprensibile. Naturalmente, dal momento che ci troviamo a Gotham, non può mancare il Cavaliere Oscuro. Bruce Wayne apparirà infatti in questo story-arc e Palmiotti e Grey delineano una story-line divertente e veloce, affrontando tematiche scottanti come quelle dei matrimoni gay e dell’uso indiscriminato delle armi da fuoco, una delle piaghe della società americana. Emerge quindi il ritratto di una nazione allo sbando, popolata da folli e squilibrati e compromessa dalla violenza.

Inoltre viene introdotta Gina, un nuovo character femminile dal corpo sexy che ricorda le maggiorate dei film underground di Russ Meyer. Jonah si unirà a lei e finirà coinvolto nei rituali di un gruppo hippy. E sarà della partita nientemeno che John Constantine. Ma se c’è in circolazione il celebre occultista creato da Alan Moore possono demoni ed entità malefiche essere lontani? Certo che no e Jonah lo scoprirà a sue spese. Senza spoilerare, aggiungo che alla fine del tp arriverà pure un altro importante personaggio del filone mistico/esoterico del DCU. Di conseguenza, All Star Western è sempre più weird e horror nei toni, pienamente inserito nelle vicissitudini dell’universo di Superman, Batman e compagnia.

I testi di Palmiotti e Grey sono come al solito efficaci e anche dal punto di vista grafico la serie è pregevole. Il penciler regolare Moritat con il suo stile aggressivo è adatto alle situazioni violente, immaginifiche e sovente macabre immaginate dagli sceneggiatori. Dà il meglio di sé in particolare con Gina che pare uscita da una rivista per soli uomini ma si rivela a suo agio anche quando raffigura gli esseri mostruosi che John Constantine dovrà tentare di debellare. Nel complesso, All Star Western non è un fumetto rivoluzionario e innovativo ma è realizzato con professionismo e ha il merito di presentare un classico personaggio DC in un’ottica poco convenzionale. Da provare.

Articoli Correlati

Nelle intenzioni di Mark Millar Jupiter’s Legacy doveva essere il progetto di punta del suo Millarworld, con la serie TV...

12/08/2022 •

18:00

One Piece ha presentato tantissimi personaggi nel corso degli anni e sicuramente Shanks è quello maggiormente avvolto nel...

12/08/2022 •

14:00

Nelle serie animate Shonen ci sono moltissimi fattori che si devono considerare e ognuno di questi fa in modo di renderla di...

12/08/2022 •

12:00