Nell’episodio della scorsa settimana di DC’s Legends of Tomorrow – la nostra recensione QUI – le Leggende avevano risolto un grossissimo problema ovvero poter maneggiare il Telaio delle Parche senza perdere la vita.

Per farlo si erano dovuti intrufolare alla Hudson University e convincere il dio Dioniso, oramai stabilitosi in pianta stabile al college in quanto unico luogo dove si fa sempre festa e capace di garantirgli abbastanza potere, a prestare loro il suo Calice. Bevendo da esso infatti si ottiene l’immortalità seppur per un tempo limitato.

Tutte le Leggende avevano bevuto a sazietà, tranne Zari, ma non avevano messo in conto il tradimento di Astra che infatti si era ricongiunta con Lachesis e Atropos – le altre Parche.

Da qui riparte l’episodio di questo settimana intitolato I Am Legends. Astra, Lachesis e Atropos prendono possesso della Waverider lasciando invece le Leggende letteralmente a piedi in quella che sembra essere l’Inghilterra del presente.

Mentre Astra cerca di ottenere la resurrezione della madre dalle Parche, Gary con l’aiuto di Gideon cerca di riprendere il controllo della Waverider e soprattutto trafugare il Telaio delle Parche. Il resto delle Leggende scopre che l’Inghilterra in cui sono finiti è in preda ad una invasione zombie!

Ad Astra viene mostrato un futuro in cui la madre è viva con terribili conseguenze però mentre le Leggende devono sopravvivere all’orda famelica in quella che si rivela essere una corsa contro il tempo. Tutto dipenderà ancora una volta da Charlie sulle cui spalle poggia il destino delle Leggende nel vero senso della parola…

DC’s Legends of Tomorrow apre il suo filotto finale di episodi che chiuderanno questa Stagione 5 con una inerzia positiva ma che mostra qualche segno di cedimento come visto nell’episodio della settimana scorsa che si era rifugiato nella componente comedy della serie per “allungare” una idea concisa e legata al filone narrativo principale.

Questo I Am Legends – terz’ultimo episodio – segue purtroppo lo stesso canovaccio allungando a dismisura una sceneggiatura esile che deve far progredire, ma non troppo velocemente, il filone narrativo principale ormai prossimo al suo climax.

Ne soffre la regia che deve trovare più di una soluzione, spesso non brillante soprattutto in termini di ritmo, per sopperire al plot povero e alla già citata sceneggiatura esile confezionando un episodio al di sotto della sufficienza che non riesce neanche a trovar ragion d’essere nel cliffhanger finale che avrebbe meritato sicuramente più attenzione e più pathos.

Di I Am Legends rimane sicuramente la strizzata d’occhio, quanto cercata non si sa, alla Cornetto Trilogy di Simon Pegg e poco altro. La parte legata a Gary infatti è assolutamente approssimativa e dimenticabile nello svolgimento mentre l’idea di far deflagrare quella romantica, vedasi Constantine e Zari, è un evidente tentativo di cercare il colpo ad effetto per attirare l’attenzione dello spettatore.

Insomma con soli due episodi alla fine DC’s Legends of Tomorrow si è decisamente complicata la vita da sola e ora ci saranno davvero da fare i salti mortali per non vanificare quanto di buono fatto vedere nella prima eccellente parte di questa Stagione 5.

COMMENTA IL POST