Avevamo lasciato Batwoman la scorsa settimana con un episodio discreto – la nostra recensione QUI – che aveva risolto il mistero dietro al Diario di Lucius Fox e soprattutto al suo contenuto cifrato che aveva rivelato l’unica arma in grado di penetrare la bat-suit ovvero la kryptonite!

Il tutto era avvenuto non senza qualche passo falso di Batwoman e qualche ingenuità del suo alter-ego Kate che avevano portato alla fuga di Alice, Mouse e Hush da Arkham con una evasione di massa usata come diversivo e per fortuna con il salvataggio di Julia e Luke caduti proprio nelle loro mani.

Il season finale, anticipato, di questa prima stagione si intitola O, Mouse! e vede Kate delegare la questione legata alla kryptonite a Luke mentre la città è invasa dagli ex-detenuti di Arkham fra cui un pericolosissimo ex-giocatore di football.

Mentre Luke studia un modo per distruggere il pericoloso minerale, Alice e Mouse giungono ad un drammatico punto di rottura del tutto simile a quello fra Batwoman e Jacob Kane che fingendo una alleanza per catturare l’evaso cerca di toglierla definitivamente di mezzo.

Quando Luke annuncia di aver trovato il modo di distruggere la kryptonite, Kate confessa di averne nascosto un altro pezzo, quello consegnatole da Supergirl durante l’evento crossover Crisi sulle Terre Infinite, che ha promesso di custodire in casi di emergenza estrema e non può distruggere.

Intanto Alice architetta un piano perfetto: far infiltrare Hush alla Torre Wayne ma non prima di avergli dato un nuovo volto… quello di Bruce Wayne!

Se non fosse per l’incredibile e ben studiato twist legato ad Alice e Hush questo 20° e finale episodio di Batwoman non raggiungerebbe la sufficienza a causa di un villain della settimana davvero scialbo e sfruttato decisamente male ed uno svolgimento privo di ritmo e particolare interesse.

È evidente come l’episodio non era stato pensato come season finale ma, rimaneggiato come tale, riesce comunque a soddisfare complice forse anche l’annuncio che il prossimo anno il crossover dell’Arrowverse coinvolgerà solo Batwoman e la nuova Superman & Lois e che assume una portata decisamente importante avendo tirato in ballo la kryptonite in maniera inaspettata e non del tutto organica.

Tirando le somme a più ampio spettro, al netto di alcune indecisioni iniziali e delle croniche problematiche dell’Arrowverse – numero eccessivo degli episodi e componente drama ridondante su tutti – questa Stagione 1 di Batwoman è stata una sorpresa capace in alcuni passaggi di rileggere il mito batmaniano in maniera davvero efficace anche grazie ad una villain, Alice, poliedrica e ben interpretata da Rachel Skarsten che ha più volte rubato la scena alla protagonista Ruby Rose, e ad una spinta post evento crossover Crisi sulle Terre Infinite che ha rimaneggiato Hush da macchietta e pedina a questo punto fondamentale per la seconda stagione.

La raccomandazione è sempre quella ormai da quasi un decennio riguardo le serie dell’Arrowverse: ridurre il numero degli episodi per eliminare riempitivi inutili e ridondanti rendendo tutto più organico e fruibile.

In attesa della seconda stagione di Batwoman recuperate il volume a fumetti Elegia cliccando QUI.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui