La puntata più recente dell’anime di One Piece non riserva particolari sorprese, ma è certamente un po’ più apprezzabile della precedente, di cui qui potete trovare la mia recensione, anche grazie alla presenza di alcune sequenze che ci mostrano cosa stia succedendo intorno a Luffy e Kaido durante il loro terrificantemente devastante scontro.

STRONGER THAN ALL

Ciò che colpisce maggiormente durante questa seconda fase del combattimento fra Cappello di Paglia e l’Imperatore delle 100 Bestie non è tanto lo scontro in sé, quanto piuttosto un paio di elementi caratteristici proprio di Kaido, che danno il metro di quanto potente egli possa essere.

Innanzitutto, Kaido è dotato, oltre che di un corpo mastodontico e ultra muscoloso, di una resistenza fisica assolutamente e incredibilmente fuori dal comune: Luffy, infatti, gli si scaglia contro con tutta la potenza di cui è capace, la stessa impiegata contro Charlotte Katakuri e che gli è valsa la vittoria contro questo straordinario combattente, ma che si rivela del tutto o quasi inutile contro un Imperatore, come era facile prevedere.

Del resto, per quanto Katakuri possa essere gigantesco, ultra muscoloso ed eccezionalmente forte, è comunque il sottoposto di un Imperatore, per cui è facilmente deducibile che un vero Imperatore debba necessariamente essere ben più forte e potente di lui.

Un altro dettaglio da non sottovalutare è il fatto che Kaido sia ancora ubriaco marcio: se è in grado di combattere con tanta foga e di resistere così a lungo a colpi così devastanti da sbronzo, verrebbe proprio da chiedersi di cosa possa essere effettivamente capace da lucido!

BRUTAL ASSAULT

Detto questo, lo scontro mette in evidenza anche alcuni dei tratti peculiari di Luffy, uno su tutti la sua istintività, che ora come in mille altre occasioni sovfrasta la sua già non proprio spiccata razionalità.

Il Capitano dei Pirati di Cappello di Paglia si è infatti scagliato senza starci a pensare su troppo contro il suo nemico, infischiandosene apertamente del piano così accuratamente congegnato e portato avanti dai suoi compagni di ciurma e alleati.

In netto contrasto con questa mancanza di razionalità di Luffy è invece l’estrema programmaticità di Law, il quale sovente si ritrova a dover per questo riequilibrare la situazione dovendo intervenire in qualche modo per risolvere i casini creati dal suo avventato alleato attuale.

Purtroppo per lui, però, questa volta non gli sarà poi così semplice correre in soccorso di un Luffy chiaramente in piena difficoltà, nonostante quest’ultimo abbia fatto ricorso a quella che al momento attuale è la sua trasformazione più potente, il Gear Fourth.

Come Law è lì per proteggere Luffy, infatti, anche Hawkins non se ne starà certo con le mani in mano mentre il suo avversario cerca di aiutare il nostro aspirante futuro Re dei Pirati.

C’è inoltre da notare che non soltanto l’Uomo di Paglia e il Chirurgo della Morte si siano già incontrati e scontrati in precedenza proprio qui, nel Paese di Wano, ma i due hanno anche dei trascorsi antecedenti, poiché si conoscono già molto bene, anche per via del fatto che entrambi siano delle Supernove che appartengono alla cosiddetta Generazione Peggiore.

Inoltre, ascoltando con attenzione le parole di Hawkins scoprirete anche alcune interessanti informazioni che riguardano gli oggetti in Agalmatolite…

ANTICIPAZIONI

Dopo essere stato pesantemente sconfitto daKaido, il nostro Mugiwara viene catturato e costretto ai lavori forzati in una miniera, ma sarà proprio qui che incontrerà una sua (e nostra) vecchia conoscenza! Vedrete questo e altro nel prossimo episodio di One Piece, dal titolo Vita all’inferno – Il luogo dell’umiliazione di Luffy. Kaizoku ou ni ore wa naru!

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui