Avvicinandosi le feste natalizie l’idea di un bel fumetto che omaggi la tradizione dei racconti dedicati a questo periodo festivo è sempre interessante e suggestiva. Poi, il fatto di mettere a confronto Tex con storie natalizie con al centro i fantasmi (tradizione che ha in Canto di Natale di Charles Dickens l’opera più importante che ne fa da modello) è una combo imperdibile.

Lo stesso curatore e sceneggiatore di Tex, Mauro Boselli, si è fatto incuriosire da questa idea, proposta da due autori come Marco Nucci, Giulio Antonio Gualtieri. Lo spunto di Boselli, Nucci e Gualtieri ha fatto inserire il giovane Aquila della Notte all’interno di un’antologia di racconti che racchiudono una storia principale che fa da traino.

Al centro di questo primo speciale annuale di Tex Willer ci sono i selvaggi e disabitati monti Uintah, che, secondo le leggende degli Utes, sono dimora di spiriti maligni. Solo i conquistadores spagnoli passarono di lì, tanti anni fa, alla ricerca dell’oro. E sarà proprio il giovane Tex in fuga a trovarvi riparo.

C’è però di mezzo un rifugio sicuro, nel quale si sono insediati tre banditi, una ragazza loro prigioniera, e un cercatore d’oro che conosce le vecchie leggende degli Uintah. Il gruppo racconterà quindi storie di fantasmi per far passare il tempo. Mentre Tex, fuori dal rifugio, dovrà confrontarsi con i pericoli della natura.

Le diverse storie che fanno da raccordo alla linea narrativa principale sono intriganti, ma, raccolte in sole 120 pagine, diventano delle apparizioni fugaci, che non riescono a incidere per quanto potrebbero. Ed anche la storia principale, che coinvolge i banditi, la ragazza rapita, ed il giovane Tex in fuga, viene smorzata parecchio dal ritmo dei racconti che si alternano tra le pagine.

Tex Willer Fantasmi di Natale Tex Willer Fantasmi di Natale Tex Willer Fantasmi di Natale

 

Questo primo speciale annuale di Tex Willer non è esattamente una ciambella riuscita col buco, ma è comunque un’operazione suggestiva e interessante che merita la lettura. E poi l’idea d’incrociare Tex con storie antologiche a tema natalizio sarebbe interessante da sfruttare anche in futuro.

Il formato ridotto della serie Tex Willer (solitamente di 64 pagine), ha portato a realizzare uno speciale di 120 pagine, che risultano essere il doppio rispetto ad un albo consueto della serie. Ma i tanti filoni narrativi da sviluppare in questo speciale fanno risultare le 120 pagine un po’ troppo scarse per il materiale narrativo da esporre.

I disegni di Marco Ghion sono invece azzeccati, capaci di rispettare la tradizione texiana, e, considerando che si tratta di tavole realizzate per la nuova serie su Tex, riescono anche a proporre qualche piccola innovazione, con alcune gabbie di vignette più audaci rispetto alla tradizione bonelliana.

Fantasmi di Natale risulta essere un fumetto interessante, ma che, per vari motivi, non ha sfruttato a pieno il proprio potenziale. L’idea del Tex Willer annuale è comunque ottima, e dà voglia di scoprire quale sarà la prossima trovata di Mauro Boselli per una nuova storia speciale dedicata al giovane Tex.

La lettura del fumetto è consigliata ai texiani forti ed anche ai neofiti, per immergersi in atmosfere natalizie suggestive ben accompagnati da Tex. Invece, per gustare al meglio il potenziale della serie su Tex Willer, conviene spostarsi direttamente sulla lettura dei numeri regolari, che stanno avendo un continuo crescendo, e sono una delle migliori proposte bonelliane degli ultimi anni.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui