L’episodio della scorsa settimana di The Flash – la nostra recensione QUI – era stato un altro episodio tematico tutto incentrato su Elongated Man. Ralph e Barry infatti si erano imbarcati in una missione sotto copertura dai toni decisamente bondiani per ritrovare Sue Dearborn.

I due non avevano ritrovato la donna scomparsa ma avevano rocambolescamente smantellato l’organizzazione del perfido Remington Meister intento a presentare ad una platea di criminali una pericolosa arma di distruzione di massa.

Dopo questa avventura, Barry aveva confessato a Ralph di volerlo investire ufficialmente come eroe suo successore per proteggere Central City attirando però anche Ramsey Rosso che aveva attaccato l’eroe allungabile proprio subito dopo la conferenza stampa di investitura.

Proprio dall’attacco riprendere l’episodio di questa settimana intitolato The Last Temptation of Barry Allen, Pt. 1.

A soli due giorni dalla crisi Ramsey infetta Ralph. Per guarirlo Caitlin suggerisce di far accelerare il suo metabolismo con una trasfusione di sangue di Barry. Tutto sembra procedere per il meglio ma improvvisamente proprio Barry inizia ad avere strani incubi e visioni.

Ramsey gli fa visita suggerendogli che nel suo potere c’è una speranza di salvezza dalla Crisi. È evidente che anche Barry sia stato infettato e pur resistendo faticosamente alla tentazione del lato oscuro sarà una confessione della stessa Speed Force a gettare il Velocista quasi fuori dalla carreggiata.

Toccherà a Cisco intervenire in maniera provvidenziale per riportare Barry alla piena coscienza o forse no?

Un po’ a sorpresa e non senza qualche passaggio meno riuscito The Last Temptation of Barry Allen, Pt. 1 è forse uno dei migliori episodi di questa fiacca sesta stagione di The Flash.

Il merito va dato senz’altro agli sceneggiatori che in barba a premesse abbastanza esili e poco originali riesco ad innestare una componente drama decisamente meno banale del solito e innervata da alcuni classici spunti presi dalla letteratura supereroistica più classica. Ecco quindi che Barry, dopo cinque episodi in cui aveva mantenuto una certa stoicità di fronte al suo destino, inizia a mostrare i primi segni di cedimento di fronte alla possibilità che la sua vita sia prossima alla fine e sia davvero segnata dalla imminente Crisi.

C’è anche da dire che purtroppo in qualche frangente l’episodio ricorda troppo il peggio offerto dallo Spider-man 3 di Sam Raimi forse anche per colpa di un villain, quel Ramsey Rosso mai troppo convincente, che con il passare degli episodi sta sfumando verso territori troppo marvelliani sia nell’aspetto che nello sviluppo del personaggio.

Decisamente felice invece la scelta di rendere questo un episodio in due parti evitando il rischio compressione che appena accennato viene evitato proprio grazie al twist finale.

Insomma come detto pochi capoversi fa, un po’ a sorpresa The Flash mostra qualche segno di vita proprio alla vigilia dell’evento crossover Crisi sulle Terre Infinite sfruttando al meglio alcuni dei pochi spunti positivi di questo inizio stagione e trovando in una delle sue componenti mai troppo efficaci, quella drama, un inaspettato punto di forza.

Vedremo come le buone sensazioni di questa prima parte verranno sviluppate e portate a conclusione la prossima settimana.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui