Nell’episodio della scorsa settimana – la nostra recensione QUI – Abby e il Mostro già Alec Holland avevano unito per la prima volta le forze per contrastare un’altra pandemia che si stava rapidamente diffondendo in città e che era causata da qualcosa di decisamente poco scientifico proveniente dalla palude. Con grande spirito di sacrificio prima Abby e poi lo stesso Alec erano riusciti a riportare questa “cosa” nella palude mettendola così a riposo.

Intanto i Sunderland avevano deciso di adottare, seppur in maniera poco legale, la piccola Susie – la paziente zero; Avery era riuscito così a convincere la moglie a finanziare le ricerche del dottor Woodrue che intanto aveva iniziato a seguire molto da vicino le indagini di Abby intenta a scoprire cosa è diventato Alec.

Sempre Avery deve anche trincerarsi affinché i suoi affari poco leciti vengano a galla non solo per quanto riguarda Alec, con il ritrovamento di un pezzo della sua imbarcazione con fori di proiettile, ma anche quelli legati alla sparizione del suo consulente finanziario sulle cui tracce c’è Liz Tremayne, l’amica giornalista di Abby.

In tutto questo che ruolo ha il buffo attore di serie B Daniel Cassidy e qual è la sua connessione con Madame Xanadu?

Dalle molte domande lasciate in sospeso riparte l’episodio di questa settimana, il quinto, intitolato Drive All Night.

Abby è ancora intenta a capire la fisiologia di Alec con Woodrue che, facendosi sempre più pressante, inizia a sospettare che in qualche modo e forma le sue ricerche abbia dato frutti insperati e che proprio Alec ne sia rimasto coinvolto. Decide quindi di recarsi nella baita di Holland in cerca di tracce.

Proprio Alec riceve un misterioso visitatore nel cuore della palude che inizia a spiegargli come i suoi poteri derivino dal Green, una forza che connette tutta la vita biologica e che conserva ricordi delle vite e degli avvenimenti passati.

A casa Sunderland intanto la piccola Susie riceve la visita di Shawna, la figlia di Maria evocata tramite Xanadu. La ragazza attirerà la madre nella palude e solo l’intervento di Alec scongiurerà il peggio riportando Abby agli eventi di 14 anni prima e alla morte di Shawna.

Drive All Night recupera la componente più horror, e modern horror per la precisione, che negli ultimi due episodi era stata leggermente accantonata per dare “sostanza” a trame trasversali e personaggi secondari.

L’episodio di questa settimana mette subito al centro delle vicende la componente più mistica della serie con il triangolo Maria-Susie-Shawna che offre al regista possibilità di realizzare qualche bel jump scare e agli sceneggiatori di iniziare a tirare le fila – siamo al giro di boa per la serie – sugli eventi del passato di Abby.

Il tutto poi converge sapientemente da un lato con le trame di Avery e Woodrue e dall’altra con quelle di Alec di cui si inizia ad esaminare la natura dei suoi poteri con chiari riferimenti fumettistici.

L’episodio scorre sicuro forte anche di un minutaggio leggermente più generoso rispetto alle ultime settimane che permette di evitare una compressione delle trame. Con soli 5 episodi alla conclusione ora per Swamp Thing si tratta solo di accelerare un po’ il ritmo e dare una degna conclusione alle trame.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui